Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Subappalto con tetto al 40% e manutenzioni su progetto definitivo, tutto resta com’è
LAVORI PUBBLICI Subappalto con tetto al 40% e manutenzioni su progetto definitivo, tutto resta com’è
NORMATIVA

Legge Sviluppo, più flessibili i piani attuativi

di Paola Mammarella

Implicazioni sul testo unico dell’edilizia e integrazioni alla legge urbanistica per interventi semplificati

Vedi Aggiornamento del 17/10/2011
Commenti 9297
19/07/2011 - È in vigore da una settimana la Legge Sviluppo. Al suo interno una serie di misure per la semplificazione delle procedure nel settore edile. Come la norma che consente di dare attuazione ai singoli comparti del piano attuativo, anche se scaduto.
 
Una volta decorso il termine per l’esecuzione del piano, infatti, se il Comune non provvede a presentarne uno nuovo per la parte rimasta inattuata, si può dare attuazione a singoli comparti o sub-comparti, che non costituiscono variante urbanistica.
 
Tra le varie implicazioni, la norma incide sull’articolo 22 del Dpr 380/2001, Testo Unico dell’edilizia, che regola gli interventi sottoposti a denuncia di inizio attività.
 
In base al Testo unico, infatti, in alternativa al permesso di costruire possono essere realizzati con Dia gli interventi di nuova costruzione o ristrutturazione urbanistica se disciplinati da piani attuativi contenenti precise indicazioni su plani volumetria, tipologia e modalità di costruzione.
 
Ricordiamo che il Decreto Sviluppo ha chiarito l’applicazione all’edilizia della Scia, segnalazione certificata di inizio attività.
 
Il nuovo titolo abilitativo, che consente di iniziare i lavori nello stesso giorno in cui viene presentata la documentazione, sostituisce la Dia. Il caso preso in esame dal testo unico non usufruisce però della semplificazione, che non si applica alla Super-Dia, cioè alla Dia utilizzata in alternativa al permesso di costruire.
 
La legge Sviluppo integra anche il testo dell’articolo 17 della Legge Urbanistica 1150/1942, sulla validità dei piani particolareggiati. Dopo due anni dal termine per l’esecuzione del piano particolareggiato, l’Amministrazione, visto il suo interesse di dotare le aree di infrastrutture e servizi, può accogliere le proposte, avanzate dai privati che ne hanno diritto, per la formazione e l’attuazione dei singoli sub comparti.
 
Le proposte non possono modificare la destinazione d’uso delle aree pubbliche o fondiarie e devono rispettare gli stessi parametri urbanistici dello strumento decaduto.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
aquilanti giancarlo

sono un modesto costruttore ed ho in proprieta una lottizazione per costruire circa 46 unita immobiliare, ho trovato un imprenditore del nord che vuole investire ed il comune dopo aver da tempo adottato la variante la regione lazio idem la provincia ha dato assenzo favorevole. l'indecenza con tutta la crisi economica che l'ufficio tecnico del comune sta tergiversando su cosa non si sa....potrei con questo permesso a costruire primo far lavorare almeno 20 operai e far sicuramente uscire dalla sofferenza la mia azienda... vi prego contattatemi so pronto a tutto nel senso.a chirire e dare documenti di questa credo illegittimita che mi stanno facendo. GRAZIE....