Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus, in arrivo deroghe alle distanze e varianti semplificate
RISPARMIO ENERGETICO Superbonus, in arrivo deroghe alle distanze e varianti semplificate
AZIENDE

Inaugurazione Stazione Tiburtina: pericolo manifestazioni sventato, grazie a Betafence

Il perimetro della struttura è stato messo in sicurezza con i pannelli mobili Publifor

Commenti 2527
28/11/2011 - L’Alta Velocità avrà uno snodo chiave, quello della nuova Stazione Tiburtina, inaugurata oggi alla presenza del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, del Presidente del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, Lamberto Cardia, e all'Amministratore Delegato, Mauro Moretti (leggi la notizia).
 
Lo scalo ferroviario riprenderà a funzionare dopo l’incendio che lo scorso 24 luglio ne distrusse completamente la sala relais bloccando tutte le funzionalità, dando il via al servizio di ‘Alta velocità’ che da metà dicembre entrerà a pieno regime.
 
Realizzato dallo studio romano Abdr, con  una notevole attenzione per la scelta dei materiali, il progetto segna un punto di svolta per l’intero sistema dell'alta velocità nazionale. Con 48mila metri quadrati tra spazi direzionali, ricettivi, commerciali e culturali, si tratta della prima delle sei stazioni che costituiranno i nodi del trasporto veloce su rotaia.
 
Nonostante l’allerta per la presenza di  manifestanti - associazioni di quartiere, lavoratori del settore, sindacati e anche No Tav - la cerimonia inaugurale si è svolta senza pericoli per l’incolumità degli astanti, grazie al rafforzamento della sicurezza del perimetro della nuova stazione mediante moduli di recinzione mobili Betafence ed il presidio dalle forze dell’ordine.
 
È bastata una sola giornata di lavori per l’intervento di messa in sicurezza della zona con la posa di 200 moduli mobili Publifor®, pannelli rigidi e robusti progettati per eventi con grande presenza di pubblico.


BETAFENCE ITALIA su Edilportale.com

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui