Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Equo compenso, professionisti molto critici sul ddl Meloni
PROFESSIONE Equo compenso, professionisti molto critici sul ddl Meloni
NORMATIVA

Edifici abusivi, demolizione anche senza motivazione

di Paola Mammarella

Tar Lombardia: abbattuto l’immobile, anche realizzato anni prima, per non creare una sanatoria di fatto

Vedi Aggiornamento del 21/11/2017
Commenti 13530
06/02/2012 – Gli edifici abusivi costruiti in epoca remota non hanno bisogno di una motivazione dettagliata per essere demoliti. Lo ha affermato la sezione di Brescia del Tar Lombardia con la sentenza 59/2012.
 
Il Tribunale amministrativo ha convalidato la decisione di un comune lombardo che aveva comunicato ad un cittadino l’ordine di demolizione di un ripostiglio garage realizzato come pertinenza dell’abitazione e ritenuto abusivo.
 
Dopo la notifica dell’ordine di demolizione, l’interessato aveva osservato che l’immobile era stato realizzato prima del 1965. Secondo alcune pronunce del Consiglio di Stato, infatti, il lungo lasso di tempo intercorso dall’abuso e il protrarsi dell’inerzia dell’amministrazione competente avrebbero potuto creare nel privato un’aspettativa sulla necessità di motivare il provvedimento con una necessità di pubblico interesse.
 
Il Tar si è però discostato da questa posizione, affermando che non è possibile ammettere una sanatoria solo perché l’abuso è stato realizzato molti anni prima. A detta dei giudici amministrativi, in questo modo si creerebbe un clima di indeterminatezza, che lascerebbe la repressione degli abusi alla discrezione del singolo funzionario.
 
Gli illeciti edilizi, sottolinea il Tar, sono permanenti quindi ogni provvedimento repressivo interviene su una situazione antigiuridica che, anche se compiuta molto tempo prima, continua ad essere illegittima.
 
Ammettere che il tempo possa attenuare la posizione di chi ha compiuto un illecito, concludono i giudici, significherebbe creare una sanatoria di fatto. Di cui potrebbero beneficiare anche quanti non hanno colto le chances di regolarizzazione messe a disposizione con le leggi sui condoni.


Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui