Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Subappalto con tetto al 40% e manutenzioni su progetto definitivo, tutto resta com’è
LAVORI PUBBLICI Subappalto con tetto al 40% e manutenzioni su progetto definitivo, tutto resta com’è
LAVORI PUBBLICI

Edilizia scolastica, il Veneto inaugura l’anagrafe degli edifici

di Paola Mammarella

Via allo strumento di censimento e programmazione previsto dalle norme nazionali

Vedi Aggiornamento del 11/07/2011
Commenti 3875

01/06/2011 – Sicurezza e programmazione degli interventi sugli edifici scolastici. È nata con questo scopo l’Anagrafe dell’Edilizia Scolastica del Veneto, le cui modalità di funzionamento sono state recentemente approvate dalla Giunta Regionale.
 
Come spiegato dall’Assessore ai lavori pubblici, Massimo Giorgetti, l’anagrafe costituisce uno strumento di censimento e programmazione previsto dalle norme nazionali in materia di edilizia scolastica e articolato per regioni.
 
Obiettivo principale dell’anagrafe, l’accertamento della consistenza e della funzionalità del patrimonio immobiliare scolastico. Subito dopo essere stato collaudato a livello regionale, il sistema dovrebbe quindi diventare accessibile anche a Province, Comuni ed enti istituzionali. A tal proposito sono infatti previsti incontri informativi, che dovrebbero concludersi a fine giugno.
 
In base alle disposizioni diramate dalla Giunta, nel database sono stati inseriti gli elementi rilevati tra il 2006 e il 2007da personale incaricato da Regione, Province e Comuni capoluogo.
 
In tutto sono stati censiti 3.658 edifici, dei quali sono state riportate dimensioni, tipo di utilizzo, origine, età, eventuali trasformazioni e stato di conservazione di opere edilizie e impianti. Tra le informazioni sensibili anche le condizioni di sicurezza, lo stato delle certificazioni, la documentazione antincendio e l’attuazione delle misure previste in materia di sicurezza sul lavoro.
 
Secondo Giorgetti, il sistema messo a punto consente di avere una visione completa dello stato dell’edilizia scolastica regionale.
 
È inoltre possibile l’analisi dei dati per la programmazione delle attività degli enti, che sono responsabili dell’aggiornamento dei dati di loro competenza. In caso di inadempienza, infatti, gli enti non possono partecipare ai bandi regionali per l’assegnazione di contributi in materia di edilizia scolastica.

 


Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui