Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus, in condominio proroghe al 31 dicembre 2025 solo per i lavori trainanti
NORMATIVA Superbonus, in condominio proroghe al 31 dicembre 2025 solo per i lavori trainanti
NORMATIVA

Il Governo Monti in Parlamento annuncia rigore, crescita, equità

di Rossella Calabrese

Tra le misure annunciate: reintroduzione dell’Ici, revisione delle imposte immobiliari, riduzione delle tasse sul lavoro

Vedi Aggiornamento del 22/11/2011
17/11/2011 - Il Governo guidato da Mario Monti è alla prova del Parlamento. Il neo-premier è oggi in Senato per presentare il programma di Governo e per chiedere la fiducia. Domani sarà alla Camera.
 
Pareggio di bilancio, equità e crescita sono le linee guida illustrate dal presidente del Consiglio Monti.
 
Per raggiungere il pareggio del bilancio dello Stato nel 2013 sarà imposto il vincolo di bilancio in pareggio alle amministrazioni pubbliche. “Daremo piena attuazione alle manovre varate nell’estate e alle lettere d’intenti all’Ue, poi valuteremo interventi correttivi” ha detto Monti annunciando anche riforme del sistema previdenziale e assistenziale, contenimento dei costi della politica, e la riduzione fino alla completa eliminazione delle Province.
 
Una delle ipotesi prospettate è la reintroduzione dell’Ici, la cui abolizione, ha spiegato Monti, “è un’anomalia italiana”, accompagnata da un intervento sulle imposte immobiliari.
 
Sul fronte dell’equità, il primo passo sarà la lotta all’evasione fiscale e all’illegalità, con il monitoraggio “non solo del reddito, ma anche dei patrimoni accumulati”. Occorre “abbassare la soglia dell’uso del contante” ha detto il premier, e migliorare gli strumenti di “accertamento induttivo del reddito”.
 
Annunciati anche interventi sul mercato del lavoro, “senza toccare i contratti di lavoro dipendente in essere”.“Nel mercato del lavoro - ha detto Monti - alcuni sono fin troppo tutelati mentre altri sono privi di tutela. Ci dovrà essere un sistema più equo con riforme applicate solo ai nuovi rapporti di lavoro per facilitare la crescita della produttività”.
 
Per favorire la crescita si prospetta una riduzione del prelievo fiscale e contributivo sul lavoro, da finanziare con più imposte sui consumi e sui patrimoni immobiliari. Misure saranno messe in campo per favorire “la nascita di nuove imprese e l’ingresso nel mercato del lavoro di giovani e donne, le grandi risorse sprecate del Paese”. Annunciati anche interventi mirati su scuole e aree in ritardo.
 
 
La fiducia del Parlamento
Stasera il Senato sarà chiamato a votare la fiducia al Governo Monti. Domani mattina sarà la volta della Camera: prima ci sarà la discussione generale sulle comunicazioni del Governo. A mezzogiorno, in diretta televisiva, la replica del presidente del Consiglio e, subito dopo, le dichiarazioni di voto. Nel pomeriggio il Governo Monti riceverà la fiducia di Montecitorio.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui