Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Edilportale Digital Forum, giro di boa per la prima fiera virtuale dell’edilizia
TECNOLOGIE Edilportale Digital Forum, giro di boa per la prima fiera virtuale dell’edilizia
NORMATIVA

Nessun compenso al geometra che progetta opere civili in cemento

di Paola Mammarella

La decisione della Cassazione conferma una scuola di pensiero ma stride con Cng e altri tribunali

Vedi Aggiornamento del 04/09/2013
Commenti 12240
07/09/2011 – Non ha diritto al pagamento per le prestazioni effettuate il geometra che progetta un edificio civile in cemento armato. Lo ha stabilito la Cortedi Cassazione con la sentenza 18038/2011 del 2 settembre scorso, che se da una parte conferma una scuola di pensiero, dall’altra si pone in contrasto con altre fonti giurisprudenziali e con l’interpretazione normativa del Cng – Consiglio nazionale dei geometri.
 
Le motivazioni e la normativa vigente
La decisione è stata motivata tenendo presenti più fattori. Secondo la Cassazione, il Codice Civile nega l’azione per il pagamento di un’attività professionale condizionata all’iscrizione in un albo da parte del professionista non iscritto.
 
In secondo luogo, il Regio decreto 274/1929 ammette la competenza dei geometri alla progettazione di strutture in cemento armato solo per quanto riguarda gli edifici a destinazione agricola che non richiedano particolari operazioni di calcolo e che, per la loro destinazione, non rappresentino un pericolo per l’incolumità delle persone.
 
La Corte, infine, ricordando che il Regio decreto 2229/1939 riserva a ingegneri e architetti iscritti all’albo la competenza alla progettazione di costruzioni civili, sia pure di modeste dimensioni, ha precisato che la disciplina non è stata modificata dalla Legge 1086/1971 e 64/1974 che, pur non facendo un esplicito richiamo delle fonti, "si limita a recepire la previgente ripartizione delle competenze".
 
Il caso in esame
La Corte ha esaminato il ricorso contro la decisione della Corte d’Appello di Trieste, che aveva negato all’impresa costruttrice il compenso per alcune opere svolte da un geometra perché estranee alla sua competenza professionale.
 
Il contesto normativo e i pareri contrari
La scuola di pensiero della Cassazione non è stata sempre confermata dalla giurisprudenza. Ad esempio, il Tar Sicilia con la sentenza 1022/2011 ha affermato che i geometri possono progettare strutture in cemento armato, avendo come unico limite la dimensione ridotta delle opere e la firma del tecnico laureato per presa visione. Sulla stessa falsariga la sentenza del Tar Campania 9772/2010 e le affermazioni rilasciate a Edilportale da Fausto Savoldi. Secondo il presidente del Consiglio Nazionale dei Geometri, la giurisprudenza non univoca potrebbe essere causa di confusione. Allo stesso tempo, le sentenze non hanno lo stesso peso delle norme in vigore, che sono valide per tutti. Savoldi ha infine richiamato l’attenzione sull’articolo 16 lettera m del Regio decreto 274/1929, che riconosce ai geometri il progetto, la direzione e la vigilanza sulle modeste costruzioni civili.


Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
colonna fabio

ciao a tutti e ascoltate. Sono geometra iscritto e ho anche 37 anni, 6 anni fà mi sono iscritto ad ingegneria edile ma prima ho fatto un anno di ripetizione di tutte le materie soldi soldi tempo ecc. Ogni esame ho speso soldi e tempo come ANALISI matematica diritto geometria disegno scIenze delle costruzioni ecc sono dimagrito e divenuto poverO per i soldi che ho sborzato percio CARI GEOMETRI E COME DITE OGGI E GEOMETRI LAUREATI FATE COME ME O FATE I BRAVI . aLLORA DOMANI PRENDETE I SOLDI E 6-7 ANNI DELLA VOSTRA VITA E ISCRIVETEVI ALL' UNIVERSITà, NON è MAI TARDI PER PATIRE E POI PROGETTATE, POI NE PARLEREMO CIAO ASPETTO COMMENTI...Quando leggo al collegio geometri e geometri laureati non capisco cosa significa potete spiegarmelo ciao