Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus 110%, Conte: ‘intendiamo estenderlo anche oltre il 2021’
NORMATIVA Superbonus 110%, Conte: ‘intendiamo estenderlo anche oltre il 2021’
RISPARMIO ENERGETICO

Dlgs rinnovabili, nuove proposte di modifica dalle associazioni

di Rossella Calabrese

Greenpeace, Legambiente e WWF: ‘limitare i divieti di installare impianti fotovoltaici alle aree agricole di pregio’

Vedi Aggiornamento del 02/03/2011
Commenti 6758
18/01/2011 - Continua la mobilitazione da parte delle organizzazioni ambientaliste e del settore delle rinnovabili per chiedere al Governo di modificare lo schema di decreto legislativo che riordina la disciplina delle rinnovabili e il sistema egli incentivi.
 
Nei giorni scorsi Greenpeace, Legambiente e WWF - assieme a tre organizzazioni del settore delle rinnovabili - Fondazione sviluppo sostenibile, Kyoto Club e ISES ITALIA, hanno lanciato un nuovo allarme sulle conseguenze negative che lo schema di decreto potrebbe sul settore delle  rinnovabili. Le associazioni hanno, inoltre, proposto una serie di emendamenti finalizzati a migliorare il testo del decreto e a garantire la stabilità del mercato delle rinnovabili, l’efficienza negli incentivi e il perseguimento degli obiettivi fissati dall’Unione Europea per il 2020.
 
Sono riconosciuti alcuni elementi positivi contenuti nello schema di decreto, (l’incentivazione della generazione termica e della biomassa) ma viene paventato il blocco dello sviluppo delle fonti rinnovabili in Italia, a causa dei nuovi meccanismi incentivanti previsti dal testo. A rischio sarebbero - secondo le associazioni - soprattutto l’eolico e il solare fotovoltaico.
 
“Sarebbe molto grave - dichiarano i rappresentanti delle associazioni - se l’effetto netto del decreto fosse proprio quello di mettere in discussione la capacità del Paese di centrare gli obiettivi europei del 2020, ostacolando l’importante occasione di sviluppo di filiere industriali in Italia e la creazione di decine di migliaia di nuovi posti di lavoro, oltre a quelli già creati fino ad oggi. Non vorremmo - concludono i rappresentanti - che dopo un’assurda campagna di disinformazione sulle fonti rinnovabili, il Governo, con l’intento ufficiale di sistematizzare gli incentivi alle rinnovabili, ne provochi di fatto un rallentamento se non il blocco di alcune tecnologie”.
 
Gli emendamenti proposti riguardano alcuni dei punti del decreto: in particolare, le associazioni non condividono la limitazione degli impianti solari fotovoltaici a terra (massimo 1 MW e 50 kW per ettaro), e propongono di distinguere i casi di aree agricole di pregio dalle altre, affidando la competenza alle Regioni. Inoltre chiedono la riduzione del taglio del prezzo dei Certificati Verdi del 15% del valore attuale, e non del 30%, più congruo rispetto ai costi effettivi.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
fotovoltaico

Vi segnalo questo sito: <a href="http://www.fotovoltaiconordest.it/">Fotovoltaico</a><a href="http://www.fotovoltaiconordest.it/"> Nord Est</a> per confrontare più preventivi di pannelli fotovoltaici e termici. Il servizio vi permette di cercare (gratuitamente) installatori convenzionati nella vostra zona per scoprire qual'è l'offerta più conveniente! Provare per credere!!!


x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, si parte col piede giusto? Leggi i risultati