Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus 110%, la check-list per il visto di conformità
NORMATIVA Superbonus 110%, la check-list per il visto di conformità
NORMATIVA

Piano Casa Sardegna, in arrivo proroga di 6mesi

di Paola Mammarella

Consiglio al lavoro su un mini ddl per lo slittamento dei termini, rimandati gli altri approfondimenti

Vedi Aggiornamento del 30/01/2012
Commenti 10443
18/04/2011 – Potrebbe sbloccarsi definitivamente domani la situazione del Piano Casa in Sardegna. È infatti prevista una riunione del Consiglio Regionale, che deciderà se convalidare la proposta di legge del 5 aprile scorso.
 
Il testo prevede una proroga di sei mesi degli interventi di ampliamento volumetrico e sostituzione edilizia per il rilancio del settore costruzioni.
 
Al momento, resta poco tempo per poter usufruire degli aumenti di cubatura. Secondo quanto previsto dalla Legge Regionale 4/2009, le domande possono essere presentate entro il primo maggio. Dopo questa data, la norma a termine, concepita per rivitalizzare l’economia e contrastare la crisi, non avrà più effetto e sarà considerata scaduta.
 
Ma i tempi sono stretti anche per l’approvazione di una modifica dei contenuti. Per il momento, quindi, i proponenti hanno pensato a posticipare di sei mesi la scadenza, lasciando ad un secondo momento l’approfondimento delle altre questioni di merito.
 
Dopo il Veneto, la Sardegna è l’unica regione in cui il Piano Casa abbia riscosso i risultati sperati. In un precedente disegno di legge, approvato dalla Giunta a marzo, era quindi stata proposta una proroga di un anno, fino al 30 giugno 2012.
 
La bozza prevedeva anche interventi nei centri storici, su immobili aventi meno di 50 anni e in contrasto con il contesto architettonico. Così come l’aumento dal 10% al 20% delle percentuali di incremento per gli edifici residenziali in zona agricola e il recupero dei sottotetti in deroga alle previsioni dello strumento urbanistico in zona B.
 
Tra le altre misure contenute nel testo, anche il recupero dei seminterrati un’altezza non inferiore a 2,40 metrie dei piani pilotis che rispettino i requisiti igienico sanitari e le prescrizioni sull’agibilità.

Una volta sbloccata la proroga prevista nel "mini-ddl", questi aspetti potrebbero quindi essere ripresi in futuro.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Marco

Si sa nulla sull'approvazione o meno? Doveva essere oggi ...

thumb profile
Marco

Veramente la legge originaria non prevede una "data entro cui presentare le domande" ma mette dei limiti sulla data di inizio lavori. L'inizio lavori del piano casa va presentata entro il 1 Maggio. Questo vuol dire che nel caso di DIA la domanda deve essere presentata entro il 1 Aprile (e bisogna già aver avuto parere della Tutela), nel caso di concessione edilizia invece bisogna aver tutto pronto (compreso parere tutela) entro il primo maggio.