Carrello 0
NORMATIVA

Imu su fabbricati rurali strumentali, Toscana contraria

di Paola Mammarella
Commenti 6306

Regione, Comuni e associazioni chiedono di rivedere il sistema della fiscalità territoriale

Vedi Aggiornamento del 16/04/2012
Commenti 6306
07/03/2012 – Regione Toscana, Cia, Coldiretti e Confagricoltura si schierano contro l’applicazione dell’Imu sugli immobili rurali strumentali.
 
Secondo la Regione, i Comuni e le associazioni rappresentative degli agricoltori, i fabbricati rurali ad uso strumentale sono mezzi produttivi, che non possono quindi essere considerati come un’accumulazione di ricchezza patrimoniale.
 
Secondo l’assessore all’agricoltura, Gianni Salvadori, applicare l’Imu ai fabbricati rurali ad uso strumentale significa tassare il lavoro, ponendosi in contrasto con gli obbiettivi della programmazione regionale dello sviluppo rurale, che mira al miglioramento della competitività del settore agricolo e forestale, al miglioramento dell’ambiente e alla diversificazione dell’economia rurale. Salvadori ha anche paventato il rischio che l’aumento dei costi per le imprese agricole, generato dalla nuova imposta, possa avere conseguenze negative sul livello occupazionale.
 
L’esponente di Anci Toscana, Giancarlo Innocenti, ha espresso perplessità per la scarsa manovrabilità dell’aliquota da parte dei Comuni.
 
Regioni, Comuni e associazioni di categoria hanno quindi chiesto alle istituzioni un confronto sulla fiscalità territoriale, con un occhio di riguardo alla possibilità di escludere dalla base imponibile della nuova imposta tutti i fabbricati rurali ad uso strumentale.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Manovra 2020, Decreto Clima, Bonus casa. Quali sono le misure più urgenti? Leggi i risultati