Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Regolamento edilizio tipo, cosa c’è da sapere per il calcolo delle volumetrie
NORMATIVA Regolamento edilizio tipo, cosa c’è da sapere per il calcolo delle volumetrie
NORMATIVA

Piano Casa Lombardia, Legambiente critica su sottotetti e interrati

di Paola Mammarella

Ambientalisti: il nuovo testo nasconde la regolarizzazione di abusi e non promuove la qualità edilizia

Vedi Aggiornamento del 04/04/2012
Commenti 13739
18/01/2012 – Più vicina l’approvazione del ddl per la modifica del Piano Casa in Lombardia. Ma con qualche polemica. Secondo Legambiente Lombardia, la norma, che consente il recupero dei sottotetti a fini abitativi e per la sostituzione delle coperture di amianto, nasconderebbe il condono di irregolarità commesse negli ultimi cinque anni.
 
Cosa prevede il ddl
La proposta di legge allo studio del Consiglio Regionale prevede il recupero dei sottotetti a fini abitativi modificando la Legge Regionale 12/2005. È consentito il recupero volumetrico a solo scopo residenziale dei sottotetti di edifici esistenti al 31 dicembre 2010 o assentiti sulla base di permessi di costruire rilasciati entro la stessa data o di Dia presentate entro il primo dicembre 2010. La modifica, si legge nella relazione, include nel raggio d’azione della norma gli edifici ultimati nel quinquennio 2005-2010.
 
Il testo recepisce anche le novità del Decreto Sviluppo, rendendo possibile il recupero dei sottotetti realizzati sulla base di titoli abilitativi perfezionati per silenzio-assenso successivamente ai termini stabiliti.
 
Tranne che nei centri storici, nella realizzazione dell’intervento può essere superato di 1,5 metri il limite di altezza massima degli edifici, posto nello strumento urbanistico comunale.
 
Per incentivare la rimozione e lo smaltimento dell’amianto, gli interventi possono comportare la modifica delle falde fino ad una pendenza massima del 40 per cento, in deroga ai limiti di edificabilità e di altezza massima posti dagli strumenti di pianificazione comunale. Nel caso in cui il sopralzo dia luogo ad un piano sottotetto o a un vano con caratteristiche di abitabilità, l’intervento deve essere assoggettato a permesso di costruire in modo da stabilire che la superficie non è utilizzabile a fini abitativi, a meno che l’avente diritto non inoltri un’istanza per la trasformazione a scopo residenziale.
 
I commenti
Il ddl ha incassato il giudizio negativo di Legambiente Lombardia, che avrebbe preferito invece non “perdere l’occasione per di promuovere la qualità edilizia”.
 
Secondo l’associazione ambientalista, che mette sotto accusa il recupero dei sottotetti e la realizzazione di rimesse interrate in deroga al rispetto del rapporto drenante minimo, dovrebbero essere maggiormente premiati gli interventi che consentono il miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici.
 
Gli ampliamenti volumetrici dovrebbero prestare inoltre maggiore attenzione all'accessibilità ai servizi di mobilità collettiva da parte delle nuove unità abitative realizzate.
 
Per gli sviluppi definitivi si dovrà ora attendere l’approvazione definitiva del Consiglio Regionale, che potrebbe decidere o meno la modifica di alcuni contenuti.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui