Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus 110%, la caldaia a condensazione permette il ‘salto di classe’?
NORMATIVA Superbonus 110%, la caldaia a condensazione permette il ‘salto di classe’?
NORMATIVA

La Camera conferma i tagli alle detrazioni fiscali del 36% e 55%

di Rossella Calabrese

La Manovra riduce del 5% nel 2013 e del 20% nel 2014 i bonus su ristrutturazione e riqualificazione energetica

Vedi Aggiornamento del 01/09/2011
Commenti 28563
15/07/2011 - Confermato il taglio per le detrazioni fiscali del 36% sulla ristrutturazione del patrimonio edilizio e del 55% per gli interventi di riqualificazione energetica.

La Camera ha approvato la fiducia sulla legge di conversione della Manovra finanziaria (DL 98/2011), già approvata ieri dal Senato, che prevede una riduzione del 5% per il 2013 e del 20% a partire dal 2014 sulle agevolazioni fiscali per la casa.

Non è chiaro se il taglio ai bonus del 36 e del 55% si applicherà alle spese sostenute a partire dal 2013 oppure colpirà le quote che lo Stato restituirà ai contribuenti dal 2013 in poi, relative a spese effettuate negli anni scorsi. In tal caso la detrazione sulle ristrutturazioni, che oggi è pari al 36%, scenderà al 34% nel 2013 e a poco meno del 29% nel 2014.
 
Ad essere tagliate saranno anche la detrazione sugli interessi dei mutui per l’acquisto e la costruzione della prima casa, la detrazione per l’affitto della prima casa, la detrazione dei compensi pagati agli intermediari per l’acquisto della prima casa, ecc.

La Manovra, inoltre, riduce dal 10% al 4% la ritenuta d’acconto sui bonifici effettuati per ristrutturazioni e riqualificazioni energetiche che usufruiscono delle detrazioni (leggi tutto).
 
I tagli non saranno applicati solo se entro il 30 settembre 2013 verrà riordinata la spesa sociale con provvedimenti in materia fiscale e assistenziale.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Giuseppe

operiamo un sistema di detrazioni serie e certe (tempi certi e senza che finanziarie postume possano intervenire) su spesa sanitaria, adeguamento termico, e spese sulla casa (compresi, oltre alle ristrutturazioni, mutui di acquisto prima casa e regime degli affitti) e vedrete come escono fuori i furbi. Se posso detrarre in tempi certi mi spiegate perché devo rischiare sanzioni facendo lavori in nero? durc, inps e quant'altro non sarebbe ora di procedere di pari passo con da una parte l'auto certificazione e dall'altra l'inasprimento delle pene? quanti padroncini conosciamo che lavorano in nero senza presentare documentazione, gettando anche cemento armato che fino ad oggi l'hanno fatta franca grazie a mancati controlli, mancate denuncie ma soprattutto grazie a pene ridicole se vengono acchiappati? con l'ultima sentenza di cassazione penale (maggio 2011) finalmente il committente viene ritenuto responsabile così come il realizzatore delle opere per i lavori di cemento armato senza autorizzazioni comunali e del genio civile, ma le sanzioni - apparte che trattasi sempre di reati penali - quali sono? Vorrei uno Stato che sappia garantire i ceti medi e deboli promuovendo le giuste leberalizzazioni burocratiche, ma che al tempo stesso operi una repressione senza pietà nei confronti di furbi e cialtroni! P.S. Per ROBERTO: ancora non è chiaro, potrebbe darsi che si veda ridurre progressivamente i benefici negli anni, così come tutto rimanga uguale. Temo bisognerà aspettare qualche settimana per saperlo.

thumb profile
Roberto M

invece di incentivare per fare i lavori tutti in regola questi ti costringono a farlo in nero hanno rotto davvero sono più di due mesi che aspetto il DURC e non mi arriva ,ma che senso a perchè dare tutto sto potere all'inps e inail quando paghiamo fior fior di tasse? il tutto poi io devo fare solo up po di manutenzione su una facciata di una villetta vi rendete conto. io voglio fare l'onesto ma se lo facevo in nero avevo iniziato e finito nel giro di 2/3 giorni invece la signiora mi ha chiamato stizzita perchè non posso iniziare i lavori per colpa del DURC

thumb profile
stefano

Bla....Bla....Bla......se uno fa una ristrutturazione fa anche gli isolamenti termici e cambia caldaia e serramenti!! non ci hai pensato?? se non me ne danno nemmeno uno, il cappotto lo pago 45 € + IVA la mq.......mentre in nero lo si pagherebbe 32 € senza iva!!!!! spero non tolgano gli incentivi!! ne del 36 e sopratutto del 55%!!!

thumb profile
Vash

La vedo completamente all'opposto di te! Il 36% non serve a niente perché è fino a un massimo di 48.000 euro di lavori, solo sugli immobili residenziali e spalmato in 10 anni vuol dire il 3,6% l'anno. Di fatto non serve a niente perché se il cliente accetta il nero magari ottiene il 20% in meno subito al posto del 36% in 10. E il governo ha pensato bene di diminuirlo pure! Per il 55% esistono requisiti di efficienza ben precisi e non si applica a tutte le spese (se rifai il palazzo si applica comunque alle sole spese relative al cappotto.. se poi i controlli sulla corretta applicazione sono pochi, è un altro discorso). L'Enea (non Paperino) ha infine stimato che con il 55% i vantaggi per lo stato (minore evasione, maggiore gettito Iva, meno multe per mancato rispetto accordi Kyoto, ecc.) superano i costi (meno imposte). Se poi aggiungiamo che il 55% si applica anche agli immobili non residenziali, si capisce bene l'importanta della norma.

thumb profile
Stefano

Se posso faccio tutto in NERO!!!!

thumb profile
claudio

La detrazione del 36% sui lavori di ristrutturazione poteva anche essere mantenuta perchè fa emergere molto lavoro nero, quella sul ruisparmio energetico del 55% è un'assurdità perchè: 1)spesso gli interventi sono semplici sostituzioni di impianti climatici obsoleti; 2)i allo stato non ne veien niente solo spese! il risparmio è per l'utente 3) spesso i usa tale escamotage per rifare i prospetti degli edifici (con la scusa di aggiungere il cappotto). Insomma lo Satto ne ha solo una spesa. L'avrei ridotto anchesso al 36%

thumb profile
paolo

Roberto , mi hai preceduto con i tuoi commenti...Purtroppo, invece di venire incontro alle esigenze dei ceti medi, questo sgoverno colpisce solo dipendenti e pensionati, che potevono attraverso le detrazioni ridurre le tassazioni. Questa muova misura favorisce l'evazione....Questo sgoverno l'avete voluto...purtroppo la prende in quel posto anche chi non l'ha votato...

thumb profile
Roberto

Chi avvia la pratica di recupero 55% entro il 2012 (o la ha gia' avviata) beneficiera' del regime attuale fino alla fine, o vedrà comunque ridotto il recupero del 5% nel 2013 e del 20% a partire dal 2014? Grazie

thumb profile
Roberto

Riduciamo le detrazioni e aumentiamo le tasse!!!! Giusto!!! Così i pochi che ancora avranno qualche soldo da parte e vorranno spenderli per dei lavori di ristrutturazione li faranno eseguire rigorosamente a nero. Chi glielo farà fare di farsi fatturare i lavori se non possono detrarre niente? Conseguenza di ciò? Il cliente risparmia non pagando IVA e lo stato non incassa le tasse che ha aumentato!!!


x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, si parte col piede giusto? Partecipa