Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Sottotetto trasformato in abitazione, quali bonus spettano in condominio
RISTRUTTURAZIONE Sottotetto trasformato in abitazione, quali bonus spettano in condominio
NORMATIVA

Stazione Unica Appaltante, rafforzare il ruolo dello Stato

di Paola Mammarella

Agli enti territoriali il potere di istituire la SUA, la proposta in Conferenza Unificata

Vedi Aggiornamento del 23/04/2012
Commenti 4309
25/05/2011 – Ruolo dello Stato rafforzato, trasparenza e collaborazione con le Prefetture. Sono state esaminate della Conferenza Unificata di oggi le osservazioni, presentate da Regioni, Upi e Anci, alla bozza di dpcm sulla creazione della Stazione Unica Appaltante, emanata ai sensi della Legge “Antimafia” 136/2010.
 
Dopo la riunione tecnica del 19 maggio scorso, gli enti locali hanno dato parere favorevole al provvedimento con alcune osservazioni e proposte di modifica.
 
Gli enti hanno rilevato che la riduzione del numero delle stazioni appaltanti mira a garantire maggiore trasparenza ed economicità. Dalla formulazione del testo sembrerebbe inoltre che la SUA possa essere costituita da una Stazione appaltante unica, cui possono aderire altre SA, o che la SUA sia formata dall’associazione di più SA, nel rispetto dell’autonomia dei singoli enti.
 
Posto che la SUA ha natura giuridica di centrale unica di committenza, la sua istituzione e l’adesione avviene su base volontaria. La SUA cura per conto delle aderenti l’aggiudicazione dei contratti pubblici, collabora concordando le procedure, la redazione dei capitolati e il criterio di aggiudicazione.
 
I rapporti tra la SUA e le aderenti sono regolati da convenzioni su ambito di operatività, modalità per il rimborso dei costi sostenuti dalla SUA e oneri.
 
Per prevenire le infiltrazioni criminali, garantendo trasparenza ed economicità, ci sarebbe quindi spazio per un intervento statale più forte. Per il raggiungimento degli obiettivi, Regioni ed enti locali suggeriscono quindi di circoscrivere allo Stato e agli enti territoriali la possibilità di istituire la SUA, lasciando agli altri enti la facoltà di aderirvi.
 
Apportando qualche modifica alla bozza di dpcm dello scorso aprile, sono stati proposti scambi annuali di informazioni tra Governo, Regioni, Province e Comuni. Il flusso dei dati deve essere accessibile anche alle Prefetture, che per i controlli possono avvalersi anche degli osservatori regionali sugli appalti.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui