Carrello 0
MERCATI

A dicembre appalti in aumento del 48,7%

Oice: recuperano anche gli appalti misti di progettazione e costruzione

Vedi Aggiornamento del 16/10/2012
20/01/2012 - Il 2011 si chiude con il mese di dicembre che fa registrare un +48,7% in valore rispetto a dicembre 2010, che porta il totale del 2011 ad un -4,8% rispetto all’anno precedente; il primo semestre si era chiuso con un pesante -34,2% rispetto al primo semestre del 2010.

Questo in sintesi risulta dall’aggiornamento al 31 dicembre dell’osservatorio OICE-Informatel sul mercato pubblico dei servizi di ingegneria e architettura.

Le gare rilevate nel mese di dicembre sono state 280 (di cui 26 sopra soglia), per un importo complessivo di 48,3 milioni di euro (37,5 sopra soglia). Rispetto a dicembre 2010 il numero dei bandi scende del 22,2% (-49,0% sopra soglia e -17,8% sotto soglia) e il loro valore, come detto, cresce del 48,7% (+97,8% sopra soglia e -20,3% sotto soglia).

In tutto il 2011 sono state indette complessivamente 3.827 gare (di cui 424 sopra soglia), per un valore complessivo di 560,1 milioni di euro (420,3 sopra soglia). Il confronto con lo stesso periodo del 2010 è negativo: il numero delle gare scende dell’1,8% e il loro valore del 4,8%. Continuano ad essere eccessivi i ribassi con cui le gare vengono aggiudicate: in base ai dati raccolti a dicembre il ribasso medio sul prezzo a base d’asta, per le gare indette nel 2010, è al 41,8%. Le prime informazioni sulle principali gare indette nel 2011 e già aggiudicate ci danno un ribasso medio del 40,7%.

“Anche il mercato, con il risultato di novembre - ha dichiarato il presidente dell’OICE Gabriele Giacobazzi - sembra in attesa di conoscere i provvedimenti del nuovo Governo. Per il momento non possiamo che salutare con vivo apprezzamento la soppressione della norma della legge statuto di impresa che, su spinta della Lega nord, ha innalzato il tetto per gli affidamenti a trattativa privata di servizi di ingegneria e architettura fino alla soglia comunitaria dei 193.000; riportare a 100.000 questa soglia significa muoversi in linea con quei principi di concorrenza e trasparenza che necessariamente devono essere perseguiti con determinazione in un periodo così delicato come è quello che stiamo attraversando.
 
Altrettanto positive sono le norme tese a incentivare il ricorso alla finanza di progetto e alle liberalizzazioni; per quel che riguarda la finanza di progetto in particolare si tratta di misure che, a nostro avviso, potrebbero anche essere migliorate estendendole a tutti i settori e non solo a quelli del trasporto. Mancano a nostro avviso ancora - ha continuato il presidente OICE - degli interventi efficaci sul fronte della certificazione dei crediti che le imprese e i professionisti vantano da ormai troppo tempo; così come si potrebbe agire con maggiore determinazione sul taglio delle spese correnti. Su quest’ultimo fronte da sempre per l’OICE è prioritario eliminare l’incentivazione del 2 per cento per la progettazione e la direzione lavori svolta dai tecnici delle Amministrazioni pubbliche; siamo dell’opinione che l’Amministrazione non debba progettare ma programmare e controllare. Eventualmente si potrebbe prevedere un incentivo - peraltro di minore entità - per la programmazione e per il controllo dell’iter di esecuzione delle opere.
 
Infine si dovrebbe intervenire sul corpus del Codice dei contratti per ridare al progetto quella centralità che fino ad oggi è stata disattesa, intervenendo ad esempio sulla riduzione della casistica per gli appalti integrati. Il lavoro da fare, sotto questo aspetto, è tanto - ha concluso Gabriele Giacobazzi - l’auspicio è che questo Governo, nel poco tempo che avrà a disposizione, possa dare segnali chiari e netti sposando una linea di efficienza ed efficacia degli interventi che non potrà che passare, nel nostro settore, per una enfatizzazione della qualità progettuale".
 
 
Fonte: OICE
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
BIM: professionisti italiani, siete pronti? Leggi i risultati