Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Infissi, ok al superbonus se non vengono ampliati
RISPARMIO ENERGETICO Infissi, ok al superbonus se non vengono ampliati
NORMATIVA

Gare di progettazione, in ottobre il mercato torna negativo

Oice contro la nuova soglia di 193.000 euro per l’affidamento senza gara

Vedi Aggiornamento del 03/05/2012
Commenti 3278
16/11/2011 - Dopo la piccola ripresa estiva, torna in campo negativo l’andamento del mercato nel mese di ottobre: -11,7% in valore su ottobre 2010, che porta all’8,5% la perdita in valore dei primi dieci mesi del 2011 sull’analogo periodo del 2010.
 
Questo, in estrema sintesi, è quanto emerge dall'aggiornamento al 31 ottobre dell’osservatorio OICE-Informatel sul mercato pubblico dei servizi di ingegneria e architettura.

Le gare rilevate nel mese di ottobre sono state 266 (di cui 24 sopra soglia), per un importo complessivo di 28,4 milioni di euro (18,9 sopra soglia). Rispetto ad ottobre 2010 il numero dei bandi scende del 14,2% (-7,7% sopra soglia e -14,8% sotto soglia) e il loro valore, come detto, cala dell’11,7% (-11,7% sopra soglia e -11,4% sotto soglia).

Nei primi dieci mesi del 2011 sono state indette complessivamente 3.247 gare (di cui 363 sopra soglia), per un valore complessivo di 475,8 milioni di euro (358,3 sopra soglia). Il confronto con lo stesso periodo del 2010 è negativo: mentre il numero delle gare sale del 3,0%, il loro valore scende dell’8,5%.

Continuano ad essere eccessivi i ribassi con cui le gare vengono aggiudicate: in base ai dati raccolti ad ottobre il ribasso medio sul prezzo a base d'asta, per le gare indette nel 2010, è al 41,4% (era al 41,5% alla fine del mese di settembre). Le prime informazioni sulle principali gare indette nel 2011 e già aggiudicate ci danno un ribasso medio del 40,8%.

“L’autunno ha spazzato via i timidi segnali positivi dell’estate - ha detto il presidente dell’OICE Gabriele Giacobazzi. Viene da chiedersi se, con il valore di soli 475 milioni messo in gara in dieci mesi, si possa ancora parlare di un mercato dei servizi di ingegneria. E ancora di più c'è da chiedersi quale mercato potrà esserci in futuro se anche il legislatore si ingegna a fare sparire quel minimo di concorrenza e trasparenza che, con tanta fatica, dal 1994 ad oggi, era stata conquistata e strappata alle paludi dell'intuitus personae.
 
La sciagurata norma contenuta nello Statuto delle Imprese approvata qualche giorno fa, che porta a 193.000 euro la soglia dei 100.000 euro fino alla quale è possibile scegliere con procedura negoziata i progettisti, rappresenta un pesante vulnus per il nostro mercato che avrà conseguenze devastanti anche per le gare di rilievo comunitario che ci attendiamo, nei prossimi mesi, caleranno drasticamente. Non sono certamente queste le misure, volute prevalentemente dalla Lega nord - ha continuato il presidente OICE - che possono agevolare la presenza sul mercato delle piccole e medie imprese, tutt'altro. Si vedrà che alla lunga saranno proprio le P.M.I. che sono oggi sul mercato, sì con fatica, ma in piena trasparenza, ad essere le più danneggiate da questa pessima novella. Su questo punto auspichiamo che il Governo possa dare un immediato segnale di cambiamento di rotta.
 
Così come con le prossime misure per la crescita ci attendiamo che possa essere affrontato con serietà e determinazione il problema dei ritardati pagamenti, agendo sia sul rapido recepimento delle direttive europee, sia agevolando anche la certificazione dei crediti che gli operatori economici hanno da tempo con le Amministrazioni. Si deve avere il coraggio di investire risorse per evitare alle imprese il tracollo per mancanza di liquidità: è inammissibile che chi ha lavorato, in un mercato difficile con sconti molto forti, ma con una qualità sempre crescente, debba essere penalizzato e rischiare di chiudere la propria attività. E' tempo di rilanciare il settore - ha concluso Gabriele Giacobazzi - e bisogna partire dal tema dei pagamenti, per poi pensare alle risorse, all'incentivazione del PPP e delle iniziative di trasformazione urbana che possono vedere le organizzazioni di ingegneria e architettura svolgere un ruolo di primissimo piano".


Fonte: Oice

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui