Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Edilportale Digital Forum, la quinta giornata della fiera virtuale dell’edilizia
TECNOLOGIE Edilportale Digital Forum, la quinta giornata della fiera virtuale dell’edilizia
RISPARMIO ENERGETICO

Edifici pubblici e commerciali più efficienti

di Rossella Calabrese

Dalla UE nuovo pacchetto di proposte per raggiungere gli obiettivi del 2020

Vedi Aggiornamento del 24/06/2011
Commenti 5600
15/03/2011 - I Governi dovranno ridurre il consumo di energia in almeno il 3% degli edifici pubblici ogni anno e le imprese dovranno tagliare il consumo energetico negli edifici commerciali.
 
Lo chiede la Commissione europea nell’ambito di un nuovo pacchetto di proposte per accrescere entro il 2020 l'efficienza energetica e creare entro il 2050 una vera economia a basse emissioni di CO2.
 
La strategia Europa 2020
Gli sforzi compiuti dall’UE per affrontare i cambiamenti climatici, rispettando il fabbisogno energetico europeo, rientrano nella strategia Europa 2020. Questa strategia prevede tre obiettivi quantitativi da raggiungere entro il 2020:
- ridurre le emissioni di gas serra del 20%;
- ricavare il 20% dell'energia da fonti rinnovabili;
- tagliare del 20% il consumo energetico.
 
Se sul fronte emissioni e rinnovabili si è sulla buona strada, per il consumo si registrano forti ritardi. Da qui la volontà della Commissione di raddoppiare gli sforzi, delineando una strategia a lungo termine per trasformare l'Unione europea in un'economia a basse emissioni di CO2, ma pur sempre competitiva.
 
Efficienza energetica
Il nuovo piano per l'efficienza energetica sollecita:
- i governi a ridurre il consumo di energia in almeno il 3% degli edifici pubblici ogni anno e a tener conto dell'efficienza energetica nell'acquisto di beni e servizi;
- le imprese a tagliare il consumo energetico negli edifici commerciali;
- un'ulteriore riduzione del consumo degli elettrodomestici;
- una produzione più efficiente di energia elettrica e calore;
- requisiti di efficienza energetica per gli impianti industriali;
- la pratica dell'audit energetico nelle grandi aziende;
- la realizzazione di reti e contatori intelligenti, che consentano di ridurre i consumi e calcolare i risparmi.
 
La nuova strategia potrebbe, inoltre, aiutare le famiglie a risparmiare ben 1000 euro all'anno sulla bolletta di luce e gas e contribuire a creare fino a 2 milioni di nuovi posti di lavoro. Nei prossimi mesi la Commissione presenterà alcune proposte legislative per queste misure.
 
Economia a basse emissioni di CO2
La tabella di marcia verso un’economia competitiva a basse emissioni di CO2 mostra come l’UE possa ulteriormente tagliare le emissioni di gas serra, ad appena il 5-20% rispetto ai livelli del 1990 entro il 2050, diventando al tempo stesso più competitiva. Servirebbero però ulteriori 270 miliardi di euro di investimenti all'anno in tecnologie verdi e trasporti, infrastrutture, come reti elettriche intelligenti, e tutela dell'ambiente. Questi andrebbero ad aggiungersi agli attuali investimenti che ammontano in totale al 19% del PIL dell'UE. In parte potrebbero contribuire i risparmi, dell'ordine di 175-320 miliardi di euro all'anno, derivanti dalle minori importazioni di petrolio e gas.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui