Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Edilportale Digital Forum, al via il primo Summit online della Filiera delle Costruzioni
TECNOLOGIE Edilportale Digital Forum, al via il primo Summit online della Filiera delle Costruzioni
NORMATIVA

Il direttore dei lavori non risponde degli infortuni

di Paola Mammarella

Cassazione: la responsabilità ricade sul direttore del cantiere che agisce per conto dell’appaltatore

Vedi Aggiornamento del 07/03/2014
Commenti 23247
12/03/2012 – Il direttore dei lavori non è responsabile degli infortuni causati dal mancato rispetto delle norme di sicurezza. Lo è invece il direttore del cantiere, che agisce per conto dell’appaltatore. Si è pronunciata in questo senso la Corte di Cassazione, annullando una sentenza d’appello che riconosceva i due soggetti entrambi colpevoli.
 
La Corte ha spiegato che nel settore degli appalti è l’appaltatore a rispondere degli eventuali danni causati a terzi dall’inosservanza delle norme. L’appaltatore svolge infatti la sua attività in modo autonomo, organizza i mezzi necessari e le modalità con cui fornire alla controparte l’opera per la quale si è obbligata.
 
Il controllo del committente, ha aggiunto la Cassazione, si limita alla verifica che l’opera affidata all’appaltatore corrisponda all’oggetto del contratto.
Dalla ricostruzione della Corte emerge che la responsabilità del committente verso terzi esiste solo se si dimostra che il fatto lesivo è stato commesso dall’appaltatore su ordine e indicazione del direttore dei lavori o di un altro rappresentante del committente. In questo caso, infatti, l’appaltatore agisce senza l’autonomia che gli compete.
Una situazione simile si verifica, ad esempio, quando i lavori sono affidati ad un’impresa priva dei mezzi tecnici per eseguire la prestazione, oppure quando il committente commette un’ingerenza nell’esecuzione dei lavori tale da ridurre l’appaltatore a mero esecutore.
 
Per far ricadere la responsabilità di un infortunio sul committente, sintetizza la Cassazione, non è sufficiente il mancato controllo dell’operato del direttore del cantiere. Questi agisce infatti per conto dell’appaltatore ed è il diretto destinatario delle norme per la sicurezza e la prevenzione degli infortuni.
 
Al contrario, conclude la Corte, il direttore dei lavori, che agisce per conto del committente, non ha alcuna ingerenza nelle decisioni sulle misure preventive. Normalmente non gli si può quindi addossare la responsabilità di incidenti provocati dal mancato rispetto delle norme antinfortunistiche.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
dott.ignazia

La figura "direttore dei lavori" nominata dal committente e svolta il più delle volte da un ingegnere o da un architetto, garantisce al committente la corretta esecuzione tecnica dei lavori.Al committente interessa che vengano usati i materiali giusti ed in giusta quantità e che il lavoro venga eseguito a regola d'arte.Perchè il direttore dei lavori, che è una figura competente, che si accorge di eventuali mancanze dell'appaltatore ma non è pagato per controllare la sicurezza,non dovrebbe essere punito, in caso di infortunio che si sarebbe potuto evitare con il suo intervento? E' pur sempre una figura presnte in cantiere per mandato del committente.

thumb profile
Geom. Claudio

Il commento Dell'ing. Lidero non si capisce. Spieghi meglio cosa vuole dire con riferimento alla sentenza che risulta essere ineccepibile.

thumb profile
luigi ing. lidero

Vai a spiegare al DD.LL. che deve contabilizzare l'impalcatura necessaria per l'esecuzione di lavori sui prospetti, cornicioni o tetto anche se nel progetto con il relativo computo metrico estimativo da lui stesso redatto (90% dei casi) non l'ha previsto.