Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Pannelli innovativi per l’edilizia con prodotti di scarto, il progetto di Enea
TECNOLOGIE Pannelli innovativi per l’edilizia con prodotti di scarto, il progetto di Enea
NORMATIVA

Incarichi di progettazione, proposte nuove liberalizzazioni

di Paola Mammarella

Se confermati dalla Camera, potrebbero essere affidati senza gara i servizi di ingegneria e architettura fino a 193 mila euro

Vedi Aggiornamento del 04/04/2012
Commenti 10985
24/10/2011 – Nuovi limiti alle gare per l’affidamento dei servizi di ingegneria e architettura. È lo spirito del ddl sullo Statuto delle imprese, approvato la settimana scorsa dal Senato, che passa ora all’esame della Camera.
 
Nel testo, nato per agevolare l’attività delle piccole e medie imprese, sono stati inseriti alcuni emendamenti che incidono sul Codice Appalti.
 
Se i contenuti dovessero essere confermati anche alla Camera, passerebbe da 100 mila a 125 mila euro la soglia minima per l’affidamento con gara dei servizi di ingegneria e architettura da parte delle Amministrazioni centrali.
 
Si innalzerebbe invece da 100 mila a 193 mila euro la soglia per gli affidamenti con gara da parte delle amministrazioni territoriali e locali.
 
Rientrano in queste attività gli incarichi di progettazione, il coordinamento della sicurezza in fase di progettazione, esecuzione e collaudo e la direzione dei lavori.
 
L’innalzamento delle soglie proposto dallo Statuto delle imprese segue quello operato dal Decreto Sviluppo della scorsa estate, che ha agito nell’affidamento degli appalti con procedura negoziata e procedura semplificata ristretta.
 
Già in fase di conversione del decreto, la Lega Nord aveva tentato di portare a 193 mila euro la soglia per l’affidamento senza gara dei servizi di progettazione (Leggi Tutto).
 
L’idea, bocciata in estate, è tornata attuale e con l’ok della Camera potrebbe introdurre una nuova modifica alla disciplina del Contratti Pubblici.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Mario

Interessante, speriamo che non si cambi tutto per non cambiare niente

thumb profile
Danilo

Ok sto già preparando le valigie per andarcene a lavorare in un altro stato, tanto con questi termini non si lavorerà più. Evidentemente per vivere in questo paese bisogna avere il cognome o qualche legame di parentela con i signori delle amministrazioni. Bye Bye Italia.