Carrello 0
AZIENDE

AGC e le infinite sfaccettature del vetro

18/10/2011 - AGC Flat Glass Italia ha scelto il MADE expo 2011 per presentare la propria diversificata produzione per l’architettura e l’interior design. Lo stand  (D33-E38 - Pad. 14) è stato impostato per dare la massima visibilità ai vetri esposti: Lacobel e Lacobel T, Planibel Light, Pyrobel, Stopray Vision-36T, gamma Matelux e il nuovo “Concept Glass” AGC 2012.
 
Le due pareti longitudinali dello stand sono state rispettivamente scandite da tre portali bianchi, che incorniciavano grandi superfici trasparenti come vere facciate architettoniche. Cinque le diverse tipologie di vetro che vi hanno trovato collocazione: il nuovo “Concept Glass”, Stopray Vision 36T (vetro selettivo magnetronico a controllo solare specifico per coperture), Pyrobel (vetro stratificato resistente al fuoco) e alcune lastre delle linee che hanno fatto la storia del vetro come Stopsol e Sunergy.
 
La trasparenza del vetro è stata protagonista assoluta dello spazio espositivo così come dell’immagine di AGC. Lo stand si è presentato come un unico blocco sospeso su bianche lastre antisdrucciolo retroilluminate (Matelux Antislip White). La zona reception è stata strutturata sul banco di accoglienza in vetro temprato laccato bianco (Lacobel T da 6 mm) sullo sfondo blu delle pareti vetrate della zona di servizio (Lacobel Luminous Blue da 4-6 mm). La zona espositiva vera e propria è stata una sorta di scatola con al centro l’area uffici, arredata con tavoli con il piano in vetro Matelux DarkGrey e perimetrata da pareti in diverse tipologie di vetro: Pyrobel e la nuova gamma Lacobel T presentata in nero, grigio e bianco.
 
AGC Glass: vetro senza limiti
Il Gruppo AGC, acronimo di Asahi Glass Company, è leader mondiale nella produzione di vetro piano per diversi comparti industriali: edilizia, automotive, applicazioni solari e altre specializzazioni. In totale il Gruppo, presente in 30 Paesi fra Giappone/Asia, Europa e Nord America, occupa 50.400 dipendenti in 200 società. In particolare, la divisione AGC Glass Europe, con sede a Bruxelles (Belgio), ne conta circa 13.000. Glass Unlimited è lo slogan che identifica la forte capacità propositiva del gruppo, incentrata sui seguenti punti di forza: il vetro è considerato materiale dinamico rispetto alle mutevoli e crescenti esigenze del mercato (comfort, energia, controllo solare, salute, design e sicurezza); l’innovazione dei prodotti e dei processi produttivi è basata sull'avanzata attività di ricerca tecnologica; la diffusione degli impianti comprende 130 siti, fra produzione, lavorazione o distribuzione, dalla Spagna alla Russia; il capitale umano è una risorsa per la crescita e l’innovazione.
 
Ambiente come valore fondamentale
Il vetro, che da un lato può essere riciclato più volte senza perdere di qualità, dall’altro, richiede un elevato utilizzo di energia per essere prodotto. Ottimizzare l’efficienza energetica degli impianti di produzione è quindi fra le priorità di AGC Glass Europe, che mette in atto sfruttando la rete di informazioni e le consolidate buone pratiche interne. Il gruppo è stato il primo produttore di vetro in Europa ad adottare un metodo di combustione che garantisce un notevole risparmio energetico; inoltre si è affermato per la produzione di vetri con rivestimento magnetronico (superisolanti e a controllo solare), che contribuiscono a ridurre il consumo di energia per il riscaldamento e la climatizzazione.
Due gli obiettivi strategici di AGC Glass Europe: lo sviluppo di nuovi prodotti che migliorano le prestazioni ambientali durante l'intero ciclo di vita, compresa la fase di riciclaggio; l’utilizzo, nei processi di produzione, di tecnologie pulite per contribuire efficacemente alla salvaguarda ambientale; l’utilizzo di trasporti su rotaia.
 
Certificazione ecosostenibile
AGC da subito ha fatto proprio il concetto Cradle to Cradle (dalla Culla alla Culla) ottenendo, prima fra le aziende produttrici di vetro in Europa, la certificazione per i vetri float e i vetri con rivestimento magnetronico. La certificazione “Cradle-to-Cradle”, che è stata elaborata nel 1995 dall’organismo indipendente MBDC, attesta infatti l’impegno, da parte di un’azienda, a sviluppare i propri prodotti, il sistema di produzione e dei trasporti all’insegna di una politica di rispetto ambientale e, in particolare, offre un indice di valutazione della sostenibilità di un prodotto lungo l’intero ciclo di vita. AGC ha ottenuto la certificazione C2C in quanto soddisfa tutti questi ambiti: utilizzo di materiali sicuri per la salute umana e per l'ambiente; progettazione di prodotti e sistemi che permettono di recuperare e riutilizzare materiali, per esempio con il riciclaggio o il compostaggio; utilizzo di energie rinnovabili e sistemi di produzione efficienti dal punto di vista energetico; utilizzo efficiente di risorse idriche, garantendo la massima qualità delle acque dopo il processo di produzione; attuazione di strategie di responsabilità sociale.
 
Vetro a servizio dello sviluppo ambientale
Il Gruppo AGC considera il cambiamento climatico, pur nella sua complessità, un fattore di responsabilità aziendale, ma anche una grande opportunità. All’interno del proprio settore produttivo, che richiede grandi volumi di energia, AGC è impegnata a dimezzare il consumo energetico nei processi di lavorazione del vetro, attraverso tecnologie innovative che possano ridurre in modo consistente l'impatto ambientale e i costi. L’esempio più recente (dicembre 2010) riguarda l’utilizzo dell’elettricità generata dai 22.500 metri quadrati di pannelli fotovolatici installati sul tetto dello stabilimento di Cuneo, con una produzione annua di circa 3.000 MWh in grado di soddisfare circa il 10% dell’energia necessaria al sito. Si tratta del progetto PV che è gestito da Glass Power Italy, la joint venture fra AGC e Green-Invest.
Green-Invest si occupa dell’engineering, della scelta dei fornitori e della gestione dell’impianto, mentre AGC concede in affitto il tetto alla joint-venture per 25 anni. Questo non è l’unico progetto verde che coinvolge lo stabilimento di Cuneo. AGC Flat Glass Italia sta investendo in un Organic Rankine Cycle per produrre elettricità grazie al recupero del calore non utilizzato per la produzione del vetro.
 
Architetture di vetro
Il vetro è il materiale che meglio identifica l’architettura contemporanea e la sua rapida evoluzione formale e tecnologica. Il vetro è sinonimo di trasparenza, chiarezza, rapporto diretto con il contesto. E’ un materiale simbiotico in quanto mutevole alle diverse condizioni atmosferiche e nello stesso tempo in grado di relazionarsi con l’ambiente circostante, senza prevaricarlo. Il vasto utilizzo nel settore delle costruzioni  è incentivato dalla messa a punto di prodotti all’avanguardia in grado di soddisfare richieste progettuali anche molto complesse. La ricerca tecnologica che da sempre caratterizza il Gruppo AGC gli consente di proporre sul mercato internazionale soluzioni innovative e personalizzate riguardo a diversi ambiti progettuali: trasmissione luminosa, controllo solare, isolamento termico e acustico, sicurezza, risparmio energetico, massima trasparenza e aspetto estetico degli edifici e interior design.
 
Ricerca e sviluppo=innovazione
Per AGC Glass Europe l’investimento nella ricerca e nello sviluppo sono imprenscindibili per l’innovazione continua di prodotto e di sistema, soprattutto per rimanere al passo con le ultime tendenze del mondo delle costruzioni e di politica ambientale europea: architettura sostenibile e con consumo di energia quasi zero. E’ il motivo per cui AGC Glass Europe sta realizzando in Belgio un nuovo centro ricerche dove lavoreranno 250 ricercatori, il doppio rispetto a quelli attuali, e sta puntando su prodotti con elevate caratteristiche d’isolamento termico e controllo solare, ma ancora di più su vetri attivi ossia capaci di adattarsi al cambiamento delle condizioni climatiche.


AGC Flat Glass Italia su Edilportale.com
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
BIM: professionisti italiani, siete pronti? Leggi i risultati