Carrello 0
AZIENDE

Progetto conservativo in noce americano

Commenti 2745

La nuova biblioteca di Rush in una chiesa cattolica sconsacrata del XIX secolo

Commenti 2745
24/02/2011 – Vincitrice del premio RIAI Irish Architecture Award 2010 come migliore progetto di conservazione/restauro, la nuova biblioteca di Rush, una cittadina nel sud dell’Irlanda, è uno splendido esempio di intervento moderno su un edificio del XIX secolo.  A rendere il progetto ancora più complesso e stimolante per lo studio di architettura di Dublino McCullough Mulvin era la natura dell’edificio, destinato a diventare una biblioteca; si trattava infatti di una chiesa cattolica che conservava in perfetto stato molti degli elementi tipici di un luogo di culto.

Gli architetti, particolarmente attenti e sensibili alla necessità di trasformare un edificio storico in un’efficiente biblioteca, hanno deciso fin dall’inizio di non modificare l’esterno della chiesa.  Hanno quindi progettato una struttura che fosse in grado di contenere tutti i materiali e le attrezzature di una moderna biblioteca all’interno della chiesa, puntando a conservare, per quanto possibile, gli elementi esistenti e le caratteristiche interne di ciò che un tempo era stato un luogo di culto.

L’intervento, costituito da un profilo spezzato in noce scuro americano (American black walnut, www.americanhardwood.org), occupa tutta la navata della chiesa, dal pavimento alle pareti laterali, formando una sorta di ‘U’ rimovibile, e prevede due soppalchi al piano superiore. Il legno di latifoglia americana della struttura, dal colore scuro e intenso, crea un forte contrasto con l’intonaco chiaro dei muri antichi e ribalta l’idea di ciò che ci si potrebbe aspettare da un accostamento più convenzionale fra strutture antiche e moderne.  Attenti alla funzione originale dell’edificio, gli architetti hanno ricavato delle aperture nelle pareti della struttura per dare risalto e incorniciare alcuni elementi della chiesa, come ad esempio i confessionali, creando un’ulteriore contrapposizione tra vecchio e nuovo.

La biblioteca di Rush è il genere di progetto che l’architetto capo Niall McCullough adora eseguire.  La scelta del noce americano, inoltre, con la sua texture e il suo colore intenso, si è rivelata ideale per creare quell’effetto di contrasto vecchio-nuovo che desiderava realizzare all'interno di una tradizionale chiesa del XIX secolo. Così McCullough: “Vista la natura dell’edificio, la sfida era enorme. Dovevamo tenere in considerazione la sua storia e funzione originale e creare al contempo uno spazio pratico ed efficiente per ospitare una biblioteca funzionale.

“Il noce nero americano (noce canaletto) ha dimostrato di essere il materiale ottimale per questo progetto. È infatti caratterizzato, oltre che da un colore scuro e una ricca texture, anche da notevole stabilità dimensionale ed elevata lavorabilità, proprietà che hanno contribuito alla realizzazione di questa forma avvolgente. Abbiamo collaborato con la falegnameria locale Dunwoody & Dobson, che ha messo a disposizione il proprio know-how per questo eccezionale progetto conservativo”.
Inoltre, il cimitero della chiesa è stato trasformato in un giardino con aiuole ben ordinate e separate che riflette la passione dei residenti di Rush (un mix di irlandesi e lettoni) per la coltivazione di fiori e ortaggi.

American Hardwood Export Council
L'American Hardwood Export Council (AHEC) è la più importante associazione per il commercio internazionale di legno di latifoglie americane. Rappresenta le società USA impegnate nell'esportazione, nonché le maggiori associazioni per il commercio dei prodotti in legno di latifoglie americane. AHEC è sempre a disposizione di architetti, designer e clienti finali per fornire le informazioni tecniche sulla gamma di specie dispobibili, sui prodotti e sulle fonti di approvvigionamento.
www.americanhardwood.org
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Cosa è cambiato con il decreto SCIA 2? Rispondi al quiz! Partecipa