Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Professionisti, nuovi aiuti a fondo perduto in arrivo
PROFESSIONE Professionisti, nuovi aiuti a fondo perduto in arrivo
NORMATIVA

Decreto Sviluppo, via alla conversione

di Paola Mammarella

Inizia l’esame del testo su semplificazioni in edilizia, Piano Casa e appalti

Vedi Aggiornamento del 16/06/2011
Commenti 11275
25/05/2011 – Inizia oggi alla Camera l’iter di conversione del Decreto Sviluppo. L’esame parte dalle Commissioni riunite Bilancio e Finanze. Non è infatti stato accettato il conflitto di competenza sollevato dalle Commissioni Ambiente e Attività produttive, che avevano chiesto l’assegnazione del testo in sede primaria per la presenza di materie rientranti nelle loro competenze (Leggi Tutto).
 
In caso di convalida, potrebbero entrare nell’ordinamento una serie di misure per la semplificazione di edilizia privata, titoli abilitativi e appalti. Ma anche disposizioni per la costituzione di diritti di superficie nelle aree demaniali, che hanno suscitato la disapprovazione dell’Unione Europea. Alcune associazioni di categoria, inoltre, pur condividendo l’alleggerimento burocratico per il contrasto alla crisi economica, hanno chiesto di emendare il testo.
 
A risvegliare una procedura di infrazione, già pendente sull’Italia, diritti di superficie e concessioni di durata prima novantennale, poi ventennale, sui territori costieri. L’Ue aveva già bacchettato la precedente normativa, che prevedendo il rinnovo automatico delle concessioni di sei anni in sei anni, non risultava conforme alle disposizioni di Bruxelles sulla concorrenza.
 
Tra le misure di maggiore impatto nell’edilizia privataricordiamo il rilascio del permesso di costruire con silenzio assenso, tranne nei casi in cui sussistano vincoli ambientali, paesaggistici o culturali, e la riproposizione del Piano Casa grazie a incentivi volumetrici per la riqualificazione delle aree degradate attraverso demolizioni e ricostruzioni.
 
Il decreto dimezza anche i tempi per i controlli delle Amministrazioni sugli interventi realizzati con Scia, segnalazione certificata di inizio attività. Per le verifiche ex-post si passa infatti da 60 a 30 giorni. La misura ha risposto alle perplessità di quanti non avevano salutato con favore la sostituzione della Dia con la Scia in edilizia.

Non costituiranno più difformità dal titolo abilitativo le violazionidi altezza, distacchi, cubatura o superficie coperta fino al 2%delle misure progettuali per singola unità immobiliare.
 
Potrebbero infine essere cedute le volumetrie, che passerebbero dai terreni non edificabili a quelli edificabili.
 
Il testo eleva anche le soglie degli appalti con procedura negoziata e procedura ristretta semplificata.
 
Potrebbe venire meno anche l’obbligo di comunicare all’Agenzia delle Entrate l’avvio della procedura per i lavori di ristrutturazione che usufruiscono della detrazione del 36%.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
giancarlo ing

più che un decreto allos viluppo economico mi sembra un decreto sviluppo della delinquenza, siamo proprio in italia, si ritiene lecita una difformità del 2% dalle misure progettuali. ..ma quando mai una cosa che premia i furbi si può considerare una norma allo sviluppo? è una norma a delinquere. ditemi se sbaglio

thumb profile
giudi66

esprimiamo il nostro consenso per "il rilascio del permesso di costruire con silenzio assenso" semmai condizionato ad un collaudo finale a firma di un tecnico abilitato esterno. grazie

thumb profile
Carlo

io credo che occorrerebbe lanciare l'idea di una raccolta firme tra coloro che vivono imprigionati nelle zone sottoposte a vincolo. Qui infatti si hanno SOLO doveri e MAI nessun diritto

thumb profile
francesco

I problemi più spinosi, come al solito, non si affrontano mai. I vincoli di varia natura, la mancanza di tempi certi (non necessariamente silenzio assenso), la mancanza di criteri oggettivi di valutazione per gli enti preposti, più in generale l'insindacabilità degli "Uffici" di tutela del paesaggio e Sopraintendenza rendono il lavoro dei progettisti una "bozza progettuale" e le "istanze della committenza" una chimera! La "rivoluzione" ...ancora rimandata.

thumb profile
Matteo ing.

Nelle zone sottoposte a vincolo ambientale il decreto non sortisce assolutamente alcun effetto. I tempi di rilascio di provvedimenti autorizzativi restano gli stessi. E' tutto inutile.

thumb profile
sepesuno

perfettamente d'accordo,con Nick,è talmente logico che rasenta l'assurdo!!!

thumb profile
Nick

Continuare ad escludere le zone vincolate, non prendere un provvedimento proprio per queste aree significa fare un altro buco nell'acqua!


x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, come sta andando e cosa ci aspetta? Partecipa