Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Decreto Requisiti Tecnici, posa in opera esclusa dai massimali di costo
NORMATIVA Decreto Requisiti Tecnici, posa in opera esclusa dai massimali di costo
NORMATIVA

Rinnovabili, Aper invia a Romani proposte di modifica al decreto

di Rossella Calabrese

Le Regioni ancora in attesa del provvedimento attuativo: ‘attendiamo la bozza, poi proporremo i nostri emendamenti’

Vedi Aggiornamento del 19/04/2011
Commenti 17630
01/04/2011 - APER, associazione italiana dei produttori di energia rinnovabile, ha inviato oggi al Ministro dello Sviluppo Economico, Paolo Romani, la sua proposta di modifica al Dlgs 28/2011, che punta ad abolire gli effetti retroattivi del decreto, a tutelare i progetti già avviati e a contenere la spesa complessiva dell’incentivazione entro una soglia prevedibile.
 
La proposta si articola in due principali interventi:
- fissazione immediata dei futuri valori di incentivazione per gli impianti (gran parte dei quali già in esercizio) che migreranno dal sistema dei Certificati Verdi a quello dell’incentivazione amministrata a partire dal 2016;
- definizione di un nuovo meccanismo di incentivazione per il fotovoltaico, mediante il quale sia anche possibile tutelare le iniziative già avviate con legittimo affidamento al III Conto Energia Fotovoltaico.
 
Per quanto riguarda in particolare gli incentivi al fotovoltaico, APER chiede:
- la salvaguardia dei progetti che hanno fatto affidamento sugli incentivi del secondo e del terzo Conto Energia, garantendo le tariffe del terzo Conto Energia (DM 6 agosto 2010) agli impianti in possesso di titolo abilitativo alla data di entrata in vigore del Dlgs 28/2011 e che raggiungano entro il 31/12/2011 la “fine lavori certificata” (che dovrà essere definita dal GSE entro 1 mese dall’adozione del nuovo sistema incentivante);
- per tutti gli altri impianti un sistema di incentivi analogo a quello del DM 6 agosto 2010;
- nessun tetto, annuale o cumulato, per tipologia o per taglia;
- dal 1° giugno 2011, decremento delle tariffe del 10% rispetto a quelle previste dal DM 6 agosto 2010 per il secondo quadrimestre 2011;
- adeguamenti successivi in funzione del raggiungimento di scaglioni di potenza di 1 GW;
- mantenimento delle tariffe differenziate per impianti su coperture e a terra (privilegiando le coperture) e per taglie di potenza (privilegiando i piccoli impianti);
- mantenimento del premio per rimozione amianto.

APER presenterà, inoltre, un esposto alla Commissione Europea per denunciare la grave violazione dei principi contenuti nella Direttiva 2009/28/CE che impone agli Stati Membri di promuovere le rinnovabili. Lo fa sapere la stessa associazione in un comunicato stampa nel quale annuncia che le imprese associate sono in procinto di avviare anche azioni giurisdizionali interne e di attivare i rimedi giuridici offerti dal Trattato sulla Carta dell’energia.
 
La lesione del legittimo affidamento e la retroattività del decreto di recepimento italiano (Dlgs 28/2011) - spiega APER - si pongono in netto contrasto sia con la disciplina comunitaria, sia con la Carta Costituzionale. Ribadendo la necessità di norme nazionali chiare ed affidabili, APER torna a chiedere al Governo che vengano applicate misure di salvaguardia tariffaria per la filiera, senza porre limiti alla crescita delle rinnovabili attraverso l’applicazione di tetti di potenza massima incentivabile. Come evidenziano diverse analisi - sottolinea APER -, tra cui anche la recentissima dell’ufficio Studi di Confartigianato, ribadiamo che la bolletta elettrica pagata dagli italiani contiene oneri ben superiori rispetto a quelli destinati alle fonti rinnovabili, le cui finalità peraltro andrebbero chiarite e discusse con trasparenza tra tutti gli attori del mercato.


Ieri la Conferenza delle Regioni si è riunita per esaminare le problematiche relative al Decreto Rinnovabili. “Dopo l’incontro con i Ministri competenti - ha dichiarato il presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani, al termine della riunione -, attendiamo la bozza del decreto; quando vedremo il testo proporremo i nostri emendamenti”.

Non è ancora pronta, quindi, la bozza del provvedimento attuativo, benchè la scorsa settimana il Governo avesse assicurato che lunedì 28 le Regioni avrebbero ricevuto “i primi elementi utili per cominciare ad elaborare le modifiche al decreto” (leggi tutto).

Tuttavia, la Conferenza delle Regioni intende mediare con il Governo sul tema degli incentivi al fotovoltaico. Lo ha reso noto il vicepresidente della Giunta regionale del Friuli Venezia Giulia, Luca Ciriani. Le Regioni - si legge in comunicato - chiedono al Governo di mantenere fino al 31 dicembre 2011 gli incentivi per gli impianti fotovoltaici, pianificando una riduzione graduale, che porti solo nel medio periodo all’allineamento con gli standard europei.
 
La Conferenza considera necessario un riallineamento del sistema degli incentivi, in relazione sia all’uso del territorio per l’installazione degli impianti fotovoltaici a terra, sia per allineare il sistema al resto d’Europa. Non è quindi strategico, secondo le Regioni, bloccare gli incentivi in maniera drastica e immediata, anche per rispondere alle esigenze del settore produttivo, che si è strutturato con posti di lavoro e investimenti legati proprio agli incentivi.

La modifica del sistema di incentivazione - prosegue il comunicato - dovrà dunque essere graduale, nell’ordine di alcuni anni: la Conferenza delle Regioni ha indicato il 2016 come momento ultimo di allineamento con gli standard europei. La Conferenza ritiene infine opportuno limitare gli incentivi per gli impianti fotovoltaici a terra: l’intensità degli aiuti andrà modulata, favorendo aree già compromesse dal punto di vista ambientale e tutelando le utilizzabili per altri scopi.


Il Consiglio Direttivo di Assosolare, associazione dell’industria fotovoltaica, dopo aver pubblicato nei giorni scorsi una propria posizione ufficiale relativa ai punti ancora aperti della bozza del tavolo tecnico Confindustria (leggi tutto), presenterà martedì 5 aprile alle aziende associate le proprie proposte per il quarto Conto Energia; il testo che sarà approvato dalla maggioranza dell’Assemblea verrà presentato ai tavoli tecnici del Ministero dello Sviluppo Economico e Ambiente come posizione ufficiale dell’Associazione.


Il coordinamento SOS Rinnovabili ha lanciato su Facebook una raccolta firme per chiedere al Capo dello Stato, al Governo, al Parlamento e alle Regioni di sospendere il Dlgs 28/2011, che “varato con inspiegabile fretta, ha cancellato retroattivamente impegni triennali assunti dal governo solo pochi mesi prima, spingendo le banche a chiudere il rubinetto del credito per le opere in corso, compromettendo la stabilità di oltre 150 mila famiglie e fermando i cittadini che avevano attivato le procedure per installare un impianto fotovoltaico”.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
ridateci il 3° conto energia

DATEMI UNA FREQUENZA TELEVISIVA, UN POSTO DA MINISTRO, UN CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE, SONO LAUREATO E LIBERO, ANCHE UN POSTO DA CONSIGLIERE IN QUALCHE ENTE INUTILE, NE AVETE TANTI SPARSI PER OGNI PAESINO........NON PAGHIAMO PIU LE TASSE A QUESTI LADRI

thumb profile
ridateci il 3° conto energia

VOGLIO VEDERE QUANDO FARETE LE CENTRALI NUCLEARI CHE TIPO DI IMPATTO AMBIENTALE STUDIERETE, VOGLIO APPLICATO AL NUCLEARE LO STESSO PESO E LA STESSA MISURA CHE APPLICATE AL FOTOVOLTAICO TENENDO CONTO ANCHE DI SITUAZIONI COME FUKUSHIMA, E VOGLIO ESSERE BUONO PERCHè IL FOTOVOLTAICO NON PROVOCA TUMORI O RADIAZIONI.........NON PAGATE LE TASSE NON PAGATE LE TASSE

thumb profile
ridateci il 3° conto energia

Caro Marco, se sei ignorante che parli a fare, sei una persona che ignora, vai a studiare non sai nemmeno di cosa si sta parlando, sei un deficiente dal latino deficiere, ti mancano delle nozioni in materia....vorrei vedere sulle tue "pollette" della luce quanti milioni di euro son destinati alle rinnovabili, quanti al nucleare, quanti al fossile come son fossili i tuoi 4 neuroni....senza contare che non si è mai visto un mare inquinato dai pannelli solari o tumori provocati da pale eoliche.....NON PAGHIAMO PIU LE TASSE PER GENTE COME QUESTO MARCO

thumb profile
ridateci il 3° conto energia

romani vai a lavorare senza mascherina di protezione nel petrolchimico della prestigiacomo e portati galan, NON PAGATE LE TASSE NON PAGATE LE TASSE NON PAGATE LE TASSE

thumb profile
ridateci il 3° conto energia

terna, enel, fondi stranieri, francesi che ci vogliono nuclearizzare......il governo che ci vuole fregare i soldi delle rinnovabili....tutti froci col culo nostro....NON PAGATE PIU LE TASSE NON PAGATE PIU LE TASSE NON PAGATE PIU LE TASSE NON PAGATE PIU LE TASSE NON PAGATE PIU LE TASSE NON PAGATE PIU LE TASSE NON PAGATE PIU LE TASSE NON PAGATE PIU LE TASSE

thumb profile
Marco

Non rappresenta per nulla il futuro della produzione di energie rinnovabili. E' una tecnologia che sopravvive solo grazie ai nostri incentivi dati dal prelievo delle pollette luce. Se davvero è così eccezzionale il fotovoltaico, perchè continuate ad inviperirvi se vi tolgono parte degli incentivi?

thumb profile
Pietro

Invece di incentivare un settore che rappresenta il futuro della produzione di energia(il RINNOVABILE....e non il NUCLEARE), pensano di fare trucchetti e stratagemmi vari per spendere pochi soldi in questo settore in piena espansione che garantisce lavoro a centinaia di persone(soprattutto al sud). INVECE loro aumentano tasse sul carburante per finanziare lo "cinema e spettacolo"(che è orrendo), distruggono l'istruzione e creano sempre più troie-politiche. Cara Italia R.I.P Ps:scusate per l'uso di qualche parola sconcia, ma non avevo altri sinonimi per definire meglio!!

thumb profile
Roberto

questa sarà la solita bufala all'italiana tanti bla bla bla fumo negli occhi opere avviate per prendere incentivi dallo stato e mai portate a termine tutte cose già viste e vissute e soldi nostri sperperati. propongo una cosa mandiamoli tutti al fronte con la libia lo vedreste a Fassino armato di bazuca o al berlusca alla guida dei TATA con Bossi dietro alla mitragliera e Di Pietro a fare il lancia pietre? abbiamo perso in partenza.