Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Al via Edilportale Live Talk, la nuova serie sulle novità tecnologiche per l’abitare
RISPARMIO ENERGETICO Al via Edilportale Live Talk, la nuova serie sulle novità tecnologiche per l’abitare
RISTRUTTURAZIONE

Stazione di Susa: corsa a 5 per la fase finale del concorso

di Mauro Lazzarotto

Norman Foster, Benedetta Tagliabue, Dietmar Feichtinger, Kengo Kuma e 5+1 AA

Commenti 6499
09/03/2012 - Corsa a cinque per la Stazione dell'alta velocità di Susa. Nonostante le polemiche, il concorso va avanti e approda alla seconda fase, che restringe a 5 il numero degli studi che entro l'estate dovranno presentare la proposta per il giudizio finale.
I cinque progetti, selezionati fra i 170 studi che hanno preso parte alla prima fase del concorso, vantano la firma di altrettante famose archistar: Norman Foster, Benedetta Tagliabue, Dietmar Feichtinger, Kengo Kuma e gli architetti genovesi Alfonso Femia e Gianluca Peluffo dello studio 5+1AA.

Norman Foster
, fresco vincitore del concorso per il Masterplan del porto vecchio di Marsiglia, e già autore di una stazione per l'alta velocità nel nostro paese, la Stazione di Firenze, che sta lentamente procedendo tra mille intoppi;

Benedetta Tagliabue
, italiana trapiantata a Barcellona dove ha aperto il celebre studio con Enric Miralles, autrice del conosciutissimo Mercato di Santa caterina e, ultimamente, del Padiglione spagnolo all'Expo di Shanghai;

Dietmar Feichtinger
, austriaco (con studio a Parigi), noto soprattutto per la Passerella Simone de Beauvoir sulla Senna, ma autore anche di altri progetti nella sua Austria, come il complesso di uffici per la Voestalpine Stahl;

Kengo Kuma, del quale pochi mesi fa è stata inaugurata la prima opera italiana, la Casalgrande hold house, con la sua poetica "Nuvola di Ceramica";

5+1 AA
di Genova, ovvero lo studio di Alfonso Femia e Gianluca Peluffo, autori di una proposta anche per la Nuova stazione di Bologna, hanno già lavorato a Torino per la ristrutturazione delle ex Officine grandi riparazioni ferroviarie.

L’opera sorgerà a Est di Susa, nell’area attualmente occupata dall’interporto, alla confluenza tra la nuova linea ad alta velocità e la storica ferrovia Torino-Susa. Per questo motivo la stazione si svilupperà su due livelli differenti per una superficie complessiva di circa 6000 metri quadrati.

Il progetto architettonico comprende anche parcheggi, stazioni per gli autobus e i taxi, aree di sosta, un'area di scambio multi-modale e gli spazi destinati ad altre funzioni accessorie.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui