Carrello 0
NORMATIVA

Sì della Camera alla Manovra bis. Rispunta l’ipotesi di un condono edilizio

di Rossella Calabrese
Commenti 32392

Tante le novità per professionisti e imprese. Proposto un condono edilizio per piccoli abusi destinati a edilizia residenziale

Vedi Aggiornamento del 20/12/2012
Commenti 32392
15/09/2011 - Nella seduta di ieri la Camera ha dato il via libera al ddl di conversione della Manovra bis (DL 138/2011).
 
Nel primo pomeriggio l’Aula di Montecitorio, con 316 voti a favore e 302 contrari, ha approvato la fiducia posta dal Governo sul provvedimento; in serata c’è stato l’ok definitivo.
 
Come già detto ieri, il testo approvato è quello licenziato dalla Commissione Bilancio, senza modifiche rispetto a quello trasmesso dal Senato.
 
Leggi tutti i contenuti
 
Il provvedimento è stato firmato questa mattina dal Presidente della Repubblica e sarà a breve pubblicato in Gazzetta Ufficiale.


Nel corso della discussione, la Camera ha approvato un ordine del giorno che impegna il Governo a valutare l’opportunità di effettuare un nuovo condono edilizio per i piccoli abusi destinati per lo più ad edilizia residenziale.
 
La proposta arriva dal deputato Domenico Scilipoti, del Gruppo dei Responsabili, secondo il quale “la straordinarietà della situazione economica europea e mondiale giustifica il ricorso al tanto vituperato condono fiscale” e al condono edilizio che consentano, nell’immediato, un recupero di risorse economiche. Il condono edilizio - secondo Scilipoti - permetterebbe “il reperimento delle migliori ed immediate risorse sicure e certe, difficilmente recuperabili per lo Stato sotto forma di confisca, e non influirebbe sui risparmi dei cittadini come una patrimoniale”.
 
Il condono edilizio riguarderebbe i piccoli abusi destinati all’edilizia residenziale, cioè tutte le opere abusive realizzate entro il 31 dicembre 2010 in ampliamento di opere regolarmente assentite. Per ultimazione si intende l'opera completamente definita nella sua volumetria e nella sua sagoma visiva (in caso di abitazioni occorre il tetto ed i muri perimetrali completi di intonaco e pitturazione esterni) ed esternamente esteticamente completate (con intonaco e pitturazione).
 
L’opera abusiva realizzata in ampliamento non deve essere superiore al 25% per cento della volumetria originaria o, in alternativa, e non deve costituire un ampliamento superiore a 400 metri cubi (circa 130 metri quadri); l’ampliamento si considera tale anche se questo non è costruito in aderenza alla costruzione originaria, purché sia tutto realizzato entro la distanza di metri 75 dalla costruzione originaria regolarmente assentita.

Staremo a vedere se l'ordine del giorno - che è una richiesta non troppo vincolante del Parlamento al Governo - si tradurrà in un atto concreto.


Il Consiglio Nazionale Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori esprime la propria preoccupazione per il fatto che il Parlamento abbia approvato e che il sottosegretario Giorgetti, a nome del Governo, abbia accettato ufficialmente un ordine del giorno volto a realizzare un condono edilizio per tutti gli abusi realizzati fino al 31 dicembre dell’anno scorso per una volumetria non superiore al 25/% dell’esistente anche se non aderente alla costruzioni originaria.
 
Per gli architetti italiani è “estremamente grave che la necessità di recuperare risorse economiche per fare fronte alla grave crisi economica e finanziaria induca l’Esecutivo ad intraprendere la pericolosa strada del condono che premia abusivismo, malaffare e criminalità. Non si comprende perché, quasi ad ogni provvedimento finanziario, venga rispolverato questo nefasto provvedimento che ha, tra le altre conseguenze, quella di contribuire alla devastazione del paesaggio nazionale colpendo, così, una delle ricchezze italiane che più dovrebbe essere valorizzata.
 
Gli architetti italiani esprimono quindi la loro contrarietà nei confronti di tale ipotesi, auspicando che le forze politiche di maggioranza e di opposizione condividano delle misure di rilancio dell’economia che, invece, partano proprio dalla valorizzazione dell’immenso patrimonio culturale, edilizio e territoriale del nostro Paese”.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
alex

alex: condono tombale. I tre condoni precedenti hanno creato una tale burocrazia,che ancora oggi negli gli uffici tecnici comunali si esaminano a rilento le pratiche presentate nel 1985 ai sensi della legge 47/85!!! Oggi si trovano aggrovigliati in quelle pratiche gli eredi e/o nuovi acquirenti che non hanno conoscenza degli abusi commessi dai loro precedessori!!con oneri burocratici estremamente costosi!! Si parla oggi di una nuova proposta di condono che ,se sarà simile ai precedenti ,consiglio agli abusivisti di pensarci due volte prima di presentare l'autodenuncia.Occorre a mio avviso una legge che chiuda definitivamente le vecchie pratiche di condono ,se in regola con l'oblazione pagata a favore dello Stato.Il nuovo condono dovrà essere tombale e cioè con il pagamento della oblazione si estinguono tutti i reati non solo urbanistici ma anche per tutti i vincoli esistenti sull'abuso.Si potrà dare un certo tempo ai comuni di individuare quei veri scempi edilizi non sanabili a condono e quindi abbatterli senza indugio!!

thumb profile
lello

si al condono

thumb profile
lello

Ogni volta che si prospetta un condono edilizio vengono alzate delle barriere da parte di verdi, sinistra, ordine degli ingegneri etc...-. Premesso che sono d'accordo nel contrastare l'abusivismo edilizio ma se noi non sistemiamo tutto il pregresso come risolviamo le decine di migliaia di casi in sospeso presso tribunali etc ? I signori di prima sono bravi ad etichettarsi come paladini della moralità però quando si presentano in televisione non hanno mai il coraggio di dire che cosa bisogna fare di tutto quello che è stato già realizzato. Quali provvedimenti prendere o chi salvare. Siate seri affrontate il problema dando delle soluzioni. P.S. Gli ingegneri a detta del loro albo si ritengono offesi dal condono. Però poi danno le loro consulenze ai clienti e presentano le istanze anche dando dei consigli. Mah

thumb profile
Mario

basterebbe che stato, regioni e comuni seguissero il buon senso nell'emanare le norme, IL BUON SENSO altro che pagine e pagine di norme troppo rigide che non servono a nessuno, tantomeno all'economia di questo paese, se l'edilizia non riparte...

thumb profile
PIER

Concordo con massimo corrao! Spero che non inseriscano norme dubbie che puntualmente i Comuni interpretano a sfavore del cittadino!!

thumb profile
Fabrizio

Favorevole ad un condono limitato agli edifici residenziali e alle sue pertinenze con esclusione di nuove unità immobiliari, consentire solamente ampliamenti e trasformazione della destinazione d'uso

thumb profile
massimo corrao

se condono edilizio verrà fatto che sia condono totale e non un condono che sembri un ulteriore condono piano casa


x Sondaggi Edilportale
Cosa è cambiato con il decreto SCIA 2? Rispondi al quiz! Partecipa