Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Decreto Requisiti Tecnici, posa in opera esclusa dai massimali di costo
NORMATIVA Decreto Requisiti Tecnici, posa in opera esclusa dai massimali di costo
NORMATIVA

Conto Energia, tetto semestrale o annuale agli incentivi

di Rossella Calabrese

Aiuti al fotovoltaico fino al 2017, anno in cui si prevede il raggiungimento della grid parity

Vedi Aggiornamento del 02/05/2011
Commenti 11946
18/04/2011 - Il nuovo regime di incentivazione al fotovoltaico prevederà un tetto di spesa semestrale o annuale e si esaurirà nel 2017, al previsto raggiungimento della grid parity. Lo ha detto qualche giorno fa il sottosegretario allo Sviluppo Economico, Stefano Saglia, al termine di un convegno.
 
“Stiamo ragionando su un tetto alla spesa sul modello tedesco - ha detto Saglia alla Reuters - visto che il tetto alla potenza risulta così sgradito. Non abbiamo ancora deciso se verrà conteggiato ogni sei mesi o ogni anno. Il nuovo sistema prevede inoltre che nel 2017 non ci sarà più incentivazione”.

Il sottosegretario non ha parlato di cifre relative alla riduzione degli incentivi ma ha assicurato che la transizione non penalizzerà gli investimenti in corso.
 
Oggi il Governo incontrerà la commissione tecnica della Conferenza Stato-Regioni, in vista della Conferenza convocata per mercoledì 20 aprile.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Giusu

Scusa ma il 2° conto Energia del19/02//2007, chi credi che l'abbia voluto? Il governo Prodi II è caduto nel 2008 ed era in carica dal 2006.... Beh, sparare a zero perchè reputi Prodi una caccola mi sembra il classico schematismo di chi cammina con il paraocchi e ragiona con il c..o. Ciao

thumb profile
ugoz

Ma sei Ing. o fai finta di esserlo? 3° Conto Energia Incentivo = 0.44 € x ogni kwh prodotto 1 kwp al Nord produce in media 1100 KWH in 1 Anno... quindi 440 € x kwp installato x 20 anni =8800 € costo di 1 kwp = circa 4000 € utile= .... sei un ingordo! PRODI cosa ha fatto per il settore FV?niente! NIENTE! NIENTE!

thumb profile
Enrico

Qualcuno sta pensando che vi sia una concorrenza fra le centrali nucleari e il fotovoltaico. Bè, non è così. Noi abbiamo bisogno di tutti i tipi di energia. Le persone competenti sanno che l'energia cosiddetta pulita, nella migliore delle ipotesi, potrà coprire il 20% di quella che ci necessita, a meno che non pensiamo di ricoprire l'intera penisola di panneli solari, a scapito della produzione agricola; e questo, purtroppo sta già succedendo. Capita sempre più spesso di vedere campi strappati all'agricoltura per la produzione di energia elettrica. Questo non avviene per spirito ambientalista, ma per la convenienza degli incentivi rispetto al lavoro della terra. Sono convinto, però, che si viva prima di pane e poi di energia. E' questa la distorsione che deve essere corretta. La terra deve rimanere fonte di produzione agricola, mentre sono gli edifici, i cosiddetti tetti, pensiline o quant'altro inutilmente esposto al sole che deve essere incentivato. Il tetto alla spesa deve bloccare questi investimenti, che ecologici non sono e che pesano su tutti i cittadini, con le tasse, per il finanziamento, e con la spesa per il maggior onere della spesa alimentare, secondaria alla minor produzione. Valutate gente!

thumb profile
Vincenzo

fino a qualche mese fa davo un pò di ragione al governo supponendo che la sinistra ormai da anni fa solo polemiche , oggi mi convinco che sono tutti una marmaglia di affaristi ed incapaci e molti hanno la fedina penale opaca.Speriamo di convincere almeno la maggioranza degli italiani ad andare ai seggi per i referendum. La prossima volta credo e contribuirò anch'io contro il popolo delle libertà. Ma chi altri scegliere? a noi l'ardua sentenza.

thumb profile
francesco

annunciare il dietro front sul nucleare (balla madornale) e prospettare delle tariffe che cambiano ogni mese da giugno a dicembre 2011 significa mettere definitivamente in ginocchio il ns. settore. Tra mille ostacoli che già avevamo prima quali: lentezza delle banche ad erogare i finanziamenti, autorizzazioni amministrative sempre più nebulose, nulla osta archeologico/paesaggistici e chi piu' ne ha più ne metta il governo sta mettendoci addosso una bella lapide. Altro che assicurare gli investimenti in corso.... l'unica cosa sicura è che il Governo delle Libertà ci sta solo prendendo per il culo!!!!!

thumb profile
Ing. Alberto

Avete ragione, Ing. Enrico e Stefano! Come fa uno a programmare la costruzione di un impianto se non sa quale tariffa incentivante percepirà? E se paradossalmente tutti fanno richiesta di allacciamento nel primo semestre e non ci sono soldi per tutti? Chi ne resta fuori cosa fa? E se nel primo semestre sono così in tanti da esaurire anche i soldi dell'anno in corso e di quello successivo? Non si fanno più impianti per due anni di fila? O si prendono nel 2012 gli incentivi del 2014? Sto sbagliando? O sono ragionamenti indotti da un sistema perverso?

thumb profile
ridateci il 3° conto energia

non pago piu un euro di tasse, quello che riesco a vendere lo porto in svizzera, col resto ci si faccia il brodo equitalia.

thumb profile
Giuseppe

Scusate, una domanda di servizio, visto che su Internet non riesco a trovare una risposta chiara. Il sistema degli incentivi è rimasto inalterato al momento? Ovvero: se riesco a ottenere il collaudo dell'impianto da parte dell'Enel entro il 30 aprile 2011 potrò usufruire degli incentivi del primo quadrimestre; se riesco a ottenere il collaudo entro il 31 maggio 2011, usufruirò degli incentivi previsti per il secondo quadrimestre; se mi allaccio dal 1° giugno in poi, non si sa di quali incentivi potrò usufruire. E' giusto, in soldoni, quanto ho scritto? Grazie a chi sarà e vorrà rispondermi. Ciao

thumb profile
Ing. Stefano

Sono totalmente d'accordo con l'analisi del collega Enrico, nel merito e nelle conclusioni. Aggiungo che mi sembra evidente il tentativo di mantenere l'oligopolio dell'energia, allo stesso tempo proclamando l'intenzione di sostenere le rinnovabili e viceversa uccidendo il settore. Personalmente ho già dovuto licenziare due dipendenti, perchè le commesse già acquisite per i prossimi mesi sono state bloccate a causa dell'indisponibilità delle banche ad erogare finanziamenti nella totale assenza di notizie. Mi auguro di poter riavviare presto i lavori, ma temo che i nostri incapaci governanti non me lo consentiranno.

thumb profile
Ing. Enrico

Mettere un tetto in kWp è assurdo! O che incentivate o che non incentivate. DECIDETEVI! Potete anche mettere tariffe più basse ma non mettete dei tetti! Se il tetto in kWp è "sgradito" lo è anche il tetto il euro. Solo la mente malata di un politico può pensare che la soluzione sia mettere un tetto in euro, ve lo dimostro: 1) un tetto in euro presuppone che si stimi la produttività dell'impianto per determinare quale sarà la quota di incentivo erogata per singolo impianto allacciato. 2) la produzione reale di un impianto è sempre diversa dalla produzione stimata, quindi stiamo ragionando su dati calcolati con dei simulatori (e ogni professionista ha un simulatore diverso...) 3) per determinare se si è raggiunto il tetto occorrerà controllare in tempo reale per tutti gli impianti allacciati se la sommatoria (della resa stimata dell'impianto i-esimo X la tariffa dell'impianto i-esimo) è > del tetto in euro stabilito... ma siamo sicuri che i nostri politici siano in grado di fare questo calcolo??? Ho i miei dubbi! 4) risultato nel breve termine ->> maggiore incertezza per tutti gli operatori e clienti 5) risultato nel medio lungo ->> definitiva generalizzata perdita di fiducia e fallimento di tutte le imprese che operano nel settore. 6) risultato immediato per i nostri politici settantenni ->> spartizione di mega tangenti per mega appalti sulle centrali nucleari ... Abbiamo capito che siete una classe politica inadeguata, contraria al bene comune e dedita solo a interessi personali! E' ora che vi mandiamo tutti a casa!