Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus 110% e difformità urbanistiche, cosa è consentito fare e cosa no
NORMATIVA Superbonus 110% e difformità urbanistiche, cosa è consentito fare e cosa no
RISPARMIO ENERGETICO

Rinnovabili, la Sardegna mira a superare gli obiettivi Ue

di Paola Mammarella

Oltrepassare la soglia del 35% entro il 2030, svolta con il programma Co2.Zero

Vedi Aggiornamento del 12/02/2013
Commenti 4099
21/06/2011 – La Sardegna punta a trasferire i consumi energetici dalle fonti tradizionali a quelle rinnovabili, superando la soglia del 35% entro il 2030. Lo ha annunciato il Presidente regionale Ugo Cappellacci, che lunedì scorso ha firmato il patto dei sindaci, impegnandosi anche a superare gli obiettivi europei.
 
Il patto mira a sostenere le autorità locali, impegnate in piani per l’abbattimento delle emissioni inquinanti e per l’incremento nella produzione di energie rinnovabili.  Obiettivi che riprendono il programma Sardegna Co2.Zero, che secondo gli organizzatori darà nuovo impulso all’economia e alla creazione di nuovi posti di lavoro.
 
La Regione si è impegnata davanti alla Commissione Europea a coinvolgere i 377 comuni sardi nella realizzazione di obiettivi energetici, che potranno avvalersi di contributi finanziari, master per la creazione di nuove figure professionali e progetti per il contenimento dei consumi.
 
Considerato che un edificio certificato in Classe A utilizza 3 litri di gasolio per riscaldare per un anno un metro quadrato, uno in classe C ne brucia 70 e uno in classe E ne consuma fino a 120, è nato anche il piano Smart City – Comuni in Classe A, che si propone di andare oltre gli obiettivi stabiliti dalla Commissione e mettere la sostenibilità in cima alle priorità di governo.
 
Sono per questo previsti interventi di riconversione energetica degli immobili pubblici, piani di mobilità elettrica, progetti di edilizia sostenibile, creazione di reti intelligenti.
 
Secondo Cappellacci, i territori insulari possono avere maggiori possibilità di successo nelle politiche a sostegno della sostenibilità ambientale. A detta del governatore della Sardegna, questo positivo punto di partenza sarà accompagnato dal programma Co2.Zero, che rappresentaun punto di svolta e rottura col passato.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui