Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus, in arrivo deroghe alle distanze e varianti semplificate
RISPARMIO ENERGETICO Superbonus, in arrivo deroghe alle distanze e varianti semplificate
RISPARMIO ENERGETICO

Rinnovabili, il Piemonte attua le linee guida nazionali

di Paola Mammarella

Pubblicate le delibere per la realizzazione degli impianti e le aree non idonee

Vedi Aggiornamento del 22/11/2012
Commenti 5186
08/02/2012 –  Sono state pubblicate sul Bollettino Ufficiale n.5 del 2 febbraio scorso le delibere con cui il Piemonte regola l’installazione di impianti alimentati da fonti rinnovabili, dando attuazione alle linee guida nazionali.
 
La delibera 5-3314/2012 definisce il procedimento per il rilascio dell’autorizzazione per la costruzione degli impianti. Viene così attuato il DM 10 settembre 2010, recante le linee guida per l’autorizzazione degli impianti da rinnovabili, che a sua volta fornisce i parametri operativi ai sensi del D.lgs. 387/2003, adottato per il recepimento delle norme comunitarie in tema di energia rinnovabile.
 
La delibera tenta di uniformare l’operato di tutte le Province fornendo indicazioni su documentazione da presentare al momento della richiesta, oneri istruttori, iter procedurale e compatibilità paesaggistica dell’intervento.
 
La delibera 6-3315/2012 individua invece le aree non idonee all’installazione di impianti per la produzione di energia elettrica da biomasse.
 
Diventano off limits le aree sottoposte a tutela del paesaggio e del patrimonio storico, artistico e culturale, i territori dei Comuni ricadenti nella ‘Zona di Piano’ del Piano regionale di Tutela e Risanamento della Qualità dell’Aria, le aree agricole e naturali ricadenti nella prima e seconda classe di capacità d’uso del suolo, i terreni agricoli irrigati con impianti irrigui a basso consumo idrico realizzati con finanziamento pubblico e i Comuni ad alto carico zootecnico.
Gli impianti non potranno essere realizzati neanche nelle aree forestali e in quelle in dissesto idraulico e idrogeologico.
 
Il testo individua inoltre alcuni ambiti territoriali con elementi di criticità paesaggistica, ambientale, o correlata alla presenza di produzioni agricole ed agroalimentari di qualità, dove si richiede un particolare livello di attenzione nella valutazione dei progetti.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui