Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Al via Edilportale Live Talk, la nuova serie sulle novità tecnologiche per l’abitare
RISPARMIO ENERGETICO Al via Edilportale Live Talk, la nuova serie sulle novità tecnologiche per l’abitare
NORMATIVA

Sviluppo, soglie dei servizi di progettazione e Piano Casa all’esame della Camera

di Paola Mammarella

Chiesta differenziazione tra grandi opere e infrastrutture ordinarie, dalle Commissioni Ambiente e Politiche Ue ok con osservazioni

Vedi Aggiornamento del 16/11/2011
Commenti 7590
14/06/2011 – Inizia l’esame in aula del decreto sviluppo, che avvia la sua conversione in legge tra centinaia di emendamenti. Appalti, Piano Casa e spiagge restano centrali non solo tra le proposte di modifica avanzate, ma anche nelle osservazioni cui le Commissioni Ambiente e Politiche europee hanno subordinato il via libera al testo.
 
Appalti
Tra le osservazioni della Commissione Ambiente spicca l’esortazione a valutare l’opportunità di innalzare la soglia della procedura negoziata senza bando anche per i servizi di progettazione. La richiesta, avanzata dalla maggioranza, è stata bocciata da Oice e Ancpi Legacoop, che temono il ripresentarsi di una “nuova tangentopoli”.
 
La Commissione ha anche suggerito di differenziare le infrastrutture strategiche da quelle ordinarie, che solitamente hanno importi decisamente minori. Nel secondo caso, infatti, il tetto del 2% per la realizzazione delle opere compensative costituirebbe un ostacolo insuperabile.
 
Sulle grandi opere si sono pronunciati anche i relatori, che, nell’ottica di semplificare l’iter di approvazione, hanno proposto di attribuire un ruolo decisivo alla Conferenza di Servizi non solo nel progetto definitivo, ma anche in quello preliminare, su cui tutte le Amministrazioni dovrebbero potersi pronunciare per chiedere modifiche alla localizzazione.
 
È stato chiesto inoltre di ridurre l’onerosità del limite del 20% previsto per le riserve, in modo da non scaricare solo sulle imprese appaltatrici il peso della strategia per arginare l’aumento dei costi.
 
Ha valutato i collegamenti tra imprese partecipanti a gare pubbliche la Commissione Politiche dell’Unione Europea, che ha proposto di capire meglio se le previsioni di modifica possano coniugarsi con i principi espressi dalla Corte di Giustizia Europea.
 
Piano Casa
La Commissione Ambiente ha chiesto di formulare meglio il concetto di area urbana degradata. Il decreto sviluppo concede infatti premialità volumetriche del 20% e 10%, ma anche cambi di destinazione d’uso, per chi abbatte, ricostruisce e delocalizza gli immobili situati in questo tipo di zone.
 
Sistri
Tra le proposte di modifica compare anche la proroga al primo giugno 2012 del regime transitorio per l’entrata in vigore del nuovo sistema sulla tracciabilità dei rifiuti pericolosi. L’accordo con il Ministero dell’Ambiente prevedeva invece un avvio scaglionato a partire dal primo settembre 2011.
 
Spiagge
Nei giorni scorsi si sono registrate diverse richieste per lo stralcio dal decreto della disposizione che prevede concessioni demaniali sulle zone costiere. Posizione condivisa anche dall’Udc, che ha proposto di approfondire la procedura di infrazione avviata nel 2009, ricordando che nel 2015, anno in cui scadranno quasi tutte le concessioni, sarà necessario tutelare le piccole e medie imprese. Il diritto di stabilimento è infatti riconosciuto a tutti i cittadini europei.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui