Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Covid-19 e superbonus 110% hanno rallentato l’edilizia nel 2020
MERCATI Covid-19 e superbonus 110% hanno rallentato l’edilizia nel 2020
RISPARMIO ENERGETICO

Registro grandi impianti fotovoltaici: le associazioni chiedono intervento del Governo

‘Rischio di stallo del mercato dovuto ai ricorsi delle aziende escluse’

Vedi Aggiornamento del 05/09/2011
Commenti 6262
28/07/2011 - I Presidenti di Aper, Assosolare, Asso Energie Future e Grid Parity Project lanciano un grido d’allarme per la palese inefficacia e pericolosità del Registro dei Grandi Impianti fotovoltaici previsto dal IV Conto Energia (DM 5 maggio 2011) per  l’assegnazione delle tariffe incentivanti.
 
Le Associazioni chiedono al Governo di rivedere urgentemente i criteri che sono alla base di questo provvedimento abbandonando la strada del Registro dei Grandi Impianti.
 
“Se non si interviene immediatamente” dichiarano i quattro Presidenti, “si rischia non solo di assistere a una lunga fase di stallo del mercato dovuta ai molteplici ricorsi da parte delle aziende escluse dalle graduatorie, ma anche di far perdere al Paese una formidabile opportunità industriale, occupazionale e ambientale”.
 
Grossolani errori nel calcolo del costo degli impianti hanno costretto il GSE ad annunciare una rettifica della graduatoria pubblicata il 15 luglio scorso, imponendo al mercato un’ ulteriore esasperante attesa (leggi tutto).
 
Sorprende inoltre vedere, nei primi posti della graduatoria, impianti con una data di fine lavori precedente alla data di ottenimento delle autorizzazioni o addirittura impianti ancora da costruire con titoli abilitativi che potrebbero essere già inefficaci. Assegnare ora una tariffa a valere sul IV conto energia a impianti autorizzati addirittura nel 2007 non fa altro che spingere alla compravendita di autorizzazioni, non certo l’obiettivo di un’industria sana ed efficiente.
 
Tutti aspetti sintomatici di un meccanismo farraginoso e contorto che ha già sortito l’effetto, da un lato di incrementare fenomeni puramente speculativi, dall’altro di aumentare le incertezze in un settore già messo a dura prova da mesi di stasi a causa della repentina abrogazione, senza adeguate tutele per gli investimenti intrapresi, del III Conto Energia.
 
 
Fonte: Ufficio stampa Assosolare; Ufficio stampa Aper

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui