Add Impression
Network
Pubblica i tuoi prodotti
Liberalizzazioni: stop del Senato alle norme sui professionisti

Liberalizzazioni: stop del Senato alle norme sui professionisti

La Commissione Giustizia chiede la soppressione delle misure su minimi tariffari, preventivo, tirocinio professionale e confidi

Vedi Aggiornamento del 22/03/2012
di Rossella Calabrese
Vedi Aggiornamento del 22/03/2012
03/02/2012 - Parte con una sonora bocciatura l’iter di conversione in legge del DL 1/2012 sulle liberalizzazioni: la Commissione Giustizia del Senato ha chiesto la soppressione dell’articolo 9, quello che contiene l’abrogazione delle tariffe professionali, l’obbligo di pattuizione del compenso e la possibilità di svolgere il tirocinio durante gli studi.
 
Secondo la Commissione, l’abrogazione delle tariffe e la mancanza del decreto ministeriale che fissi i parametri di riferimento per le liquidazioni giudiziali dei compensi ha determinato il blocco di tali liquidazioni e l’emanazione dei relativi provvedimenti. Per i senatori è, inoltre, irragionevole la norma che prevede da un lato l’evoluzione di parametri legali e dall’altro l’ineludibilità a pena di nullità dei medesimi parametri.
 
Critiche sono state mosse anche al comma 2, che introduce l’obbligo di formulazione di un preventivo dettagliato degli oneri delle prestazioni professionali: secondo la Commissione, in molti casi, soprattutto per gli avvocati, questo obbligo è inattuabile poiché riguarda un’attività per la quale il professionista assume obbligazioni di  mezzi e non di risultato, con riferimento a vicende processuali che non sono prevedibili.
 
Bocciata anche la norma sui tirocini professionali: le innovazioni introdotte appaiono - secondo i senatori - difficilmente compatibili con la natura propria di tale istituto, che è quella di formare la competenza pratica minima necessaria per l’accesso alle professioni regolamentate e non tiene conto dell’obbligo - inserito nel testo di riforma della professione all’esame del Parlamento e condiviso da tutte le forze politiche e dagli operatori - di riconoscere un equo compenso al tirocinante.
 
Nel corso della discussione, tutti i componenti della Commissione si sono espressi negativamente sull’articolo 9 del decreto-legge, indipendentemente dallo schiramento politico di appartenenza. A partire dal relatore Franco Mugnai (PdL), che ha lamentato la mancanza del decreto sulla cui base i giudici devono procedere alla liquidazione degli onorari e ha proposto una disciplina transitoria.
 
A tale proposito, il sottosegretario alla Giustizia Andrea Zoppini ha annunciato che il Governo sta valutando la predisposizione di una norma transitoria che, in ogni caso, riguarderà i rapporti giuridici non ancora sorti. Ma il senatore PdL Giacomo Caliendo ha fatto notare che il DL 1/2012 - e quindi l’abrogazione delle tariffe - è già vigente e ha chiesto che il Ministro adotti immediatamente il decreto recante i parametri per la commisurazione dei compensi.
 
Anche l’estensione ai liberi professionisti della possibilità di partecipare al patrimonio dei confidi, prevista dall’articolo 10, è stata oggetto di critiche: secondo Mugnai, l’equiparazione dei professionisti alle imprese è del tutto parziale, tenuto conto che, ad esempio, alle Società di professionisti non si applicano determinate detrazioni fiscali.
Add Impression Add Impression
Imposta la nazione di spedizione

La scelta della nazione consente la corretta visualizzazione dei prezzi e dei costi di spedizione