Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Subappalto, i giudici italiani si allineano all’UE: no al limite del 30%-40%
NORMATIVA Subappalto, i giudici italiani si allineano all’UE: no al limite del 30%-40%
RISPARMIO ENERGETICO

Clini: il fotovoltaico è fermo al 10-12% delle sue potenzialità

di Rossella Calabrese

Necessario potenziare le rinnovabili, investendo su ricerca e sviluppo

Vedi Aggiornamento del 17/04/2012
Commenti 11204
11/01/2012 - Potenziare le rinnovabili, investendo su ricerca e sviluppo; incrementare il fotovoltaico, puntando su grandi quantità di energia in piccole estensioni; sviluppare l’eolico, specialmente per gli usi civili.
 
Lo ha detto due giorni fa il Ministro dell’Ambiente, Corrado Clini, intervenendo su RaiUno alla trasmissione “Uno Mattina”.
 
“Nei prossimi anni - ha affermato il Ministro - il fotovoltaico dovrebbe fare un salto tecnologico come quello compiuto alla fine degli anni ‘80 dalla telefonia nel campo delle comunicazioni. Il settore ha un potenziale enorme di sviluppo, attualmente viene infatti utilizzato soltanto il 10-12% dell’energia solare”.

Il Ministro ha anche sottolineato l’importanza dello snellimento dell’iter autorizzativo per gli impianti di energia rinnovabile: “Abbiamo due impegni: finire di giocare al gioco dell’oca per le autorizzazioni relative agli impianti, versante sul quale stiamo lavorando, e dare garanzie al settore”.
 
E ha aggiunto che “il sostegno alle rinnovabili non è il peso più importante in bolletta”.

Ricordiamo che su questo tema si è accesa una polemica nei giorni scorsi che ha visto contrapposte l’Autorità per l’energia elettrica e il gas - secondo la quale gli incentivi alle rinnovabili contribuiscono ad aumentare il peso in bolletta - e Anie/Gifi, la quale sostiene che gli incentivi al fotovoltaico sono responsabili solo in minima parte dell'aumento del prezzo dell'energia elettrica (leggi tutto).

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui