Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus 110% e difformità urbanistiche, cosa è consentito fare e cosa no
NORMATIVA Superbonus 110% e difformità urbanistiche, cosa è consentito fare e cosa no
NORMATIVA

La Manovra taglia del 30% gli incentivi alle rinnovabili (?)

di Rossella Calabrese

La riduzione dal 1° gennaio 2012. Ma il Ministro dello Sviluppo economico Paolo Romani dichiara: 'non c’è nessun taglio'

Vedi Aggiornamento del 20/10/2011
Commenti 10073
04/07/2011 - È stato trasmesso oggi al Quirinale il testo della Manovra (Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria), approvato giovedì scorso dal Consiglio dei Ministri.

Ma è giallo sulla riduzione degli incentivi alle rinnovabili. Dopo le indiscrezioni e le smentite susseguitesi nei giorni scorsi, sembrerebbe confermato il taglio del 30% rispetto ai livelli del 31 dicembre 2010 per “tutti gli incentivi, i benefici e le altre agevolazioni, comunque gravanti sulle componenti tariffarie relative alle forniture di energia elettrica e del gas naturale, previsti da norme di legge o da regolamenti”.
 
Il taglio, previsto dall’articolo 35, comma 10, del decreto (nella versione circolata oggi), avrà decorrenza 1° gennaio 2012 ed è finalizzato a “ridurre il costo finale dell’energia per i consumatori e le imprese”. Un apposito decreto del Ministro dello sviluppo economico, adottato su proposta dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas entro 90 giorni dall’entrata in vigore della Manovra, rideterminerà l’entità degli  incentivi, dei benefici e delle altre agevolazioni. 

Ma dai Ministri arrivano le smentite. "Nel testo definitivo della manovra finanziaria inviato al Quirinale - ha detto il Ministro dello Sviluppo economico Paolo Romani - non c’è nessun taglio degli incentivi per le energie rinnovabili”. “Il Cdm - ha proseguito Romani - ha convenuto sull'eliminazione della riduzione del 30% di tutte le agevolazioni e incentivi che oggi gravano sugli oneri di sistema presenti sulle forniture di energia elettrica e gas. Un taglio che, come ho avuto modo di esporre nella seduta del Consiglio, non avrebbe portato benefici alla collettività, incidendo solo per un 3% sul totale del costo. Al contrario, avrebbe comportato l'eliminazione di agevolazioni alle famiglie numerose e alle classi meno abbienti, mettendo inoltre a rischio il funzionamento di impianti strategici per la gestione dell’emergenza rifiuti. Stiamo lavorando già da tempo alla rimodulazione degli incentivi e del conseguente peso in bolletta, prima con il dlgs rinnovabili, poi con il decreto specifico per il fotovoltaico, dando impulso al settore e intervenendo in modo netto e selettivo su sprechi ed eccessi del passato" ha concluso Romani.

E il Ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo aggiunge: "Non mi risulta che nel testo della 'manovra' inviato al Quirinale sia stato reintrodotta la norma che prevede il taglio del 30% di incentivi e agevolazioni relative alle forniture di energia elettrica".
 

Del taglio agli incentivi si era parlato già lo scorso giovedì, al termine del Consiglio dei Ministri. Le Associazioni delle rinnovabili ANIE/GIFI, ANEV, APER avevano immediatamente diramato un comunicato stampa per esprimere la loro contrarietà alla decisione del Governo. Secondo le Associazioni, la misura “se confermata, sarebbe devastante non solo per il settore della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili ma per tutti i consumatori, sia industriali che domestici, che attualmente beneficiano di incentivi o sgravi che trovano copertura nella bolletta”. “Sarebbe invece opportuno - aggiungevano -, come da tempo propongono e chiedono gli operatori del settore, eliminare l’IVA sull’A3 o altre voci della bolletta”.

Per Kyoto Club, “il solo annuncio di misure di questo tipo, dopo che si era raggiunto un delicato equilibrio con il quarto Conto Energia per il fotovoltaico, è micidiale per il settore delle rinnovabili e dell'efficienza energetica e per la credibilità del sistema Italia a livello internazionale”. “Gli effetti di questo provvedimento - aggiunge Kyoto Club - sarebbero marginali nelle tasche dei cittadini, ma avrebbero effetti dirompenti per il settore delle energie pulite con circa 100mila occupati diretti e indiretti e per quello dell’efficienza energetica che coinvolge un numero molto maggiore di addetti. E tutto questo, proprio mentre il Governo dovrebbe lavorare ad un nuovo quadro regolatorio e incentivante per il settore delle rinnovabili e dell'efficienza energetica in vista degli obiettivi europei del 2020”.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Roberto p.e.

Prima negata. Poi noi avevamo reagito meglio. La pubblicità per vendere più dentifrici per rilanciare i consumi. Come se uno che si lava i denti ha bisogno di una pubblicità scema per continuare a farlo... Oggi dopo aver tagliato e distrutto la scuola, la ricerca e la sanità, tolgono quelle poche pensioni che permettono alle famiglie di aiutare i giovani e non più giovani disoccupati. (siamo uno dei Paesi con più disoccupati al Mondo!) Quand'è che ve ne andate a casa? B & B è ora che andate in pensione. Addio!!! ADDIO!!!!!!!

thumb profile
Roberto p.e.

Quand'è che B & B se vanno a casa?! Sì perché non se ne può proprio più. Hanno distrutto la nostra credibilità. La confusione regna sovrana! BASTA!! Annatevene!! Jatevenne!!!

thumb profile
M.

Basta allarmismo, se aprite il testo integrale vi accorgerete che il taglio non c'è quindi il discorso non sussiste.

thumb profile
roberto

Tagliate n. parlamentari, vitalizi, gli Sprechi con la S maiuscola ...e probabilmente la gente sarà disposta ad accetare sacrifici ...... parole di un elettore di centro destra! Per il fotovoltaico......meglio puntare sulla riduzione che su una superproduzione per sopperire ad altri sprechi. Avviare una politica seria dell'edilizia MPONENDO costruzioni energeticamente efficienti e sostenibili. Si risparrmia energia, ne beneficia l'ambiente e la qualità della vita . Sembra un concetto semplice ma è più facile optare per caldaie e condizionatori a "manetta".

thumb profile
Corrado

Allora gli incentivi in Italia NON sono i più alti di Europa e ad ogni modo sono commisurati a quello che oggi è il prezzo del fotovoltaico. L'acquisto di energia dall'estero costa sicuramente meno di quella prodotta da noi. Quindi ci sarebbe convenienza continuare a comprare piuttosto che produrre. Ma visto che abbiamo perso la corsa al nucleare 25 anni fa, non perdiamo ora quella alle rinnovabili. Dobbiamo continuare ad investire sempre di più nelle rinnovabili e per farlo bisogna incentivare la gente, per sensibilizzarla. Lincentivo sparirà quando produrre da FV costerà tanto quanto il consumo dell'energia. Quoto Alberto:....basta dire cazzate!

thumb profile
StefanoCS

...ultimo tentativo disperato in extremis di questo governo in rotta di affossare le rinnovabili...al fine di favorire...su completiamo la frase!

thumb profile
Emanuele Mezzasalma

Ma chi fa del terrorismo? Se prendere coscienza di quello che ci sta accadendo intorno, ognuno col proprio punto di vista, fosse terrorismo, stiamo freschi.

thumb profile
alberto

TUTTO QUELLO CHE DITE su questo argomento E' UN DANNO PER IL SETTORE già sufficientemente penalizzato. Vi invito a stare ZITTI e a non fare più TERRORISMO. Grazie.

thumb profile
porcellum

PRIMA BRUCIAMO LE TESSERE DELLA LEGA , SECONDO PERCHE' DOBBIAMO CONTINUARE A PAGARE LE TASE IN QUESTO STATO DOVE ORAMAI I POLITICI CI FANNO PIU' DANNI CHE ALTRO ?

thumb profile
Emanuele Mezzasalma

Come possiamo continuare a concedere gli incentivi più alti d'Europa nell'attuale situazione? Come si può pretendere che si investa sulle rinnovabili quando dobbiamo, nel frattempo, acquistare energia dall'estero a caro prezzo? Nell'attesa che qualcuna risponda compiutamente, prego anch'io per l'avvento di un nuovo governo illuminato che sappia cogliere appieno i miracoli della scienza e ci conduca, senza ulteriori patemi, in un fulgido futuro a energia solare e a eolico con relativa energia elettrica a buon mercato per tutti.

thumb profile
BETA

Lasciate perdere le rinnovabili. Sulla manovra si parla già di un taglio del 30% a partire dal 2012. Ricordate che questo è il GOVERNO DEL FARE!! che cosa? del FARE QUEL CHE GLI PARE!!!