Carrello 0
AZIENDE

Tecnostrutture presenta al Saie I.lab, il laboratorio di Italcementi

Commenti 3004

La progettazione strutturale delle Travi REP ® per la copertura dell’I.lab

Commenti 3004
04/10/2011 - Si terrà Venerdi 7 ottobre in occasione del SAIE 2011 alle ore15.00 presso lo Stand STRAUSS 7, Pad 33/b30-c31 la presentazione del caso I.lab, il laboratorio tecnologico e scientifico di Italcementi, realizzato su concept architettonico dell’arch. Richard Meier. Il progetto strutturale è realizzato con software di calcolo Strauss7 e REP®Design.
 
Tecnostruttureè stata selezionata da Italcementi quale partner tecnologico di riferimento. Il progetto prevede una superficie di circa 11.000 mq, di cui 7.500 adibiti a laboratori. L'impiego di materiali d'avanguardia, di sistemi fotovoltaici, solari e geotermici contraddistingue l’I.lab come edificio dal contenuto tecnologico di alta sostenibilità. Il progetto mira ad ottenere, in collaborazione con il Dipartimento di Energetica del Politecnico di Milano, il titolo di “Partner” del programma europeo “GreenBuilding” e la certificazione statunitense LEED Platino (Leadership in Energy and Environmental Design).
 
L’approfondimento verrà fatto a più mani e vedrà l’intervento dell’ing. Marco Verdina progettista strutturale dell’opera, dall’ing. Gennaro Guala, consulente di Italcementi, e dall’ing. Massimo Bozzo che ha seguito la progettazione delle Travi REP® di copertura a guscio  dell’i.lab, parte caratterizzante dell’intero edificio.
 
Il progetto architettonico prevedeva sbalzi fino a 18 m. con conseguente disomogeneità di carichi. La copertura dell’i.lab svolge un importante ruolo di moderazione dell'irraggiamento solare sulle facciate trasparenti ed è fra gli elementi architettonici più interessanti nel complesso edilizio. E’ composta da grandi elementi prefabbricati in calcestruzzo bianco, estremamente sottili e da una struttura metallica predisposta per la post tensione una volta completato il getto di copertura. All’interno della struttura metallica vi sono delle guaine con trefoli di acciaio, annegate nel getto di completamento, che una volta asciugato, vengono tesate per controllare gli sbalzi della struttura che vanno dai 10 ai 18 metri.
 
L'evoluto concept architettonico del progettista statunitense Richard Meier ha richiesto l'adozione del Sistema REP® per poter eliminare i pilastri sotto lo sbalzo e controllare l’abbassamento variabile della copertura regolandone la deformazione. La struttura superiore è sostenuta con l'ausilio delle travi reticolari autoportanti miste acciaio calcestruzzo REP®TR, prodotte da Tecnostrutture® in acciaio per la carpenteria metallica 10025 S355, che sotto il profilo statico, offrono prestazioni più elevate rispetto alle altre, a fronte di pesi più contenuti e, dal punto di vista operativo, tempi di esecuzione estremamente rapidi.
 
Il progetto esecutivo è stato definitivamente messo a punto con la consulenza di Tecnostrutture. Considerata  la particolarità e l’importanza stessa dell’intervento sono stati formulati e confrontati i risultati numerici provenienti da tre differenti programmi di calcolo sia per quanto riguarda la ricerca dei parametri della sollecitazione che nell’analisi della deformabilità e dei benefici della post-tensione, oltre alla verifica di ogni singola Trave REP® adottando schemi di calcolo semplificati secondo i principi della Scienza delle Costruzioni.
 
L’ing. Verdina, progettista principale dell’opera, ha trasmesso a Tecnostrutture il modello FEM realizzato con Strauss7 dell’intera costruzione  con la relativa analisi dei carichi ed ipotesi progettuali. Successivamente si è provveduto in prima istanza alla realizzazione di una nuova modellazione FEM  per un raffronto immediato sui parametri di sollecitazione. Vista la congruenza dei due modelli si è proceduto alla progettazione dei componenti del Sistema REP® mediante il software REP®Design limitando la discretizzazione alle sole Travi REP® di copertura.


Tecnostrutture su Edilportale.com
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Il programma del Governo Conte bis. Come realizzarlo? Partecipa