Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Edilportale presenta Digital Forum, il primo Summit Online dedicato all'Industria delle Costruzioni
TECNOLOGIE Edilportale presenta Digital Forum, il primo Summit Online dedicato all'Industria delle Costruzioni
AZIENDE

Da Strukture nasce Skarpata, l'impianto fotovoltaico su terreni sconnessi e inclinati

Commenti 1351
20/04/2012 - Strukture Srl (www.strukturefotovoltaico.com) propone al mercato una nuova struttura modulare in teknocover e cemento armato precompresso per impianti fotovoltaici su terreni pendenti fino a 60°.

SKARPATA è il primo impianto fotovoltaico progettato per superfici sconnesse e inclinate, dove i sistemi tradizionali non sono utilizzabili. Il terreno di appoggio può essere indifferentemente erboso, sabbioso, sassoso o roccioso.

L’elemento modulare standard SKARPATA prevede due file di 10 moduli disposti orizzontalmente, per un totale di 20 pannelli fotovoltaici. Il sistema segue l’andamento e la pendenza del terreno, che deve essere precedentemente trattato con un telo pacciamante.

VANTAGGI:
- Utilizzo su terreni incolti con PENDENZA fino a 45° gradi, che può raggiungere i 60° con ancoraggi intermedi;
- INFISSIONE dei soli ancoraggi ad elica. Eventuali perforazioni e gettate in loco di piccoli plinti in calcestruzzo o utilizzo di tasselli chimici nel caso di terreni rocciosi;
- Utilizzo di MATERIALI COMPLETAMENTE RICICLABILI;
- Ampia versatilità del sistema grazie alla modularità e possibilità di regolazione di ogni singolo componente.

I principali elementi che compongono il sistema sono i longheroni, l’ancoraggio ad elica, le funi di collegamento e i pali in cemento armato precompresso. I longheroni di supporto sono realizzati per profilatura di nastro d’acciaio ad alto limite di snervamento. 

Per risolvere il problema dell’ossidazione e della corrosione galvanica dei longheroni a contatto con i pannelli fotovoltaici, la superficie dell’acciaio viene protetta tramite l’innovativa Teknocover, un sistema di derivazione automobilistica che consente di ottenere una resistenza alla corrosione fino a 7 volte superiore alla tradizionale zincatura a caldo, come dimostrato dalle prove di resistenza in nebbia salina.

Questo rivoluzionario rivestimento a caldo in continuo è composto da una lega di alluminio (55%), nichel (0,8%), rame (0,8%) e zinco (43,4%) ed ulteriore copertura in polimero, che rende la superficie dell’acciaio particolarmente liscia e protetta.

I pali di collegamento e di zavorra sono in cemento armato precompresso, materiale che garantisce l’assoluta  inattaccabilità da elementi corrosivi, compresi terreni acidi o caratterizzati da correnti vaganti, ed elevate caratteristiche inerziali che rendono SKARPATA assolutamente affidabile anche in caso di sollecitazioni variabili e vibrazioni (vento).

Per ancorare il sistema viene utilizzato un ancoraggio ad elica avvitato direttamente nel terreno, che consente un attacco sicuro e un immediato tensionamento dell’impianto. Gli ancoraggi ad elica non sono utilizzabili in terreni sassosi.

Le funi di collegamento e bloccaggio delle traverse sono formate dall’intreccio di fili di acciaio zincato a caldo, materiale che garantisce alta resistenza, basso allungamento e durata nel tempo.

Ogni impianto viene dimensionato per sopportare le spinte del vento e i sovraccarichi di neve, secondo le condizioni specifiche del sito in cui è installato. Per ogni impianto, vengono rilasciati il  Certificato di Garanzia dell'impianto di 20 anni e la dichiarazione di smaltimento dell'intero sistema a fine vita.

STRUKTURE su Edilportale.com

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, si parte col piede giusto? Partecipa