Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus, da Fondazione Inarcassa chiarimenti su finestre, impianti e parti non riscaldate
RISPARMIO ENERGETICO Superbonus, da Fondazione Inarcassa chiarimenti su finestre, impianti e parti non riscaldate
AZIENDE

La terra di San Francesco rivive grazie al sodalizio tra Rehau e il FAI

Commenti 2471
21/11/2011 - Lo scorso 11 novembre, a distanza di circa un anno dall’inizio dei lavori, è stato inaugurato il nuovo Bosco di San Francesco ed il complesso monastico di S. Croce di Assisi, risultato di un importante intervento di riqualificazione e di restauro conservativo che ha visto REHAU collaborare a stretto contatto con il FAI (Fondo Ambiente Italiano).
 
Accomunati dalle stesse linee guida, prima fra tutte la tutela dell’ambiente, e mossi dallo stesso obiettivo di promozione di una cultura di rispetto della natura come parte integrante della propria identità, REHAU e il FAI hanno stretto un sodalizio sinergico che ha permesso di restituire agli italiani la terra in cui, più di otto secoli fa, San Francesco ha vissuto e lanciato il suo messaggio di armonia fra Uomo e Natura.     
 
L’intervento di restauro conservativo gestito dal FAI ha interessato, innanzi tutto, la pulizia e la riqualificazione vegetale dell’area boschiva e dei suoi sentieri, che coprono ben 60 ettari, per poi dedicarsi alla ristrutturazione degli edifici, ed in particolare, la Chiesa di Santa Croce con l'affresco di una croce senza il corpo di Cristo, il risanamento delle travi ed il nuovo tetto dell’antico mulino e l’innalzamento delle mura di cinta del prezioso convento benedettino.
 
REHAU, sponsor tecnico del progetto, ha invece donato alcune tra le sue più tecnologiche soluzioni impiantistiche per il risparmio energetico, consentendo di preservare l’identità originale degli edifici ed al contempo creare una struttura efficiente dal punto di vista energetico.   
 
Per garantire una climatizzazione degli edifici innovativa e dal comfort elevato, REHAU ha studiato un’applicazione ad hoc del suo pacchetto efficienza energetica sulla base delle esigenze energetiche della Chiesa di Santa Croce, del convento benedettino e dell’antico mulino. Integrando in un'unica soluzione sistemi radianti a pavimento, per una emissione di calore omogenea e controllata, sonde geotermiche per l’estrazione del calore presente nel terreno e pompe di calore per l’alimentazione degli impianti di climatizzazione, REHAU ha consentito agli edifici del Bosco di San Francesco di utilizzare e di produrre energia in modo efficiente e sostenibile.
 
Il sistemi di riscaldamento/raffrescamento radiante a pavimento REHAU sono concepiti per favorire una notevole riduzione dei consumi energetici ed offrire massimo comfort grazie alla trasmissione del calore per irraggiamento. Il consumo di energia ridotto è il risultato di temperature di mandata inferiori, per cui ad ogni grado di riduzione della temperatura di mandata si ottiene un risparmio di energia fino al 6%. Ideali per riscaldare in inverno e rinfrescare in estate, i sistemi REHAU installati consentono di migliorare l’isolamento termico degli edifici attraverso un elevato rendimento di emissione e grazie all’utilizzo di uno strato di isolante aggiuntivo su cui sono posizionati i tubi Rautherm S. Eliminando le superfici riscaldanti statiche, inoltre, le soluzioni REHAU adottate non sono risultate invasive dal punto di vista estetico, a tutto vantaggio del mantenimento dell’identità originale degli edifici.
 
Perfettamente integrabile con il sistema radiante a pavimento, la pompa di calore REHAU GEO consente di recuperare dal terreno fino al 75% dell’energia prodotta, riducendo sensibilmente le emissioni di CO2. Per il progetto Bosco di San Francesco è stata studiata un’applicazione ad hoc che consente di coprire il fabbisogno energetico necessario ad alimentare un impianto di climatizzazione completo, sia per il riscaldamento invernale che per il raffrescamento estivo.
 
Per assicurare un  funzionamento efficiente e senza interruzioni, la pompa di calore REHAU è stata opportunamente collegata a quattro sonde geotermiche RAUGEO, inserite in perforazione di profondità di 100 m e capaci di garantire una quantità sufficiente di calore e la temperatura costante per la miglior resa del sistema in riscaldamento. Per il raffrescamento, invece, la pompa di calore REHAU GEO consente il funzionamento dell’impianto tramite lo scambio diretto del calore terrestre con l’ambiente da raffrescare (“free cooling”), incrementando notevolmente l’efficienza energetica del sistema di climatizzazione.
 
Per maggiori informazioni: www.fondoambiente.it/beni/bosco-di-san-francesco-i-beni-del-fai.asp
 


REHAU su Edilportale.com


Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui