Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Edilportale Digital Forum, la terza giornata della fiera virtuale dell’edilizia
TECNOLOGIE Edilportale Digital Forum, la terza giornata della fiera virtuale dell’edilizia
NORMATIVA

Fotovoltaico: terzo Conto Energia fino ad agosto, oggi la firma del 4°

di Rossella Calabrese

Tetto di spesa per i grandi impianti di 300 milioni di euro per il 2011. Premio di 5 eurocent/kWh per gli impianti in sostituzione dell’amianto

Vedi Aggiornamento del 19/05/2011
Commenti 48900
29/04/2011 - Proroga del terzo Conto Energia fino al 31 agosto 2011, premio per la rimozione dell’amianto, tetti di spesa semestrali fino al 2012.
 
Sono queste le principali modifiche al testo del quarto Conto Energia, il decreto che ridefinisce gli incentivi agli impianti fotovoltaici.
 
Secondo quanto annunciato ieri dal Ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo, il decreto sul quarto Conto Energia sarà firmato oggi nonostante il parere negativo delle Regioni (leggi tutto), parere da intendersi negativo a meno che non siano accolte le proposte emendative contenute in un documento che è stato illustrato al Governo nel corso della Conferenza Unificata di ieri.
 
Le novità
Nella prima versione del decreto era previsto che le nuove tariffe incentivanti entrassero in vigore il 1° giugno prossimo, ma il Governo ha concesso la proroga al 31 agosto 2011, di conseguenza le tariffe del quarto Conto Energia varranno dal 1° settembre 2011.
 
Modificata la definizione di piccoli impianti: sono tali quelli fino a 1 MW di potenza su edifici, inferiori a 200 kW a terra, su edifici delle P.A. di qualsiasi potenza. In questo modo saranno più numerosi gli impianti che beneficeranno degli incentivi riservati ai piccoli impianti, anche perché per essi non è previsto alcun tetto di spesa. Misure incentivanti sono previste per i condomini con impianti fino a 20 kw di potenza.
 
I tetti di spesa per i grandi impianti sono così fissati: 300 milioni di euro per il 2011, 212 per il primo semestre del 2012 e 161 per il secondo semestre del 2012, che dovrebbero consentire l’installazione di circa 2.700-3.000 MW. Dal 2013 entrerà in vigore il modello tedesco. Per i grandi impiantisarà istituito un registro gestito dal GSE.
 
Accogliendo la richiesta delle Regioni, è stato introdotto un premio sull’incentivo per gli impianti fotovoltaici che vanno a sostituire i tetti in amianto, non del 10% come previsto dalla bozza, ma 5 €cent/kWh. Un premio del 10% è riservato anche a chi installa pannelli fotovoltaici italiani o europei.


I commenti
“È stato fatto un deciso passo avanti nel riconoscimento del ruolo che la filiera industriale italiana può ricoprire nello sviluppo del settore fotovoltaico, se il decreto sarà confermato nei termini attesi. Restano molti punti da migliorare, incluso il controllo del tetto di spesa complessivo e della regolamentazione semplificata per l’accesso agli incentivi”. È il commento di Filippo Levati, presidente di IFI, Comitato imprese fotovoltaiche italiane, e direttore generale di MX Group.
 
“L’impianto del testo nel suo complesso resta valido - prosegue Levati -, con un approccio prospettico che potrà consentire al sistema Paese di lavorare nel tempo al consolidamento della propria posizione competitiva a livello globale e contribuire al raggiungimento della grid parity. La direzione strategica su cui lavorare ai successivi miglioramenti è l’adozione di una logica di investimento di medio lungo periodo - conclude - che favorisca lo sviluppo dei segmenti più aderenti al modello distribuito di generazione e consumo di energia fotovoltaica in armonia con altre fonti e interventi come l’efficienza energetica”.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
mario

concordo con il commento di Ailati, a mio avviso dovremmo far intervenire la Magistratura .Il 1°decreto (conto energia) non doveva prevedere nessuna modifica delle direttive comunitarie che parlano di rinnovabili ( sole,acqua vento geotermica) pertanto chi a permesso cio e chi a usufruito dei benefici economici, non dovuti, dovrebbe risponderne nelle sedi preposte.grazie per l'attenzione.

thumb profile
ailati

ma ce fai o ce sei? il nocciolo è che se i nostri amministratori, che si definiscono politici, non possono approvare un decreto fino al 2013 e poi annullarlo dopo quattro mesi, perchè "si sono sbagliati", e gia solo x quello dovrebbero essere interdetti dalle loro funzioni pubbliche e magari senza pensione parlamentare, ma non ti dicono che dal 92 stanno preLEVANDO centesimi dalla bolletta degli italiani centesimi da utilizzare proprio per le rinnovabili, oltre che x le assimilabili ( paraculata tutta italiana perchè nelle assimilabili ci si ficcherà anche il nucleare ,basta aggiungere una parola...) e mi astengo dal commentare la distribuzione delle frequenze di qualsivoglia genere con antenne obbrobriose ovunque e ti spaccano con i vincoli paesaggistici,ma torniamo al tema,perchè definire piccolo un impianto da 1 MW se non per incrementare le risorse di pochi e limitare quelle di molti che vorrebbero produrre corrente x le piccole aziende o soprattutto x l'utenza domestica? si teme che se gli italiani in futuro si liberino della bolletta non si muova abbastanza l'economia, ma di chi? dei venditori di corrente e degli azionisti ........... ma quale invito alla calma...................................

thumb profile
CIRO

Per fortuna ci sono le elezioni, ed ecco quindi il discorso Nucleare rimandato a Novembre (l'opinione pubblica ora è troppo scossa e turbata dall'incidente del Giappone) e il 4° conto energia a Settembre (almeno calmiamo gli animi). Ora il governo potrà affrontare più serenamente le prossime elezioni. Tra i motivi del provvedimento preso dal Ministro Romani, c’è che gl'incentivi (prima concessi) debbano essere adeguati a quelli degli altri Paesi europei: peccato però che questi siano partiti anni prima: egregio MINISTRO innanzi a questa necessità di tagliare ed eliminare gli sprechi, emani un DECRETO LEGGE con effetto retroattivo per la decurtazione dell'80% delle pensioni e privilegi riconosciuti a Senatori - Parlamentari - Prefetti - ecc., conformandole a quelle degli STATI Membri. In ultimo l’espansione di questo settore si evince dal numero crescente di aziende Italiane PRODUTTRICI di FV che come effetto porterà la riduzione dei costi e competitività (come accaduto in Spagna – Germania ecc.). Ma devo pensare che il NUCLEARE è decisamente più appetibile, come il Petrolio (chi può gestire e tenere le "mani in pasto"?). Per il momento mi sento una pedina e la mia fiducia nelle istituzioni e in chi ci amministra è stata “abrogata”. Buon lavoro a tutti e che Dio ci guidi e ci assista nel scelte future.

thumb profile
Ciro

Per Stefano: che oggi un’azienda possa fare il proprio comodo (ELUDENDO IL FISCO) lo ritengo improbabile. I sistemi ed i controlli utilizzati dall'amministrazione pubblica, per fortuna permettono a pochi di fare i furbi (che prima o poi vengono comunque presi). Passando ad altro, trovo assurdo approvare a Dicembre un piano d’incentivi e poi a Marzo revocarlo; nel frattempo gli investimenti e i programmi (infrastrutture - forza lavoro) realizzati dalle aziende del settore vanno al macero. E' ovvio che innanzi al dietro front di Governo e banche (mica stupide), di conseguenza i committenti si siano tirati indietro. Certamente alcuni provvedimenti sono doverosi e devono essere presi ad evitare la speculazione di cui si è straparlato. Ciò che non tollero però, è l’ipocrisia e il trovare espedienti per evitare di fare le impopolari "Manovre Fiscali" che poco giovano nei periodi preelettorali. Dove raccattare dunque il denaro? Nell'unico settore in espansione al momento? Ed ecco anche il movente: NUCLEARE. (in barba al REFERENDUM di qualche anno fa). Ma si, cosa incentiviamo (tradotto: "buttiamo i soldi") nelle energie alternative costose, poco affidabili e limitate. FINE I^Parte

thumb profile
SEBASTIANO

Ho letto i commenti riportati e mi ritengo offeso dai modi in cui molti si esprimono. Capisco che non si condividano le decisioni, le leggi, i ritardi e mi piacerebbe capire le motivazioni dei dissensi. Ma purtroppo si indulge ai commenti e, spesso, come nei commenti succitati, ad un linguaggio incomprensibile.

thumb profile
ridateci il 3° conto energia

TUTTO MI SAREI IMMAGINATO MA CHE MI METTEVA IN MEZZO AD UNA STRADA IL PRODUTTORE DI COLPO GROSSO....

thumb profile
Roberto

Scusate ma si può sapere dove siamo arrivati? Questa fantomatica firma è stata messa oppure no? Che sia l'ennesimo ritardo normativo Italiano? Io le tasse quest'anno le pagherei quando voglio, ovviamente senza sovrattassa per il ritardo di qualche anno, e poi vedrei cosa mi dicono.

thumb profile
alberto

Augurare buongiorno a tutti sembra voler pigliare per il c.lo, per cui non lo faccio. Mi spiace che ancora qualcuno si beva la storia che il fotovoltaico pesa sulle tasche dei cittadini. Cito: "Con la delibera n. 6 del 1992 (CIP6) il Comitato Interministeriale Prezzi ha stabilito una maggiorazione del 6% del prezzo finale dell'energia elettrica a carico del consumatore. I ricavi provenienti da questo sovrapprezzo vengono utilizzati in parte per promuovere la ricerca e gli investimenti nel campo delle energie rinnovabili ed assimilate; l'attenzione maggiore è andata tuttavia all'incenerimento di rifiuti, in passato assimilato alle fonti rinnovabili." Fonte: Wikipedia. Vuol dire che il 6% (SEI PERCENTO) della bolletta è diviso tra fotovoltaico E altre porcate come gli inceneritori. Per l'impiego negli inceneritori tutti zitti; per il fotovoltaico adesso tutti inc...ati. Bravi! Nessuno si ricorda di quanta gente lavori onestamente in questo settore e quanto contribuisca alle casse dello stato con le tasse (tante) pagate; forse è meglio far mettere tutti in cassa integrazione, così anche il loro "stipendio" lo pagano tutti gli italiani. Questo sì che è un affare! Il fotovoltaico non c'entra niente con l'evasone fiscale. I responsabili dell'evasione sono i disonesti, ma soprattutto chi governa, che è un incapace nella gestione dei soldi (degli italiani) ed è incapace a fare le regole e a farle rispettare. PS. Roberto impara a esprimerti perchè non si capisce nulla di quello che scrivi.

thumb profile
Roberto

ma vi sveglite o no ? questa legge no la vogliono far passare il 1° il 2° il 3° il 4° il 5° il 6° conto di ste palle ma di cosa parliamo e secondo voi che c...zo la stanno a fare la guerra in libia per fare il fotovoltaico per sfruttare una cosa naturale ( sole) che non si paga o aspettiamo che ci mettono la tassa sul sole? ma poi vorrei sapere da tutti voi che scrivete in questo blog che vi interessa tanto sto fotovoltaico siete tutti grandi installatori o aspettate che vi fanno lo sconto per montarlo a casa vostra ? e poi enel cosa fa visto che e l'unico gestore dell'energia elettrica vi da i soldi a voi? siete pazzi la befana non esiste

thumb profile
Stefano

Premetto che io ce l'ho a morte con questo buffone che guida il governo attuale che probabilmente è stato votato da molti qui sopra che adesso si scagliano contro, svegliatevi!!! Siete solo degli opportunisti da 3 soldi!!! Poi per quanto riguarda l'interruzione del 3 conto energia, il tutto è stato causato da falsi imprenditori che hanno colto la palla al balzo per specularci in maniera spudorata sopra, cioè questi andavano a prendere lotti agricoli e ci mettevano distese di pannelli fotovoltaici, sbagliatissimo!!!!!! Questo governo, fatto di gente incompetente e irresponsabile, si è accorto in estremo ritardo di cosa si stava creando e quantomeno, meglo tardi che mai, ha dovuto correggere la vecchia normativa limitando quindi di molto la speculazione sui fondi agricoli, dove si stava già assistendo a qualcosa di scandaloso da parte di certi speculatori senza scrupoli. Per fortuna che ora questo fenomeno è stato ampiamente limitato anche se si poteva restringere ancor di più, 200Mw non sono per niente pochi su terreni. Ricordiamoci che questi speculatori senza scrupoli benificiavano e benificieranno fino a fine agosto 2011 di grossi guadagni grazie agli incentivi che saranno a carico di tutti i cittadini che pagano le bollette e le tasse, ovvero i lavoratori dipendenti e i pensionati, sappiamo benissimo quanto sia elevata l'evasone fiscale in Italia che e chi evade in massa: è prorprio la classe imprenditoriale che evade o elude le tasse in tutti i modi possibili, e questo avviene purtroppo da parecchi anni, nel 2010 la somma evasa è stata il doppio rispetto al 2009....

thumb profile
Pimpa

E' l'Italia di sempre, di cosa vi stupite? A me stupisce che qualcuno abbia pensato di fare business coi conti energia. Non avete ancora capito che mancano i soldi? Secondo voi Enel vi avrebbe permesso di entrare in un business dividendo con voi lauti guadagni? Se non fosse per (le multe del) il protocollo di Kyoto non si parlerebbe nemmeno di solare. Avete imparato che non ci si mette in affari col governo e con Enel, specialmente se chiedono a voi di fare gli investimenti e accollarvi l'ammortamento. Se tutte la aziende facessero così, addio imprenditoria.... E' piantiamola di farne sempre politica: qua si parla solo di soldi!

thumb profile
lubaluba

Non capisco come si possa essere così menefreghisti e ciechi....questi politici oltre a mangiare da decenni sulle spalle dei lavoratori ( dei veri lavoratori), pensano di poter fare quello che vogliono e cambiare le leggi secondo l'intensità del loro mal di stomaco...Ma chi ci dice che questo nuovo Conto Energia durerà fino al 2016 o 2017 così come preannunciato?...Dimentichiamo che meno di un anno fa' il 3° conto energia dava garanzie fino al 2013...e se tra 6 mesi si sveglia un nuovo pinco pallino ministro e decide di formulare un 5° Conto Energia?...Dovremmo manifestare...e in maniera seria e continativa..

thumb profile
Onofrio

SIGNOR MINISTRO LEI E' UN GRANDE BUFFONE E' IGNORANTE SI VERGOGNI DI AVER GIURATO FEDELTA' ALLA REPUBBLICA ITALIANA. PRIMA DI ACCUSARE IL GOVERNATORE VENDOLA DI ESSERE BUFFONE PRENDA ESEMPIO DALLA SUE GRANDI INIZIATIVE IN MATERIA DI POLITICHE ENERGETICHE E DI REDISTRIBUZIONE DELLA RICCHEZZA. LEI E' SOLO UN SERVO DEL SULTANO BERLUSCONI, PARASSITA E ANCORA UNA VOLTA BUFFONE.

thumb profile
Aliso

Il contrasto tra Romani e Prestigiacomo, se realmente c'è, depone a favore di questa e a discredito di quello. Infatti non è possibile sostenere con la disinvoltura di quel gaglioffo di ministro che, salvo in Lombardia, nel resto d'Italia l'autocertificazione è un imbroglio. Già perchè quando gli evasori dello scudo fiscale ne hanno beneficiato invece erano tutti degli onesti cittadini (i lombardi ne erano fuori???) !!! Allorchè si è proposto la modifica dell'articolo 41 della Costituzione l'autocertificazione generalizzata per gl'imprenditori invece andava più che bene !!! Addirittura costituzionalizzata (SIC!?). Poveri noi con un ministro di tal fatta. L'Enel poi, quel carrozzone gestore di potere energetico che fa e disfa a suo piacimento in barba alle scadenze date. Già perchè dopo la presentazione dell'ultimazione dei lavori e della relativa documentazione (di cui spesso non c'è neppure certezza di modulistica) si riserva 30 giorni LAVORATIVI per l'allaccio. Ma se tale tempo viene superato non c'è alcuna sanzione e l'utente perde comunque i benefici. Quale certezza dunque fagotto di Romani? La tua? Quella di un incompetente in malafede? Tronfio della sua prosopopea e ignoranza, oltre che protervo per il posto che occupi?

thumb profile
BERTOLASUS

Che dire...??!?!?! I fatti si commentano da soli...Il nano-missile ci prende per i fondelli con il suo sorriso plastificato e dice siamo un popolo di Emotivi...e quindi non faremo il referendum per il nucleare...altrimenti dovrebbero restituire i "regali" che ENEL gli ha fatto...ma non è ora che la piantino di giudicare e vengano un attimino giudicati???La verità è sotto gli occhi di tutti e ora come non mai necessita di essere resa di dominio pubblico...MANDIAMOLI A CASA!!!!!!!!BASTA BARZELLETTE!!!!E' ORA DI MANDARE AVANTI UN PAESE CON I FATTI E NON CON GLI SHOW MEDIATICI E LE FINTE ZUFFE!!!!!!!!

thumb profile
Pierpaolo

non mi sembra vero che ancora oggi con la maggiornza assoluta che questo governo ha non si è giunti ad un regolamento? non ci sono parole e credo che tutte queste scelte del paese nel bene o nel male porteranno ad una perdita incredibile di voti

thumb profile
Roberto

Ieri sera il magazine Photon riportava la notizia della non veridicità della proroga del 3 ° Conto energia fino al 31 Agosto. E' veramente cosi?

thumb profile
Luigi

Carissimi. Oggi purtroppo la firma non arriverà. A quanto pare c'è un litigio tra ministeri su alcune questioni del Conto Energia. A questo punto credo che il termine del 30 Aprile NON verrà rispettato. Mi sento di dire che questo sia il PEGGIORE GOVERNO CHE QUESTA REPUBBLICA ABBIA MAI AVUTO!!!!!