Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Edilportale Digital Forum, la quarta giornata della fiera virtuale dell’edilizia
TECNOLOGIE Edilportale Digital Forum, la quarta giornata della fiera virtuale dell’edilizia
LAVORI PUBBLICI

Riqualificazione urbana e social housing, 22 mln al Veneto

di Paola Mammarella

Accordo tra Regione e Ministero delle infrastrutture per la realizzazione di 195 alloggi

Vedi Aggiornamento del 25/10/2011
Commenti 5331
25/03/2011 – Prosegue con il Veneto il “Programma di riqualificazione urbana per alloggi a canone sostenibile” del Governo, che ha attivato oltre 280 milioni di euro di finanziamenti statali da ripartire con le Regioni e le Province autonome.
 
L’iniziativa Stato-Regione interviene nel settore dell’edilizia residenziale pubblica, favorendo la riqualificazione urbana ed il recupero degli immobili dismessi nei Comuni caratterizzati da degrado urbanistico ed ambientale.
 
Il Veneto beneficerà in tutto di 21 milioni e 921 mila euro, di cui 16,8 milioni stanziati dallo Stato ed oltre 5 milioni di euro messi a disposizione dalla Regione. A questi si aggiungono le risorse messe a disposizione dai Comuni finanziati, che partecipano con almeno il 14 per cento del finanziamento complessivo ricevuto.
 
La Regione ha selezionato con un apposito bando di concorso cinque Comuni. A Verona sono stati assegnati 10 milioni, a Venezia 7 milioni e 500 mila euro, e a Marcon circa 2 milioni. Seguono Casale sul Sile, con quasi un milione e 400 mila euro, e San Michele al T con un milione e 250 mila euro.
 
Secondo l’assessore regionale all’edilizia residenziale pubblica, Massimo Giorgetti, che ha sottoscritto l’accordo, con queste risorse sarà possibile incrementare il patrimonio abitativo con la realizzazione di 195 nuovi alloggi da assegnare a canoni moderati.
 
Giorgetti ha affermato che nella scelta degli interventi è stata data priorità alle proposte di risparmio energetico e utilizzo delle fonti rinnovabili.
 
L’Assessore ha riferito anche che i comuni interessati saranno contattati a breve per la sottoscrizione delle convenzioni attuative. Con questi presupposti, i lavori potrebbero partire prima dell’estate.
Ricordiamo che hanno già sottoscritto gli accordi di programma con il Ministero le Regioni Emilia Romagna, Piemonte, Umbria, Molise, Basilicata, Sicilia, Liguria, Lombardia, Campania, Sardegna, Friuli Venezia Giulia, Toscana, Puglia e Provincia di Trento.


 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui