Carrello 0
NORMATIVA

Decreto Rinnovabili: la Camera propone modifiche al testo

di Rossella Calabrese
Commenti 9571

Le Commissioni chiedono di eliminare il tetto di 1 MW per il fotovoltaico in area agricola

Vedi Aggiornamento del 04/03/2011
Commenti 9571
08/02/2011 - Anticipare l’entrata in vigore dei limiti per gli impianti fotovoltaici in zona agricola; eliminare il tetto massimo di 1 MW per tali impianti e prevederne uno “adeguato ad evitare l’utilizzo eccessivo delle aree agricole”; dedicare al fotovoltaico al massimo il 20% delle superfici agricole fino a 5 ettari.
 
Sono queste alcune delle richieste di modifica avanzate dalle Commissioni Ambiente e Attività produttive della Camera, alla bozza di decreto legislativo per il recepimento della Direttiva 2009/28/CE sulla promozione delle fonti rinnovabili.
 
Tali modifiche sono relative all’articolo 8, comma 5, che - ricordiamo - fissa un limite massimo di 1 MW di fotovoltaico per ogni ettaro di terreno agricolo e stablisce che il rapporto tra la potenza nominale dell’impianto e la superficie del terreno non sia superiore a 50 kW per ettaro.
 
Le Commissioni chiedono, inoltre, che tutti i suddetti limiti non si applichino alle aree dichiarate inquinate e che le Regioni possano stabilire limiti diversi per aree agricole marginali e non utilizzabili a fini di coltivazione, contaminate, incolte o degradate.
 
L’articolo 6-bis, comma 1, assoggetta alla procedura semplificata o alla comunicazione gli impianti solari termici da realizzare sugli edifici, a condizone che siano aderenti o integrati nei tetti con la stessa inclinazione e lo stesso orientamento della falda, e che non alterino la sagoma degli edifici. Le Commissioni chiedono di concedere le suddette semplidficazioni anche agl impianti “di rivestimento di pareti verticali esterne agli edifici”.
 
L’articolo 9, nel testo attuale, prevede l’obbligo di integrazione delle fonti rinnovabili negli edifici di nuova costruzione e negli edifici esistenti sottoposti a ristrutturazioni rilevanti. Le Commissioni chiedono che gli obblighi dei Regolamenti edilizi comunali sulle fonti rinnovabili, diversi da quelli fissati dal presente decreto o da leggi regionali, vengano aggiornati, decorsi sei mesi dalla pubblicazione del decreto.
 
Tra le osservazioni, c’è l’invito al Governo di definire un ‘burden sharing’ regionale, cioè di assegnare ad ogni Regione le quote di energia rinnovabile da produrre, per raggiungere l’obiettivo 2020. Ricordiamo che qualche giorno fa il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola ha chiesto con forza al Governo di fissare le quote regionali di burden sharing, attese da due anni (leggi tutto).
 
Inoltre, le Commissioni hanno suggerito al Governo di chiarire meglio la tipologia degli impianti ed i casi ai quali si applica l’autorizzazione unica e la procedura abilitativa semplificata, e come tali norme si coordinano con la DIA e la SCIA come modificate dal DL 78/2010. Si tratta dello stesso problema sollevato la scorsa settimana dalle Commissioni del Senato (leggi tutto).
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
sandro

Posso essere d'accordo con tutti voi. ma prima di tutto cerchiamo di focalizzare il problema. Si usano terreni agricoli - Vero Si usano tetti - Vero a questo punto cerchiamo di incentivare a coprire i nostri tetti con del fotovoltaico, magari incentivandolo di piu' rispetto a quello che viene dato per i terreni, magari triplicandoli e riducendo al minimo quello su terreno, invece di legiferare un decreto che e' un blocco a quello che molti di noi vedeno come un futuro con meno energia data da petrolio. questo e' il mio pensiero.

thumb profile
maria ricciuti

Certo vedrei molto più volentiri la mia terra coperta di grano che non di pannelli! Ma se affitto la terra, circa 12 ha a chi pianta il grano mi promette 1200 euro l'anno, io sono vecchia (75 anni) non posso coltivare nemmeno il geranio nel vaso, Faccio la fame o mi butto sul fotovoltaico che me ne offre circa 40000? Già mangiamo tutto cinese come è ridotta attualmente la nostra agricoltura!

thumb profile
ciro

Ma perche bisogna bloccare la corsa dell'unico settore che attualmente sta dando lavoro a tante persone?

thumb profile
giordano

INVECE IO DICO BASTA A QUESTI PETROLIERI TRAVESTITI DA VERDI CHE NON HANNO IN TESTA UN MINIMO DI NUMERI MA PARLANO SEMPRE PER SENTITO DIRE (NEL MIGLIORE DEI CASI) O PER POSIZIONI DI PARTITO SENZA USARE IL PROPRIO CERVELLO. GIORDANO .

thumb profile
angelo giranda

Penso che prima di parlare e scrivere bisogna sapere che: 1) se tutti i GW di fotovoltaico che l'Italia deve realizzare venissero realizzati, si occuperebbe neanche lo 0,5 del territorio e sono terreni che non vengono coltivati perchè l'agricoltura è in ginocchio, non rendono e quel pò di fitto permette al proprietario di "SPRAVVIVERE";2) gli "SPECULATORI"sono Aziende che investono fior di milioni creando "OCCUPAZIONE". Se vogliamo un clima più pulito, liberarci dagli organismi fossili, creare occupazione, non è parlando a vanvera e senza cognizione di causa che si risolve il problema.

thumb profile
Terra Preziosa

Basta! Non se ne può più! Se si vuole fare del fotovoltaico che si faccia sui tetti dei capannoni, sui parcheggi, nelle pertinenze stradali, nelle discariche, nelle cave e in tutti quei luoghi che non sottraggono suolo agricolo all'agricoltura vera!!! Gli speculatori devono avere dei limiti! Cosa mangeremo tra un po? tutto cinese?


x Sondaggi Edilportale
Il programma del Governo Conte bis. Come realizzarlo? Partecipa