Carrello 0
LAVORI PUBBLICI

Via libera del CIPE al Piano nazionale di edilizia abitativa

di Rossella Calabrese

Attivati fondi statali per 298 milioni di euro, regionali per 442 milioni e fondi privati per 2 miliardi

Vedi Aggiornamento del 21/02/2013
09/05/2011 - Nella riunione del 5 maggio scorso, il Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica (CIPE) ha approvato gli accordi di programma tra il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e 15 Regioni sul Piano nazionale di edilizia abitativa.
 
Le Regioni interessate sono: Basilicata, Campania, Emilia-Romagna, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Umbria, Veneto e la Provincia autonoma di Trento.
 
Vengono così attivati fondi statali per 298 milioni di euro, fondi regionali per 442 milioni di euro e fondi privati per 2 miliardi di euro, consentendo la realizzazione di 15.200 alloggi.
 
Tali risorse - spiega la nota del CIPE - si aggiungono ai 140 milioni di euro già stanziati a favore del sistema di fondi immobiliari per l’edilizia residenziale in risposta al fabbisogno complessivo di abitazioni da parte delle categorie sociali svantaggiate.
 
Il rilevante contributo privato - si legge in un comunicato del Governo - permette di ampliare la dimensione dell’intervento rispetto a quanto sarebbe stato possibile fare con i soli fondi pubblici, in coerenza con la politica di stabilità finanziaria intrapresa dal Governo. L’apertura dei cantieri per costruzioni e ristrutturazioni, sostenuto da questa misura, assieme alle altre contenute nel cosiddetto “Piano Casa”, contribuirà al rilancio del settore edile in Italia, particolarmente colpito negli ultimi anni dalla crisi economica e finanziaria.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
La domotica, quali risvolti sociali ed economici per le famiglie? Leggi i risultati