Carrello 0
LAVORI PUBBLICI

Appalti, noti da subito i criteri di scelta

di Paola Mammarella

Dall’Authority la guida che coniuga concorrenza e offerta economicamente più vantaggiosa

Vedi Aggiornamento del 30/01/2013
13/12/2011 – Come applicare il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa negli appalti di servizi e forniture, limitando la discrezionalità dell’amministrazione e tutelando la concorrenza. Lo spiega l’Autorità di Vigilanza sui contratti pubblici nella determinazione 7/2011.
 
Secondo l’Authority, è necessario coniugare l’imparzialità e l’oggettività del giudizio sulle offerte con il rispetto delle scelte operate a discrezione dell’Amministrazione nella scelta del contraente.
 
Per questo è utile che la Stazione Appaltante scelga prima dello svolgimento della gara gli aspetti su cui è fondata la scelta, sui quali si basano anche i criteri di valutazione e i sub criteri.
 
Le linee guida elaborate dall’Authority individuano quindi la scelta del corretto criterio di valutazione e i pesi o fattori di ponderazione, cioè i dati numerici che esprimono l’importanza che la stazione appaltante attribuisce a quel criterio di valutazione.
 
Nei criteri rientrano prezzo, qualità, caratteristiche estetiche e funzionali, caratteristiche ambientali, costo di utilizzazione e manutenzione, redditività, servizio successivo alla vendita, termine di consegna o di esecuzione, sicurezza di approvvigionamento, nonché durata del contratto e modalità di gestione.
 
I criteri devono essere collegati all’oggetto dell’appalto, indicati nel bando e conformi alle norme comunitarie.
 
Ne consegue che le Stazioni Appaltanti non devono mai avere una libertà incondizionata di scelta.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Treno

Finalmente si tornerà a gare meno faziose e gestite da funzionari corrotti alla ricerca di qualche tangente. Era diventato insopportabile. 


x Sondaggi Edilportale
BIM: professionisti italiani, siete pronti? Partecipa