Carrello 0
RISTRUTTURAZIONE

Un bando per valorizzare il patrimonio storico-artistico al Sud

di Rossella Calabrese
Commenti 5459

Dalla Fondazione per il Sud 4 mln per progetti ‘esemplari’ sui beni architettonici

Vedi Aggiornamento del 18/02/2015
Commenti 5459
13/05/2011 - Promuovere iniziative “esemplari” di tutela e valorizzazione del patrimonio storico-artistico e culturale del Mezzogiorno, per lo sviluppo locale e l’inclusione sociale.
 
È questo l’obiettivo del “Bando Storico-Artistico e Culturale 2011” promosso dalla Fondazione per il Sud, che mette a disposizione 4 milioni di euro per progetti “esemplari” nella valorizzazione culturale, cioè interventi che possano divenire dei modelli di riferimento, per contenuto innovativo, impatto e rilevanza territoriale.

Il Bando è rivolto alle organizzazioni non profit meridionali (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia) e scade il 4 luglio 2011.

Gli interventi dovranno riguardare beni con una forte identità storico-culturale per il territorio, che siano nell’effettiva disponibilità, per una durata di 7 anni, del soggetto proponente. Si fa riferimento a beni architettonici che costituiscono il patrimonio culturale materiale, ovvero a beni immobili di particolare pregio artistico, storico, archeologico, testimonianza di epoche passate, che potranno essere valorizzati attraverso l’avvio di nuovi servizi o di forme artistiche mirate all’inclusione sociale (nuovi spazi culturali, centri di incontro e aggregazione, recupero e valorizzazione a fini turistici di beni culturali, incremento dell’accessibilità e della fruibilità degli stessi beni, gestione di musei e siti archeologici).

Verranno valutati positivamente i progetti che, tra le altre caratteristiche richieste, prevedano il coinvolgimento delle fasce più deboli della popolazione (immigrati, senza fissa dimora, disabili, tossicodipendenti, anziani, ecc.), contribuiscano allo sviluppo di espressioni artistiche, in particolare attraverso le diverse forme di teatro, e dimostrino la sostenibilità nel tempo dell’intervento proposto.
 
La tutela e la valorizzazione dei beni culturali locali - spiega la Fondazione per il Sud - costituisce un’opportunità per educare al senso civico e per incrementare il capitale sociale delle comunità, il loro spirito di appartenenza e responsabilità, favorendo uno sviluppo locale “sostenibile”. La Fondazione intende, pertanto, favorire il rafforzamento del legame tra bene comune e identità territoriale. Il Bando rientra, infatti, nella linea di intervento per la cura dei “beni comuni”, con la quale la Fondazione ha già sostenuto, nel 2008, undici progetti esemplari per la valorizzazione del patrimonio storico artistico e culturale e dieci per quello ambientale e, nel 2010, nove iniziative per il riutilizzo sociale dei beni confiscati alle mafie.

I progetti dovranno favorire la formazione di reti locali, coinvolgendo il terzo settore e il volontariato, le istituzioni pubbliche, gli enti preposti allo sviluppo turistico, ma anche gli operatori privati. La partnership (almeno tre organizzazioni) è aperta non solo al mondo del volontariato e del terzo settore, ma anche a quello delle istituzioni, dell’università, della ricerca e al mondo economico.

La documentazione del Bando è disponibile nella Sezione Bandi del sito della Fondazione per il Sud.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Lucernari e cupole per illuminare dall'alto, quali usi nei tuoi progetti? Partecipa