Network
Pubblica i tuoi prodotti
In anteprima i vincitori del Klimaenergy Award

In anteprima i vincitori del Klimaenergy Award

Enti premiati per risparmio energetico, riqualificazione ambientale e agricoltura sostenibile

Vedi Aggiornamento del 26/09/2014
di Rossella Calabrese
14/09/2011 - Valorizzare le migliori esperienze e i progetti più meritevoli in ambito pubblico, mostrare le potenzialità di un modello energetico sostenibile, sottolineare il ruolo fondamentale di enti locali e territoriali nella diffusione delle fonti rinnovabili.
 
Questi gli obiettivi del Klimaenergy Award, la sfida virtuosa tra Comuni e Province di tutta Italia promosso da Fiera Bolzano e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Bolzano, una delle iniziative di spicco di Klimaenergy, fiera internazionale dedicata alle energie rinnovabili per usi commerciali e pubblici in scena a Fiera Bolzano dal 22 al 24 settembre 2011.

Il Premio, giunto alla sua quarta edizione, vuole dare un forte segnale agli amministratori pubblici di tutta Italia. La partecipazione al Klimaenergy Award ha riguardato tre categorie di Comuni in base al numero di abitanti:
- Comuni con meno di 20.000 abitanti;
- Comuni dai 20.000 ai 150.000 abitanti;
- Comuni con più di 150.000 abitanti e Province.
 
Una giuria di esperti super partes ha valutato i progetti presentati in conformità a criteri quantitativi e qualitativi: i criteri quantitativi hanno riguardato il risparmio di CO2 (sia in termini assoluti sia in termini relativi, ovvero CO2 per abitante) mentre i criteri qualitativi riguardano il valore aggiunto: ecologico ed economico, la possibilità di adattare il progetto anche alla realtà di altri Comuni, il grado di innovazione, il coinvolgimento e la sensibilizzazione della popolazione.
 
Nella categoria ‘Comuni con meno di 20.000 abitanti’, il vincitore è il Comune di Peglio (PU), che si è distinto per aver dimostrato, nonostante le sue dimensioni molto ridotte (737 abitanti), l’importanza di un approccio olistico al problema energetico, muovendosi su più fronti per raggiungere una maggiore sostenibilità. Il comune si è infatti impegnato sia nella razionalizzazione dei propri consumi, che nella produzione di energia da fonti rinnovabili. La prima è stata attuata attraverso la messa a norma dell’impianto di pubblica illuminazione del centro storico, la gestione telecontrollata della caldaia del centro sportivo e la sostituzione delle caldaie a gasolio degli immobili comunali. Viene inoltre prodotta energia da fonti rinnovabili quali l’energia solare termica, fotovoltaica ed eolica. Vengono premiate anche le attività di sensibilizzazione, che hanno reso possibile il coinvolgimento della cittadinanza.
 
Il Premio Speciale è andato al Comune di Carloforte (CI), situato su una piccola isola Sarda, per il percorso intrapreso volto a ridurre le emissioni di gas a d effetto serra, tramite l’adozione di misure dirette all’utilizzo delle fonti rinnovabli.
 
Nella categoria ‘Comuni dai 20.000 ai 150.000 abitanti’, ha vinto il Comune di Vicenza che ha intrapreso un importante percorso volto a riqualificare la città da un punto di vista ambientale. In particolare si premia la volontà di recuperare posizioni nelle classifiche degli indicatori ambientali. Gli interventi realizzati sono molteplici e riguardano lo sfruttamento delle fonti rinnovabili per la produzione di energia elettrica e calore (fotovoltaico, cogenerazione, teleriscaldamento), la ripresa di investimenti a favore della mobilità sostenibile (acquisto di nuovi autobus ibridi, nuove piste ciclabili per 13,7 km, nuovo Piano Urbano della Mobilità in fase di sviluppo), avvio del Piano per il Contenimento dell’Inquinamento Luminoso e sviluppo delle aree verdi. Originale l’organizzazione delle consegne delle merci nella zona a traffico limitato affidato a veicoli elettrici di una società comunale.
 
Premio speciale per il Comune di Fossano (CN) per gli sforzi dimostrati su più fronti per la riduzione delle emissioni di inquinanti in atmosfera e contemporaneamente per la produzione di energia pulita a servizio degli edifici e impianti comunali.
 
Nella categoria ‘Comuni con più di 150.000 abitanti e Province’ il premio è andato alla Provincia di Mantova ed alla rispettiva Agenzia per l’Energia - AGIRE, per essere riuscite a coinvolgere e motivare le aziende agricole del proprio territorio ad operare in modo sostenibile, perseguendo obiettivi di risparmio energetico e di produzione di energia da fonti rinnovabili, grazie   ad un vasto progetto per la valorizzazione della biomassa in agricoltura (Fo.R.Agri). La commissione premia la Provincia di Mantova per la scelta strategica di utilizzare le biomasse, considerate un potenziale notevole per la produzione energetica, non ancora adeguatamente sfruttato in Italia. Importante è anche il lavoro di comunicazione del progetto, che la provincia ha svolto nell’ambito di convegni, attraverso la stampa e nei confronti dei Comuni della Provincia, delle associazioni di categoria, degli imprenditori e delle Istituzioni europee (Energy Week).
 
Premio speciale alla Provincia di Potenza e alla Provincia di Lucca, distintesi per il particolare impegno sulla formazione. La provincia di Potenza, infatti, ha usato la polifunzionalità delle scuole con il fine di elevare le competenze degli studenti e la capacità di apprendimento della popolazione, ed in contemporanea aumentare la dotazione infrastrutturale di plessi scolastici. La provincia di Lucca ha coinvolto attivamente la popolazione e soprattutto i giovani cittadini, in occasione dell’efficientamento energetico di edifici scolastici che, durante le fasi di svolgimento, ha più volte visto protagonisti gli studenti stessi.
 
 
La premiazione avverrà giovedi 22 settembre a Fiera Bolzano in occasione della cerimonia d'inaugurazione di Klimaenergy 2011, la Fiera internazionale delle energie rinnovabili per usi commerciali e pubblici, che si svolge insieme a Klimamobility 2011, Salone della mobilità sostenibile a Bolzano, 22 - 24 settembre 2011.
Le più lette