Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Appartamenti in condominio, quando hanno diritto al superbonus 110%?
NORMATIVA Appartamenti in condominio, quando hanno diritto al superbonus 110%?
NORMATIVA

Rafforzare la procedura ristretta, l’Authority sul Libro Verde europeo

di Paola Mammarella

No al massimo ribasso e all’innalzamento delle soglie comunitarie per un mercato più efficiente

Vedi Aggiornamento del 21/04/2011
Commenti 4617
07/04/2011 – Eliminare il criterio del massimo ribasso, rivalutare gli effetti dell’elevazione delle soglie negli appalti e rafforzare sulla procedura ristretta. È il contributo fornito dall’Autorità di Vigilanza sui Contratti Pubblici al Libro Verde europeo sulla modernizzazione degli appalti.
 
L’Authority, sentita martedì in un’audizione alla Camera, ha fatto il punto della situazione sulle modalità con cui adeguare le normative nazionali alle direttive europee in materia di appalti pubblici. Un procedura non sempre facile, che deve tenere in considerazione le specificità territoriali dei Paesi membri.
 
Secondo l’Autorità di Vigilanza, per rinnovare il settore degli appalti sarebbe necessario ampliare la discrezionalità e la responsabilizzazione delle stazioni appaltanti, limitare il massimo ribasso e agevolare l’accesso delle PMI.
 
Ridimensionata anche l’elevazione delle soglie, che a parere dell’Authority non produrrebbe benefici in termini di semplificazione amministrativa. Il Codice Appalti, ha ricordato l’Autorità, è ispirato al principio della massima uniformità tra disciplina sotto e sopra soglia. Le norme dettate dal Codice sono inoltre applicabili anche ai contratti sotto soglia, per i quali è previsto solo un nucleo minimo di disposizioni derogatorie. Le perplessità potrebbero però essere superate prevedendo compensazioni in favore della trasparenza, indicando oggetto, importo e luogo di esecuzione per gli appalti che, pur essendo di importo inferiore, hanno un valore tale da generare un interesse transfrontaliero.
 
Per consentire una maggiore flessibilità, infine, l’Authority consiglia di puntare sulla procedura ristretta, che potrebbe essere rafforzata utilizzando criteri reputazionali per una scelta più consapevole dei concorrenti e degli affidatari.
 
Ricordiamo che il Libro Verde per la modernizzazione degli appalti è stato ideato con lo scopo di correggere le criticità presenti in molti Paesi dell’Unione. Il documento comunitario mette in discussione l’attuale distinzione tra appalti di lavori e forniture e servizi. Un’impostazione che potrebbe generare qualche difficoltà soprattutto in considerazione degli appalti misti.
 
Tra le proposte avanzate a livello europeo spiccano la semplificazione delle procedure e l’innalzamento delle soglie comunitarie, con lo scopo di attrarre un maggior numero di operatori transfrontalieri.
 
Entro lunedì 18 aprile dovranno essere inviate osservazioni e contributi esterni alla Commissione Europea. Sono quindi in corso una serie di audizioni per la votazione di un testo conclusivo.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui