Carrello 0
AZIENDE

Axor, nuove visioni per abitare l'ambiente bagno

In anteprima alla Settimana del Design

11/04/2012 -"L'unicità richiede differenza" Philippe Grohe -erede del fondatore dell'azienda Hansgrohe e responsabile del marchio design Axor- riassume così il concetto guida del marchio Axor: un patrimonio di conoscenze e soluzioni messe a disposizione di utenti e progettisti dal marchio Axor che, attraverso la collaborazione con grandi maestri del design, ha sviluppato nuove visioni per abitare lo spazio dell'igiene e del benessere.

Le collezioni Axor lungi dal disegnare ambienti "firmati" da Antonio Citterio, Philippe Starck, Jean Marie Massaud, Patricia Urquiola o dai fratelli Bouroullec, star-design del momento,  rappresentano veri e propri tool di progettazione nelle mani di chi voglia personalizzare al massimo ambienti bagno di alta qualità estetica e tecnologica.

"Da 111 anni l'acqua è al centro dei nostri pensieri e 40 anni fa siamo stati fra i primi a portare il design contemporaneo all'interno della sala da bagno con il rivoluzionario progetto di Philippe Starck" racconta Philippe Grohe "Gli ultimi 20 anni li abbiamo dedicati alla riprogettazione dell'ambiente bagno e allo sviluppo di nuovi concept destinati a rivedere il rapporto fra uomo e il suo elemento vitale".

Il rapporto quotidiano con questo elemento, sempre più prezioso, è tornato oggi ad essere il vero centro della riflessione progettuale. E le differenti abitudini ed esigenze, i contesti urbani o sociali in cui si vive (con ciò che comportano in termini di erogazione dell'acqua), la costellazione delle relazioni affettive che incidono sull'abitare...aprono a possibilità infinite di risposte, almeno quanto gli individui stessi e le loro singolari storie.

Philippe Starck, Antonio Citterio, Jean-Marie Massaud, Patricia Urquiola e i fratelli Ronan e Erwan Bouroullec sono stati selezionati da Axor non in base a "mode" del momento, quanto piuttosto per offrire approcci completamente diversi al tema del "vivere l'acqua".

Axor Massaud
propone ad esempio un "unicum" affascinante che richiami il rapporto ideale fra uomo e acqua in natura, ricreando idealmente un ambiente organico che nasconda al massimo ogni elemento tecnologico.
 
Un'idea che -sebbene da una via completamente differente- può essere realizzata anche attraverso il sistema modulare Axor ShowerCollection, disegnato da Philippe Starck per inserire "organicamente" soffioni doccia a muro, rubinetteria, mensole, luci e perfino diffusori audio in ogni superficie. Ogni elemento si presenta infatti una "sorta di piastrella" 20x20 in acciaio inox che può essere combinata in infinite soluzioni, con facilitatori di posa che permettono di creare combinazioni in verticale, orizzontale, singole o composte, a filo rivestimento.
Più facile dunque anche l'inserimento di un soffione sulla volta di un ambiente naturale, in pareti e volte rivestite di mosaici, percepibili finalmente come in natura, senza elementi sporgenti, maniglie, tubi o erogatori...

La collezione Axor Urquiola è un importante completamento della riflessione progettuale sul mondo del bagno: offre infatti una visione "al femminile" che  Patrizia Urquiola ha interpretato proprio come "libertà espressiva". Gli oltre 80 elementi di questa linea -dalla rubinetteria alla vasca, ai lavabi...fino a un complemento d'arredo inedito: un paravento/radiatore/specchio- rispondono proprio al desiderio di reinventare completamente questo ambiente della casa diventato vero fulcro colorato e vitale delle nostre esistenze.

La risposta al maschile viene da Axor Citterio: una linea forte, duratura, con  superfici lucide e brillanti, forme squadrate -nella prima versione- o metropolitane e cool nella versione CitterioM.

L'apoteosi del "concept" Axor arriva con il sistema-bagno (e guai a chiamarlo "collezione") messo a punto da Erwan e Ronan Bouroullec per Axor: in questo caso tutto può essere personalizzato. Nella collezione bagno Axor Bouroullec non esiste una rubinetteria univoca ma un erogatore a cui possono essere associate diverse manopole. Anzi più erogatori, con altezze e funzioni diverse uno dall'altro.
Sui lavabi-mensole è possibile posizionare erogatori e manopole praticamente ovunque: a sinistra per chi è mancino, o differenziando la posizione della manopola dell'acqua fredda -più accessibile e facile- da quella dell'acqua calda -resa più difficilmente raggiungibile da bambini..
 
Axor Manufaktur è un nuovo servizio che nasce come naturale evoluzione di questa filosofia basata sulla progettazione individuale del bagno. Oggi è possibile avere negli specialisti del marchio Axor un vero e proprio interlocutore per chiedere pezzi su misura, personalizzare le diverse collezioni in base alla creatività o alle esigenze dei singoli ambienti: ridurre o allungare il corpo di un miscelatore, cifrare una linea con iniziali o marchi, e perfino impreziosire alcuni dettagli con speciali finiture (oro e nichel lucidato o spazzolato).  

Salone Internazionale del Bagno
Pad 22, Stand E20 - E22


HANSGROHE su Archiproducts.com
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Bonus per la casa, come migliorarli? Leggi i risultati