Carrello 0
NORMATIVA

Sospeso il titolo abilitativo se non si presenta il Durc

di Paola Mammarella
Commenti 15661

La sanzione ha valore amministrativo e non penale, non influisce sulla trasformazione del territorio

Vedi Aggiornamento del 19/01/2012
Commenti 15661
07/06/2011 – La mancata presentazione del Durc, punibile con la sospensione del titolo abilitativo, non può essere classificata come reato sul piano penale. Lo ha affermato la Cortedi Cassazione con la sentenza 21780/2011 del 31 maggio scorso.
 
Questo tipo di infrazione dà quindi luogo solo a sanzioni amministrative. La Cassazione, pronunciandosi contro qualunque tentativo di inasprimento del trattamento punitivo, ha infatti annullato la sentenza del Tribunale monocratico di Firenze, che aveva condannato i rappresentanti legali di società cooperative titolari di permessi di costruire, colpevoli di non aver presentato il Durc dell’impresa alla quale erano stati subappaltati alcuni lavori.
 
La Cassazione ha chiarito che il Durc attesta solo la regolarità contributiva, gli adempimenti previdenziali e assistenziali di un’impresa, rappresentando quindi un adempimento amministrativo.
 
Il Documento unico di regolarità contributiva non riguarda invece l’attività di trasformazione del territorio, che è soggetta al rilascio dei titoli abilitativi. Il permesso di costruire può quindi essere sospeso a causa dell’omessa presentazione del Durc. Questa sanzione, però, ha valore solo dal punto di vista amministrativo.
 
Come ricordato dalla Cassazione, ai sensi del D.lgs 81/2008, il Durc deve essere trasmesso dal committente o dal responsabile dei lavori prima che inizi l’attività di costruzione oggetto della Dia o del permesso di costruire.
 
Secondo la Legge Regionale 1/2005, il committente deve inoltrare il Durc contestualmente alla comunicazione di inizio e fine lavori. In caso di subentro di un’altra impresa per subappalto, il nuovo Durc deve essere presentato entro 15 giorni. La norma regionale prevede che in mancanza del Durc non possano essere iniziati i lavori e venga sospeso il titolo abilitativo.
 
Nonostante la legge regionale rappresenti uno strumento urbanistico e incida sulla trasformazione del territorio, la Cassazione ha sottolineato come, scendendo nello specifico, la presentazione del Durc costituisca un adempimento amministrativo.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
maurizio lustrissimi

una azienda che deve incassare dei soldi dalla P.A. e non può pagare il DURC, visto che la P.A. deve liquidare l'azienda dovrebbe pagare prima gli Enti Previdenziali, previa documentazione probatoria da parte dell'azienda e poi pagare l'azienda. a questo punto avremmo gli Enti liquidati, il committente tranquillo e l'azienda priva di debiti verso gli ENTI, e verso le maestranze brutta idea? ne ho parlato con alcune Amministrazioni e non ne vogliono sentire parlare. perchè? dicono che non è legale. il GOVERNO dovrebbe fare IMMEDIATAMENTE una legge in tal senso se si vuole cautelare imprese operai e enti previdenziali


x Sondaggi Edilportale
Il programma del Governo Conte bis. Come realizzarlo? Partecipa