Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Edilportale Digital Forum, la terza giornata della fiera virtuale dell’edilizia
TECNOLOGIE Edilportale Digital Forum, la terza giornata della fiera virtuale dell’edilizia
NORMATIVA

Lazio, in arrivo la nuova legge sulle rinnovabili

di Rossella Calabrese

Impianti fino a 1 MW con Procedura Abilitativa Semplificata

Vedi Aggiornamento del 04/01/2012
Commenti 4970
26/05/2011 - La commissione Ambiente del Consiglio regionale del Lazio ha dato parere favorevole alla proposta di legge “Norme in materia ambientale e di fonti rinnovabili” che introduce misure semplificatrici a favore dell’adozione di tecnologie pulite ed efficienti per la produzione di energia elettrica.

La proposta di legge riunisce le preesistenti norme regionali sulla valutazione ambientale strategica (Vas), sulla valuzione di impatto ambientale (Via) e sull’autorizzazione integrata ambientale (Aia) e attribuisce alla Regione la competenza a rilasciare l’autorizzazione integrata ambientale, in precedenza delegata alle Province.
 
Inoltre, la proposta definisce le soglie oltre le quali, per determinati progetti, sarà obbligatoria la verifica di assoggettabilità a Via. Tali soglie saranno portate da 1 a 1,3 MW per gli impianti non termici di produzione di energia, acqua calda e vapore, e da 3 a 3,9 km per gli elettrodotti. Tale incremento non sarà applicabile ai progetti localizzati nei siti appartenenti alla rete Natura 2000. Le disposizioni sull'innalzamento delle soglie si applicheranno ai procedimenti in corso alla data di entrata in vigore della legge.

Infine, il testo estende la Procedura Abilitativa Semplificata (Pas), prevista dal recente decreto sulle rinnovabili (Dlgs 28/2011) agli impianti per la produzione di energia elettrica con una capacità di generazione fino ad 1 megawatt. È stata estesa, inoltre, la comunicazione relativa alle attività in edilizia libera ai progetti di impianti alimentati da rinnovabili con potenza nominale fino a 50 kw e a quelli fotovoltaici da realizzare sugli edifici, fatta salva la disciplina in materia di risorse idriche.
 
Il testo dovrà passare l’esame dell’Aula per l’approvazione definitiva.


Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Giuseppe

Sarebbe bene inserire alcuni parametri correttivi che la legge non prevede, in materia di installazione alla regola dell'arte; statisticamente il 90% delle installazioni fotovoltaiche è eseguito da personale senza requisiti, di fatto gli investitori si avvalgono della manodopera qualificata per i soli collegamenti alla rete, (inverter-linea e protezioni primarie) con questo stratagemma ottengono il certificato di regolare esecuzione aggirando la mormativa di legge. Si vanifica in questo modo la corretta instalazione dei pannelli e la responsabilità intrinseca che avrebbe l'installatore, il correttivo dovrebbe mensionare la tassativa installazione da parte di personale con abilitazione, non basta il solo progetto di laureati più o meno esperti del ramo.