Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus, confermati i tempi più lunghi per condomìni, edifici plurifamiliari e case popolari
RISPARMIO ENERGETICO Superbonus, confermati i tempi più lunghi per condomìni, edifici plurifamiliari e case popolari
MERCATI

Oice: gare pubbliche in discesa a maggio

Presidente Oddi Baglioni: ‘innalzare la soglia per gli affidamenti diretti causerebbe una nuova tangentopoli’

Vedi Aggiornamento del 17/02/2012
Commenti 2947
17/06/2011 - I primi cinque mesi del 2011 si chiudono con un segno fortemente negativo, -39,7% in valore rispetto allo stesso periodo del 2010. Nel solo mese di maggio si perde il 34,8% in valore rispetto a maggio 2010. Questi in estrema sintesi i dati dell'osservatorio OICE-Informatel pubblicati con l'aggiornamento al 31/05/2011.

A maggio le gare per servizi di ingegneria e architettura sono state 383 (di cui 31 sopra soglia) per un importo complessivo di 34,7 milioni di euro (15,9 sopra soglia). Rispetto a maggio 2010 il numero dei bandi rilevati sale dello 0,5% (-24,4% sopra soglia e +3,5% sotto soglia) e il loro valore scende, come detto, del 34,8% (-58,3% sopra soglia e +24,5% sotto soglia).

Complessivamente, nei primi cinque mesi del 2011 sono state indette 1.829 gare (di cui 181 sopra soglia) per un valore complessivo di 202,9 milioni di euro (136,6 sopra soglia). Il confronto con i primi cinque mesi del 2010 è fortemente negativo: il numero delle gare sale del 7,3% (+8,4% sopra soglia e +7,2% sotto soglia), ma il loro valore scende del 39,7% (-49,2% sopra soglia e -2,1% sotto soglia). Rispetto alla media del valore messo in gara nei primi cinque mesi degli ultimi cinque anni, nel 2011 si perdono più di 120 milioni di euro, non tenendo conto della dinamica inflativa settoriale.

Il quadro è reso molto più difficile dal livello raggiunto dai ribassi con cui le gare vengono aggiudicate: in base ai dati raccolti al 31 maggio il ribasso medio sul prezzo a base d'asta, per le gare indette nel 2010, è salito al 41,6% (era al 41,1% a fine aprile). Il ribasso si spinge al 72% per una delle prime gare indette nel 2011 e già aggiudicata, pubblicata da 'Autostrada Brescia Verona Vicenza Padova' (PD) per il servizio di verifica di cui all’art. 112, d.lgs. 163/2006 e s.m., della progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva dell’autostrada a31 Trento - Rovigo, tronco Trento - Valdastico Piovene Rocchette, con un importo a base d'asta di 5.018.804 euro, che è stata aggiudicata per 1.406.808 euro.

“Il mercato delle gare ad evidenza pubblica è sempre più evanescente - ha dichiarato il presidente OICE Braccio Oddi Baglioni - tanto che viene il dubbio che, oltre alla crisi economica e al venir meno delle risorse della pubblica amministrazione, stiano agendo anche i mai sopiti comportamenti elusivi da parte di molte amministrazioni.
 
Come se non bastasse, è di questi giorni la notizia che in sede di esame del Decreto Legge Sviluppo sono stati presentati emendamenti della Lega nord tesi all’innalzamento della soglia per gli affidamenti con procedura negoziata da 100.000 euro fino alla soglia comunitaria e per gli affidamenti diretti da 20.000 a 40.000 euro. A tale riguardo l'OICE - ha continuato il presidente - non può che denunciare il pericolo di una tangentopoli nel settore della progettazione che potrebbe essere innescata da proposte come quelle presentate alla Camera che causano un pesantissimo vulnus ai principi della concorrenza e della trasparenza, incidendo sul 90,7% del totale degli incarichi e determinando certamente un processo di suddivisione degli incarichi di rilievo comunitario e nazionale al fine di farli rientrare in procedure più “flessibili”, con nocumento anche della concorrenza nel Mercato interno e con il sostanziale azzeramento delle gare “comunitarie”.
 
Va inoltre considerato oltre ai maggiori costi (derivanti per la P.A. dal ricorso alle procedure negoziate, in cui il prezzo non è in concorrenza ma definito nella libera trattativa con il contraente) che le procedure negoziate a livello comunitario sono considerate del tutto eccezionali e gli affidamenti diretti sono ritenuti illegittimi per violazione dei principi di parità di trattamento, trasparenza e concorrenza. Muoversi in senso opposto al diritto comunitario - ha concluso Braccio Oddi Baglioni - sembra rappresentare una pura follia normativa dalla quale prendiamo nettamente le distanze e che, anzi, combatteremo in tutte le sedi."


Fonte: OICE

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui