Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus 110%, pubblicata la circolare dell’Agenzia delle Entrate
RISPARMIO ENERGETICO Superbonus 110%, pubblicata la circolare dell’Agenzia delle Entrate
NORMATIVA

Nuovo Piano Casa e Dl Sviluppo, Puglia in dirittura d’arrivo

di Paola Mammarella

L’Assessore Barbanente auspica la chiusura dell’iter per la modifica delle misure di riqualificazione entro metà luglio

Vedi Aggiornamento del 04/08/2011
Commenti 8303
06/07/2011 – Concludere l’iter legislativo delle modifiche al Piano Casa entro metà luglio. È il proposito dell’Assessore regionale alla qualità del territorio Angela Barbanente per allineare la Puglia al Decreto Sviluppo.
 
Al momento, il Consiglio Regionale è al lavoro per la proroga del Piano casa, in scadenza al 25 settembre, e l’allentamento dei vincoli che finora avrebbero impedito il decollo delle misure di rilancio dell’edilizia. Tra le modifiche di maggior rilievo c'è lo spostamento dei termini al 31 dicembre 2011 e la possibilità di inoltrare la domanda di accatastamento prima della presentazione della Dia o della richiesta del permesso di costruire (Leggi Tutto).
 
Allo stesso tempo, è in fase di conversione al Senato il Decreto Sviluppo, che contiene norme per la semplificazione dei titoli abilitativi edilizi e agevolazioni per la riqualificazione delle aree urbane degradate. Il decreto legge prevede un termine di 60 giorni per l’emanazione di specifiche leggi regionali di attuazione, che dovrebbero quindi essere approvate entro il 12 luglio.
 
Si presentano quindi due difficoltà. Da una parte la ristrettezza dei tempi, dall’altra la considerazione che i contenuti del decreto potrebbero cambiare durante la discussione in Senato.
 
L’Assessore ha quindi proposto di concludere l’iter di modifica del Piano Casa subito dopo il 12 luglio, in modo da poter integrare la legge regionale con le eventuali variazioni del decreto sviluppo.
 
A favore dei tempi brevi necessari per l’approvazione della legge regionale giocano, come affermato dalla Barbanente, diversi fattori. Primo fra tutti la buona intesa che il Consiglio ha raggiunto sul testo in discussione.
 
In secondo luogo il vantaggio della Regione, che non avrebbe bisogno di notevoli modifiche normative, ma solo di qualche intervento di aggiustamento.
 
L’Assessore Barbanente ha infatti ricordato che in Puglia sono già presenti incentivi volumetrici e altre forme di premialità progressive per favorire la riqualificazione urbana. Come la LR 21/2008 “Norme per la rigenerazione urbana”, integrata dalla LR 14/2009 – Piano Casa, che ha introdotto gli interventi di riqualificazione edilizia attraverso la delocalizzazione delle volumetrie, ma anche la LR 13/2008.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Danilo

Va bene la semplificazione e tutto il resto, ma far fare la domanda di accatastamento prima del rilascio della DIA o del PdC mi sembra una fesseria.