Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Nuovo Testo Unico Edilizia, passi avanti per la proposta di legge
NORMATIVA Nuovo Testo Unico Edilizia, passi avanti per la proposta di legge
PROFESSIONE

Architetti soddisfatti per il ritiro delle norme sulle professioni

Cnappc: ‘la riforma resta urgente e improrogabile’

Vedi Aggiornamento del 08/09/2011
Commenti 6268
14/07/2011 - “Siamo grati a tutti coloro - come il Ministro Alfano, i deputati e senatori del Pdl e dell'Udc - che hanno ritenuto che una riforma così importante non potesse essere ‘liquidata’ attraverso un emendamento di poche righe a un provvedimento di natura puramente economica. Siamo, altresì soddisfatti, che la modifica del testo dell’emendamento distingua tra le professioni costituzionalmente regolamentate e le altre attività intellettuali o di impresa.”
 
Così il Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori sulla cancellazione, dal testo della Manovra approvato oggi in Senato, dell’emendamento sulle liberalizzazioni delle professioni (leggi tutto).
 
“Resta, comunque improrogabile e quanto meno urgente per gli architetti italiani - continua il Consiglio Nazionale - riformare il  proprio vetusto ordinamento. Per questo motivo dopo la pausa estiva proporremo - a tutte le forze politiche, economiche e sociali del Paese, perché la qualità del mestiere di architetto incide sulla vita quotidiana dei cittadini, sull'habitat e sull'ambiente -  un progetto di riforma innovativo, capace di contemperare i principi dell'etica, del merito e della qualità con le esigenze del mercato globale”.
 
“Sarà poi importante disegnare, con le università, iter formativi e di tirocinio adatti alle nuove  esigenze della collettività così come  – continua ancora -  dialogare con il mondo produttivo per fare sistema.  In questa ottica  invitiamo ancora una volta Confindustria  a sedersi ad un tavolo di confronto per collaborare insieme allo sviluppo del Paese: mettendo ciascuno a frutto – come avviene, ad esempio, in Germania -  le rispettive diversità. Se noi architetti, infatti, ci omologassimo ad una natura aziendale uccideremmo la nostra capacità di innovazione e di progetto”.
 
“Gli architetti italiani – conclude -  hanno a cuore il futuro del Paese, e  mettono  al suo servizio un ordinamento professionale che vogliamo moderno, fondato su etica, merito individuale e qualità del servizio ai cittadini: tutto ciò ci permetterà di contribuire ad uno sviluppo ordinato e sostenibile”
 
 
Fonte: Ufficio stampa Cnappc


Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, come sta andando e cosa ci aspetta? Leggi i risultati