Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Professionisti, nuovi aiuti a fondo perduto in arrivo
PROFESSIONE Professionisti, nuovi aiuti a fondo perduto in arrivo
NORMATIVA

Riqualificazione urbana, tutte le misure del decreto sviluppo

di Paola Mammarella

Chieste modifiche per la norma che semplifica la Scia, introduce il permesso di costruire con silenzio assenso ed eleva le soglie degli appalti

Vedi Aggiornamento del 06/07/2011
Commenti 16939
20/05/2011 – Il decreto sviluppo, in vigore dal 14 maggio, ha iniziato alla Camera l’iter per la conversione in legge. Ideato per semplificare le procedure burocratiche in diversi settori e rilanciare l’economia, la norma non ha finora convinto tutte le associazioni che, pur apprezzando alcune misure, si sono rivolte ai parlamentari per introdurre qualche modifica.
 
Tra le novità introdotte dal Dl Sviluppo si segnalano:
 
EDILIZIA PRIVATA
Il decreto ammette il rilascio del permesso di costruire anche con silenzio assenso, tranne nei casi in cui sussistano vincoli ambientali, paesaggistici o culturali.
 
La norma ripropone il Piano Casa, che da più parti è stato definito piano città. Viene chiesto alle Regioni di approvare, entro 60 giorni dall’entrata in vigore del decreto, specifiche leggi per incentivare la razionalizzazione del patrimonio edilizio e la riqualificazione delle aree urbane degradate. Le disposizioni regionali dovrebbero quindi premiare gli interventi di demolizione e ricostruzione che prevedano il riconoscimento di una volumetria aggiuntiva, la delocalizzazione in aree diverse, il cambio di destinazione d’uso e le modifiche della sagoma necessarie per l’armonizzazione architettonica. Fino all’approvazione delle norme locali, gli interventi sugli immobili residenziali possono beneficiare di un premio volumetrico fino al 20%, quelli sugli edifici a destinazione diversa usufruiscono invece del 10%.

Sono dimezzati i tempi per i controlli delle amministrazioni sugli interventi realizzati con Scia, segnalazione certificata di inizio attività. Per le verifiche ex-post si passa da 60 a 30 giorni.
 
Le violazioni di altezza, distacchi, cubatura o superficie coperta fino al 2% delle misure progettuali per singola unità immobiliare, non costituiranno più una difformità dal titolo abilitativo.
 
Il dl promuove anche la tipizzazione dei contratti per la cessione delle volumetrie. La convalida di questa misura darebbe fondamento legislativo al principio della perequazione urbanistica, in base al quale tutti i terreni esprimono la stessa capacità edificatoria. La cubatura di competenza dei terreni non edificabili potrebbe quindi essere venduta a quelli edificabili.


APPALTI
Vengono elevate le soglie per l’affidamento degli appalti di lavori con procedura negoziata e procedura semplificata ristretta. La procedura negoziata previa pubblicazione del bando di gara è estesa ai lavori di importo superiore al milione di euro. Anche nella procedura negoziata senza pubblicazione del bando di gara la soglia si eleva ai lavori che superano per importo il milione di euro. Per consentire la tutela della trasparenza e della concorrenza, l’invito dovrà essere rivolto almeno a dieci imprese per lavori di importo superiore a 500 mila euro e ad almeno a 5 operatori per lavori di importo inferiore.

Le soglie aumentano anche per la procedura ristretta semplificata. Negli appalti che hanno per oggetto la sola esecuzione di lavori di importo inferiore a un milione e 500 mila euro, le Stazioni Appaltanti possono invitare 20 concorrenti senza aver pubblicato il bando.
 
Per accertare i requisiti di ammissione, non si guarderà più alle irregolarità commesse nell’ultimo triennio, ma all’ultimo anno di attività. Per abbattere i costi e velocizzare la cantierizzazione delle opere, le misure compensative per l’impatto territoriale non possono superare il 2%. Le riserve non devono superare il 20% dell’importo del contratto, né essere poste su aspetti progettuali già verificati.
 

NUOVA PROCEDURA PER LA DETRAZIONE DEL 36%
Chi intende avvalersi della detrazione del 36% per i lavori di ristrutturazione edilizia non ha più l’obbligo di comunicare all’Agenzia delle Entrate di Pescara l’avvio della procedura. Tutte le informazioni, tra cui i dati catastali che identificano l’immobile oggetto degli interventi, devono essere indicati nella dichiarazione dei redditi. Se i lavori sono effettuati dal detentore dell’immobile, è necessario riportare nella dichiarazione dei redditi anche gli estremi di registrazione del contratto di locazione o comodato, cioè l’atto con cui si costituisce il diritto sull’immobile. Gli altri documenti saranno indicati in seguito con un provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate.


SPIAGGE
Fissata a 20 anni la durata del diritto di superficie e delle concessioni sugli arenili. Le edificazioni esistenti possono essere mantenute esclusivamente in diritto di superficie, a meno che non risultino già di proprietà privata, e devono essere regolarmente accatastate. Analogamente, l’attività edilizia è consentita solo in diritto di superficie e secondo la normativa vigente. Sono quindi ammesse manutenzioni, ristrutturazioni, trasformazioni o ricostruzione degli immobili. Nei territori costieri possono anche essere costituiti i distretti turistici alberghieri, che costituiscono “Zone a burocrazia zero”. Sulla costa è infine incentivata la realizzazione di porti e approdi turistici.


SANATORIA CATASTALE
Scatteranno dal primo luglio anziché dal primo maggio le sanzioni quadruplicate, previste dal decreto sul federalismo fiscale, a carico di quanti non hanno dichiarato all’Agenzia del Territorio gli immobili sconosciuti al Catasto, modificati o che hanno perso il requisito di ruralità.


Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Sasa

Infatti perché non aumentare la percentuale al 40%, come forse farà il veneto, per nuove costruzioni?per evitare palazzoni si potrebbe mettere il paletto che questo aumento, come già c'è, vale solo i palazzi che hanno 2 piani fuori terra, cosi facendo le coppie che pensano a sposarsi invece di fare sottotetto e poi abitarci, illegalmente, si farebbero un appartementino

thumb profile
Madic Roma

ha ragione Marcello Centioni, perchè non autorizzare, sic et simpliciter, il'aumento di volumetria senza procedere alla demolizione. A me pare una scelta idiota quella di demolire per ricostruire con il bonus di volumetria. Comunque è u DL schifoso proposto ed elaborato, in deroga a P.R., norme edilizie etc. etc.. solo per favorire i costruttoti e non i cittadi ni.

thumb profile
marco

per incentivare l'economia serve solo mettere in concorrenza il vantaggio fiscale che c'è sulle rendite finanziarie rispetto a quello che c'è su quelle da lavoro, commercio e produzione (siamo al 12% per le prime contro il 45% sulle seconde) Tutto qua: penso seriamente che fuori da questo principo di equità si parli sempre solo di balle. Poi con sto silenzio assenso anche sui PdC ci sarà la concorrenza dei professionisti disposti a rischiare tacitando molte opere non ammesse e non saranno controllati quelli amici degli amici: insomma così è perfino peggio!

thumb profile
Roberto

marcello ti rendi conto se dai la possibilità sui nuovi progetti di allargarti i costruttori di palazzoni come ci marcerebbero sopra già guadagnano bei soldi costruendo case di merda. poi e vero che muovendo il cemento si muove un po di economia ma se altre attività sono ferme a chi vendono ste case?

thumb profile
Costruire per sè

molto semplice: chi costruisce ex-novo comunque costruirebbe, a prescindere se con un bonus o senza bonus. Invece, chi ha già un tetto mette mano al portafogli solo attraverso l'incentivo di un bonus, ritenuto allettante. Tieni conto, poi, che il peso economico dei costi indiretti (cioè quelli non direttamente necessari per costruire...) per gli interventi di modifica oggi ha un costo elevato e non giustifica mai i piccoli interventi. Abbiamo troppi tecnici da sfamare...

thumb profile
marcello centioni

perchè si dovrebbe beneficiare della legge solo se si demolisce e ricostruisce e non si da la possibilità di concedere volumetria aggiuntiva del 20% dell'area edificabile a progetti nuovi e concedere agli immobili residenziali di superficie maggiore ai 150/200 mq calpestabili, la possibilità di realizzare ulteriori unità abitative e rilanciare l'economia anche in questi casi?


x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, come sta andando e cosa ci aspetta? Partecipa