Add Impression
Network
Pubblica i tuoi prodotti
Detrazioni 36% e 55%, la manovra taglia al 4% la ritenuta sui bonifici

Detrazioni 36% e 55%, la manovra taglia al 4% la ritenuta sui bonifici

Si abbassa il prelievo sui pagamenti versati dai clienti che usufruiscono del bonus fiscale alle imprese che realizzano la riqualificazione

Vedi Aggiornamento del 09/07/2013
di Paola Mammarella
07/07/2011 - La manovra correttiva 2011 taglia dal 10% al 4% la ritenuta d’acconto sui bonifici effettuati per ristrutturazioni e riqualificazioni energetiche che usufruiscono delle detrazioni Irpef.
 
Una misura salutata con favore da associazioni di settore e imprese, che più volte avevano lamentato l’aggravio della crisi di liquidità innescato dalla manovra estiva dello scorso anno.

Dalla relazione illustrativa è emerso infatti che l'aliquota al 10% avrebbe potuto pregiudicare le disponibilità finanziarie delle imprese. Col taglio al 4%, pur non cambiando l'impianto normativo esistente, vengono stemperati gli effetti finanziari a carico delle piccole realtà imprenditoriali.
 
Ricordiamo che è stato il Decreto Legge 78/2010, recante misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e la competitività economica, a introdurre la ritenuta del 10% da parte di banche e Poste sui bonifici versati dai clienti, che usufruiscono delle detrazioni del 36% e 55%, alle imprese che hanno effettuato i lavori di ristrutturazione e riqualificazione energetica.
 
Per l’applicazione della norma, che aveva destato il coro di proteste degli operatori, si erano resi necessari anche i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate. Con la Circolare 40/E/2010 il Fisco ha specificato che la base imponibile su cui effettuare la ritenuta non deve comprendere l’Iva, che pur variando in base alla tipologia di interventi, deve essere sempre calcolata al 20% per non creare difficoltà. Dal totale del bonifico si scorpora quindi il 20% e sulla parte restante si applica la ritenuta.
 
Successivamente, la Risoluzione 3/E/2011 ha spiegato che gli oneri di urbanizzazione corrisposti a favore dei Comuni sono esenti dalla ritenuta d’acconto. Anche se a parere del Fisco gli oneri di urbanizzazione rientrano tra le spese che danno diritto alla detrazione fiscale, i pagamenti possono essere effettuati con uno strumento diverso dal bonifico, in modo da evitare la ritenuta, o riportare nella causale una motivazione che eviti il prelievo.
Le più lette